Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Toscana, olive a rischio nelle zone maggiormente colpite dalla neve
News in frantOLIO del [22/02/2012]
Giampiero Cresti, direttore Ota

La neve e il gelo che hanno investito la Toscana ad inizio febbraio hanno messo in grande apprensione tutto il comparto agricolo regionale, soprattutto i produttori olivicoli. Lo spauracchio da scongiurare è, infatti, l'annata 1985 quando condizioni meteo molto simili a quelle dei giorni scorsi, rasero al suolo, o quasi, gran parte dell'olivicoltura regionale. «Probabilmente se danni ci sono stati, potrebbero essersi verificati nel basso senese e nell’aretino, dove si sono registrate le maggiori quantità di precipitazioni nevose – sostiene Giampiero Cresti, direttore di Ota (Olivicoltori Toscani Associati) -. Anche se è ancora presto per fare una stima esatta dei danni dovuti più che dalla neve, dal freddo. Al momento possiamo solo formulare alcune ipotesi».

L’aiuto della Tramontana - Ipotesi che, secondo Cresti, andranno valutate e verificate territorio per territorio. Impossibile infatti generalizzare dati i tanti ‘microclimi’ che a macchia di leopardo troviamo in Toscana. Una situazione che può variare da zona a zona anche all’interno della stessa provincia. «Non ci dovrebbero essere particolari problematicità – continua il direttore di Ota -. I venti di tramontana che hanno spirato prima dell’arrivo della neve hanno asciugato le piante: una condizione che permette agli olivi di resistere meglio fino a temperature di -7°, -8°C. Dove però la colonnina di mercurio si è abbassata ulteriormente, si corre certamente qualche rischio in più».

Problemi per i rami giovani - È da qui che nasce quel minimo di apprensione per la parte meridionale della provincia di Siena e per l’aretino. «Dalla costa tirrenica e dal fiorentino non abbiamo ricevuto segnali preoccupanti – conclude Giampiero Cresti -. I problemi per le zone più colpite dal gelo potrebbero riguardare la seccatura dei rami più giovani degli olivi. Un ramo più vecchio risulta sempre essere più lignificato e resiste meglio alle basse temperature. Dall’altro canto, i rametti più erbacei patiscono maggiormente il freddo. E se questo è stato talmente intenso da impedire la nascita dei fiori, si potrebbe arrivare ad una minore produttività e resa degli olivi».

Andrea Frullanti

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Sequestro olio. Mongiello: 'A Cerignola lo Stato difende gli olivicoltori seri da agropirati e chimici senza scrupoli'
"In Capitanata ci sono olivicoltori seri che producono ottimo olio e bene fa lo Stato a difenderli da agropirati e chimici senza scrupoli". Lo afferma...[21/06/2016]
Olio d'oliva, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto sulle sanzioni
E' stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto 103/2016, in vigore dal 1 luglio 2016, recante le sanzioni sull’olio d’oliva.  Il decreto - comunica il...[21/06/2016]
Xylella: da Corte Ue, sì all'obbligo abbattimento delle piante
Sì all'obbligo di abbattere le piante potenzialmente infette da Xylella. Lo ha stabilito la Corte Ue, secondo cui Bruxelles "può obbligare gli stati membri a...[10/06/2016]
Caso xylella, per Confeuro ci rimettono sempre gli agricoltori
Le incompetenze della politica europea e nostrana – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – ricadranno ancora una volta sugli agricoltori....[09/06/2016]
Olio extravergine IGP Sicilia, pubblicata domanda registrazione[28/05/2016]
I frantoiani di Abruzzo e Molise in visita da Pieralisi[17/05/2016]
Xylella, non c'è contraddizione tra abbattimenti, ricerca e trattamenti privati [14/05/2016]
Piano olivicolo, Matera (Fi): 'Positivo, ma servono segnali su olio tunisino e xylella'[26/03/2016]
Prima volta in Italia: approvato il Piano Olivicolo. 32 milioni di euro per 'salto di qualità' [24/03/2016]
UE toglie data scadenza olio. Per Coldiretti 'altro regalo a multinazionali'. Trattori in strada[24/03/2016]
Ercole Olivario 2016 premia gli Extravergini d'Italia. Lazio e Umbria sugli scudi[21/03/2016]
Olio tunisino invade i nostri mercati. Via a mobilitazioni e proteste[10/03/2016]
Olio falso. Era pugliese o greco ma veniva spacciato come toscano. 47 indagati e 200 quintali sequestrati[03/03/2016]
Olio tunisino: Mongiello-Ginefra 'Solo primo risultato il ritorno al Consiglio UE'[25/02/2016]
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X