|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Toscana, olive a rischio nelle zone maggiormente colpite dalla neve
News in frantOLIO del [22/02/2012]
Giampiero Cresti, direttore Ota

La neve e il gelo che hanno investito la Toscana ad inizio febbraio hanno messo in grande apprensione tutto il comparto agricolo regionale, soprattutto i produttori olivicoli. Lo spauracchio da scongiurare è, infatti, l'annata 1985 quando condizioni meteo molto simili a quelle dei giorni scorsi, rasero al suolo, o quasi, gran parte dell'olivicoltura regionale. «Probabilmente se danni ci sono stati, potrebbero essersi verificati nel basso senese e nell’aretino, dove si sono registrate le maggiori quantità di precipitazioni nevose – sostiene Giampiero Cresti, direttore di Ota (Olivicoltori Toscani Associati) -. Anche se è ancora presto per fare una stima esatta dei danni dovuti più che dalla neve, dal freddo. Al momento possiamo solo formulare alcune ipotesi».

L’aiuto della Tramontana - Ipotesi che, secondo Cresti, andranno valutate e verificate territorio per territorio. Impossibile infatti generalizzare dati i tanti ‘microclimi’ che a macchia di leopardo troviamo in Toscana. Una situazione che può variare da zona a zona anche all’interno della stessa provincia. «Non ci dovrebbero essere particolari problematicità – continua il direttore di Ota -. I venti di tramontana che hanno spirato prima dell’arrivo della neve hanno asciugato le piante: una condizione che permette agli olivi di resistere meglio fino a temperature di -7°, -8°C. Dove però la colonnina di mercurio si è abbassata ulteriormente, si corre certamente qualche rischio in più».

Problemi per i rami giovani - È da qui che nasce quel minimo di apprensione per la parte meridionale della provincia di Siena e per l’aretino. «Dalla costa tirrenica e dal fiorentino non abbiamo ricevuto segnali preoccupanti – conclude Giampiero Cresti -. I problemi per le zone più colpite dal gelo potrebbero riguardare la seccatura dei rami più giovani degli olivi. Un ramo più vecchio risulta sempre essere più lignificato e resiste meglio alle basse temperature. Dall’altro canto, i rametti più erbacei patiscono maggiormente il freddo. E se questo è stato talmente intenso da impedire la nascita dei fiori, si potrebbe arrivare ad una minore produttività e resa degli olivi».

Andrea Frullanti

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

L'olio Dop Riviera Ligure va in bici con Filippa
L’olio extravergine d’oliva DOP Riviera Ligure pedala e fa pedalare. Risorsa inesauribile di energia e gusto, questa volta ha dato sprint alla peraltro spumeggiante Filippa...[22/10/2014]
Olio, in Sicilia più che dimezzata la produzione. Pesanti ricadute sui produttori
“Un calo di produzione di olio extravergine che supererà in Sicilia il 50% e vaste aree olivicole con un calo produttivo che raggiunge il 70%...[17/10/2014]
Olio, gruppo cinese Yimin acquista pacchetto maggioranza Salov
 Il Gruppo cinese Yimin, una sussidiaria del Gruppo Bright Food, ha concluso un accordo per acquisire dalla famiglia Fontana un pacchetto di maggioranza del Gruppo...[07/10/2014]
Olio, Salvadori (Toscana): 'Bene accordo tra Corpo Forestale e Consorzio per tutela'
"L'olio extravergine di oliva della Toscana è un patrimonio prezioso che dobbiamo tutelare e valorizzare, per questo ben vengano tutte le iniziative che hanno questo...[07/10/2014]
SOL d'oro Emisfero Sud premia Cile, Argentina, Uruguay e Sudafrica[04/10/2014]
In Toscana progetto per educare i bambini all'olio extravergine. Il plauso dell'assessore Salvadori[03/10/2014]
Olio di oliva, boom delle importazioni dalla Spagna[03/10/2014]
PAC, olio d'oliva: Stefàno condivide timori CNO 'Ministero trovi soluzioni'[01/10/2014]
Xylella fastidiosa, sì al decreto per le misure di emergenza in conferenza Stato Regioni [27/09/2014]
Xylella degli olivi, le azioni del piano di intervento[18/09/2014]
Sequestrati ad Arezzo 250 litri di falso olio extravergine venduto come Bio [08/09/2014]
Moria olivi nel leccese: c'è piano per gestione emergenza contro Xylella[28/08/2014]
Olio d’oliva: 'Contrastare le triangolazioni di prodotto spagnolo, italianizzato ed esportato'[25/07/2014]
Olio di oliva, balzo import nei primi 4 mesi 2014, avanza anche l’export[24/07/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress