|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Toscana, olive a rischio nelle zone maggiormente colpite dalla neve
News in frantOLIO del [22/02/2012]
Giampiero Cresti, direttore Ota

La neve e il gelo che hanno investito la Toscana ad inizio febbraio hanno messo in grande apprensione tutto il comparto agricolo regionale, soprattutto i produttori olivicoli. Lo spauracchio da scongiurare è, infatti, l'annata 1985 quando condizioni meteo molto simili a quelle dei giorni scorsi, rasero al suolo, o quasi, gran parte dell'olivicoltura regionale. «Probabilmente se danni ci sono stati, potrebbero essersi verificati nel basso senese e nell’aretino, dove si sono registrate le maggiori quantità di precipitazioni nevose – sostiene Giampiero Cresti, direttore di Ota (Olivicoltori Toscani Associati) -. Anche se è ancora presto per fare una stima esatta dei danni dovuti più che dalla neve, dal freddo. Al momento possiamo solo formulare alcune ipotesi».

L’aiuto della Tramontana - Ipotesi che, secondo Cresti, andranno valutate e verificate territorio per territorio. Impossibile infatti generalizzare dati i tanti ‘microclimi’ che a macchia di leopardo troviamo in Toscana. Una situazione che può variare da zona a zona anche all’interno della stessa provincia. «Non ci dovrebbero essere particolari problematicità – continua il direttore di Ota -. I venti di tramontana che hanno spirato prima dell’arrivo della neve hanno asciugato le piante: una condizione che permette agli olivi di resistere meglio fino a temperature di -7°, -8°C. Dove però la colonnina di mercurio si è abbassata ulteriormente, si corre certamente qualche rischio in più».

Problemi per i rami giovani - È da qui che nasce quel minimo di apprensione per la parte meridionale della provincia di Siena e per l’aretino. «Dalla costa tirrenica e dal fiorentino non abbiamo ricevuto segnali preoccupanti – conclude Giampiero Cresti -. I problemi per le zone più colpite dal gelo potrebbero riguardare la seccatura dei rami più giovani degli olivi. Un ramo più vecchio risulta sempre essere più lignificato e resiste meglio alle basse temperature. Dall’altro canto, i rametti più erbacei patiscono maggiormente il freddo. E se questo è stato talmente intenso da impedire la nascita dei fiori, si potrebbe arrivare ad una minore produttività e resa degli olivi».

Andrea Frullanti

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Molise, le innovazioni in olivicoltura si presentano a Tuttofood
Promuovere la pluralità e la varietà della produzione olivicola molisana e l'innovazione tecnologica. È l'obiettivo di Coldiretti Molise che insieme al Consorzio produttori olivicoli molisani...[17/04/2015]
Xylella: dall'embargo francese una minaccia reale per l'economia pugliese e l'immagine del 'made in Italy'
L'embargo della Francia su 102 specie vegetali a rischio Xylella rappresenta una minaccia reale per l'economia pugliese e, più in generale, per l'immagine dell'agricoltura italiana....[12/04/2015]
Xylella, tocca a Bruxelles intervenire. Confagricoltura: 'Non abbassare la guardia su tematiche fitosanitarie'
“Per l’emergenza Xylella sta emergendo una linea coerente, che apprezziamo, tra istituzioni e mondo agricolo”. Lo ha detto il presidente di Confagricoltura, Mario Guidi a...[09/04/2015]
Xylella, un'emergenza nota da due anni. Confeuro: 'Agire in fretta'
Guardiamo con grande preoccupazione - dichiara il presidente nazionale della Confeuro Rocco Tiso - la problematica riguardante la diffusione del batterio Xylella, una questione che...[09/04/2015]
Sol d'Oro: incetta di premi per l'Italia. Sicilia superstar[20/02/2015]
Record di iscrizioni al concorso Sol d'Oro Emisfero Nord[16/02/2015]
Xylella, il comandante CFS Silletti nominato commissario task force[12/02/2015]
Etichettatura: basta al consumo di oli vecchi, più trasparenza in etichetta per M5S[05/02/2015]
Cinque infografiche per raccontare l'Olio Garda Dop [30/01/2015]
Olivicoltura, in campo una strategia nazionale per il rilancio[23/01/2015]
Ma l’olivicoltura italiana ha ancora un valore?[17/01/2015]
Xylella, Commissione UE risponde a interrogazione Matera (PPE): 'Possibili finanziamenti per emergenze fitosanitarie'[09/01/2015]
Olio d'oliva, dopo l'anno nero convocato tavolo con Regioni il 22 gennaio[24/12/2014]
Batteri vascolari fitopatogeni trasmessi da insetti: il caso del disseccamento rapido dell’olivo[04/12/2014]
 
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress