|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Toscana, olive a rischio nelle zone maggiormente colpite dalla neve
News in frantOLIO del [22/02/2012]
Giampiero Cresti, direttore Ota

La neve e il gelo che hanno investito la Toscana ad inizio febbraio hanno messo in grande apprensione tutto il comparto agricolo regionale, soprattutto i produttori olivicoli. Lo spauracchio da scongiurare è, infatti, l'annata 1985 quando condizioni meteo molto simili a quelle dei giorni scorsi, rasero al suolo, o quasi, gran parte dell'olivicoltura regionale. «Probabilmente se danni ci sono stati, potrebbero essersi verificati nel basso senese e nell’aretino, dove si sono registrate le maggiori quantità di precipitazioni nevose – sostiene Giampiero Cresti, direttore di Ota (Olivicoltori Toscani Associati) -. Anche se è ancora presto per fare una stima esatta dei danni dovuti più che dalla neve, dal freddo. Al momento possiamo solo formulare alcune ipotesi».

L’aiuto della Tramontana - Ipotesi che, secondo Cresti, andranno valutate e verificate territorio per territorio. Impossibile infatti generalizzare dati i tanti ‘microclimi’ che a macchia di leopardo troviamo in Toscana. Una situazione che può variare da zona a zona anche all’interno della stessa provincia. «Non ci dovrebbero essere particolari problematicità – continua il direttore di Ota -. I venti di tramontana che hanno spirato prima dell’arrivo della neve hanno asciugato le piante: una condizione che permette agli olivi di resistere meglio fino a temperature di -7°, -8°C. Dove però la colonnina di mercurio si è abbassata ulteriormente, si corre certamente qualche rischio in più».

Problemi per i rami giovani - È da qui che nasce quel minimo di apprensione per la parte meridionale della provincia di Siena e per l’aretino. «Dalla costa tirrenica e dal fiorentino non abbiamo ricevuto segnali preoccupanti – conclude Giampiero Cresti -. I problemi per le zone più colpite dal gelo potrebbero riguardare la seccatura dei rami più giovani degli olivi. Un ramo più vecchio risulta sempre essere più lignificato e resiste meglio alle basse temperature. Dall’altro canto, i rametti più erbacei patiscono maggiormente il freddo. E se questo è stato talmente intenso da impedire la nascita dei fiori, si potrebbe arrivare ad una minore produttività e resa degli olivi».

Andrea Frullanti

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Olio d’oliva italiano, firmato patto di filiera
Un "nuovo inizio" con un percorso in sette tappe per la filiera dell'olio di oliva italiano. Dopo l'anno orribile per l'olivicoltura caratterizzato da un drastico...[13/05/2015]
Cdm: approvato decreto per l'agricoltura. Interventi su latte, olio, Xylella e piogge alluvionali
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che è stato approvato oggi in Consiglio dei Ministri il decreto legge urgente per il...[02/05/2015]
Xylella, per Confeuro è un problema europeo
Le problematiche legate alla Xylella – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – non sono unicamente pugliesi, ma europee. Non si...[29/04/2015]
Molise, le innovazioni in olivicoltura si presentano a Tuttofood
Promuovere la pluralità e la varietà della produzione olivicola molisana e l'innovazione tecnologica. È l'obiettivo di Coldiretti Molise che insieme al Consorzio produttori olivicoli molisani...[17/04/2015]
Xylella: dall'embargo francese una minaccia reale per l'economia pugliese e l'immagine del 'made in Italy'[12/04/2015]
Xylella, tocca a Bruxelles intervenire. Confagricoltura: 'Non abbassare la guardia su tematiche fitosanitarie'[09/04/2015]
Xylella, un'emergenza nota da due anni. Confeuro: 'Agire in fretta'[09/04/2015]
Sol d'Oro: incetta di premi per l'Italia. Sicilia superstar[20/02/2015]
Record di iscrizioni al concorso Sol d'Oro Emisfero Nord[16/02/2015]
Xylella, il comandante CFS Silletti nominato commissario task force[12/02/2015]
Etichettatura: basta al consumo di oli vecchi, più trasparenza in etichetta per M5S[05/02/2015]
Cinque infografiche per raccontare l'Olio Garda Dop [30/01/2015]
Olivicoltura, in campo una strategia nazionale per il rilancio[23/01/2015]
Ma l’olivicoltura italiana ha ancora un valore?[17/01/2015]
 
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress