martedì 25 settembre 2018

Sassi Divini. Dal 5 al 7 gennaio duecento etichette tutte da conoscere

Presentata a Matera la prima edizione di Sassi Divini: Basilicata – Campania, promossa ed organizzata dall’Enoteca Regionale Lucana con il patrocinio della Città di Matera, che si svolgerà il 5, 6 e 7 gennaio.

I Sassi di MateraIl via della manifestazione è per venerdì 5 gennaio (ore 17) con la cerimonia inaugurale all’interno della Mediateca Provinciale di Matera in Piazza Vittorio Veneto. Il 6 e 7 gennaio, dalle ore 10 alle ore 21,  si potrà partecipare all’evento rivolgendosi, per le degustazioni, ai botteghini presenti in Piazza Vittorio Veneto, Via Ridola e Via Fiorentini. Il costo è di 7 euro e da diritto ad un calice per le degustazioni dei vini in mostra e ad una degustazione di prodotti tipici lucani e campani.

Presentazione Alla conferenza stampa di presentazione sono intervenuti Paolo Montrone, presidente dell’Enoteca Regionale Lucana, i presidenti del Consorzio di tutela Aglianico del Vulture Doc, del Consorzio del Grottino di Roccanova, del Consorzio di tutela Matera Doc, del Consorzio “Qui Vulture” ed Eugenio Tropeano, Delegato Ais Basilicata.

olfatto_vino.jpgI commenti «Un evento voluto dall’Enoteca Regionale Lucana – ha detto Paolo Montrone – il cui obiettivo è la comunicazione del prodotto e, conseguentemente, del territorio. L’Enoteca Regionale, soggetto istituzionale rappresentativo di un comparto in forte ascesa, è chiamata ad organizzare, in stretta e sinergica collaborazione con i Consorzi, eventi e manifestazioni finalizzate alla conoscenza del vino lucano coinvolgendo anche il food di qualità. Pertanto, Sassi Divini è solo uno dei tanti appuntamenti dedicati all’enologia che ci vedrà protagonisti anche in estate con un evento di spessore nazionale, organizzato con la Regione Piemonte. I nostri vini sono poco conosciuti, c’è ancora molto da fare sulla strada della promozione e valorizzazione ed è per questi motivi che, abbiamo inteso avviare con la prima edizione di Sassi Divini un percorso in grado di centrare, in modo più incisivo, gli obiettivi che ci siamo prefissati. La Campania è la prima regione ad essere ospitata in questa manifestazione ed è stata scelta “per ragioni di affinità geografica relativamente non solo alla vicinanza con la Basilicata, ma anche per la produzione di alcuni vitigni. Con la Campania – ha concluso il presidente dell’Enoteca regionale – ci siamo confrontati sulla produzione e commercializzazione dei prodotti ed il confronto è sempre sinonimo di crescita»

Promozione L’evento, che si inserisce in un contesto di offerta e di promozione del territorio rispondente alle nuove strategie e direttive riguardanti il turismo e le sue diverse declinazioni, intende avviare un percorso di 20 anni, durante il quale ogni edizione annovererà la partecipazione di un’enoteca regionale, rappresentativa della regione di riferimento,  di promozione delle eccellenze enologhe e gastronomiche. Da Piazza Vittorio Veneto ed attraverso il Ponticello che, da Via Lombardi porta a Via Fiorentini, si svilupperà il percorso  della manifestazione, scenario unico ed emozionale per tutto ciò che sarà in grado di suscitare.

Eventi Per tre giorni, si racconterà il vino con la musica, l’arte e la storia lungo un itinerario che interesserà il cuore pulsante della città Capitale Europea della cultura 2019. La scoperta dei vini lucani e di quelli della  Campania, la prima regione che parteciperà alla manifestazione, per un totale di circa 30 aziende ed oltre 200 etichette , consentirà di apprezzare la dedizione e la cura rivolte dai produttori, sia alla conservazione della genuinità del prodotto che all’autenticità del gusto. Lungo il percorso della manifestazione, musicisti e cantori in acustica, posizionati in alcuni angoli dell’itinerario, accompagneranno le degustazioni con soavi e dedicate note della tradizione popolare lucana e campana, declamando versi e poesie sul vino. Inoltre, ogni giorno i vini delle aziende partecipanti, saranno abbinati a piatti preparati con prodotti di eccellenza dell’enogastronomia regionale.

vino_17.jpgSedi L’elegante struttura che ospiterà le rappresentanze istituzionali delle Regioni  Campania e Basilicata è la sede della Mediateca Provinciale, sita in Piazza Vittorio Veneto. All’interno della stessa è stata allestita un’area in cui  ogni giorno, si svolgerà un momento didattico- formativo, a cura dei sommelier dell’Ais Basilicata, dedicato alla presentazione e degustazione dei vini lucani e campani. Questi incontri, di grande valenza formativa  per addetti ai lavori e semplici appassionati, saranno curati con grande professionalità, tali da poter essere considerati delle brevi lezioni per l’acquisizione delle nozioni elementari utili alla conoscenza e degustazione dei vini. I partecipanti avranno a disposizione un calice per gli assaggi ed altro materiale informativo. A tal proposito, Eugenio Tropeano, Delegato Ais Basilicata ha dichiarato: «In 15 anni di attività, l’Ais Basilicata ha formato ben 700 sommelier. Eventi come Sassi Divini ci offrono la possibilità di far conoscere ed apprezzare i nostri vini, ancora poco conosciuti, che fanno da traino anche agli altri prodotti dell’agroalimentare. Nella sala degustazione allestita in Mediateca per l’occasione, al mattino sarà possibile partecipare a mini corsi per imparare a degustare il vino, mentre al pomeriggio si potrà partecipare ad incontri dedicati alla presentazione dei vini lucani e campani a cura dei produttori e dei nostri sommelier».

Anche Vito Cifarelli, presidente di Matera Doc e Franco Perillo, presidente del Consorzio Aglianico del Vulture hanno espresso entusiasmo per l’iniziativa e rivolto un plauso all’Enoteca Regionale Lucana per l’organizzazione della manifestazione che, si preannuncia ricca e foriera di ambiziosi sviluppi per il comparto del vino. Un’ altra iniziativa che, vivacizzerà la manifestazione conferendole interesse ed attenzione, è rappresentata da un talk show, condotto da due noti giornalisti enogastronomici di fama nazionale, attraverso cui saranno presentate le aziende produttrici e le rispettive etichette in forma assolutamente professionale e, nel contempo, dinamica coinvolgendo e facendo interagire l’area istituzionale con tutto il percorso interessato dall’evento.Sassi Divini programma e progetto 2 Sassi Divini programma e progetto

 



Send this to friend