|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Nuovo estrattore centrifugo Pieralisi, l’olio sposa la tecnologia made in Italy
News in frantOLIO del [23/03/2012]

«Stiamo tutti vivendo un momento difficili per le influenze della crisi economica in atto ma il gruppo Pieralisi non sta a guardare». Così, Andrea Pieralisi, amministratore delegato del Gruppo Pieralisi  presentazione del nuovo estrattore centrifugo Dmf 2012 a Cerbaia, in provincia di Firenze. «Siamo un’azienda italiana che investe quotidianamente in ricerca e sviluppo. La macchina che presentiamo ne è il risultato. La nostra nuova filosofia prevede la trasformazione di un sottoprodotto di estrazione in prodotto»

Necessario uno sforzo congiunto - «In un momento difficile per l’olivicoltura dobbiamo confrontarci e produrre uno sforzo congiunto  per migliorare ogni aspetto della produzione» sono state le parole di Giampiero Cresti, presidente dell’Ota (Olivicoltori Toscani Associati) Cresti, che ha sottolineato l’importanza del nuovo estrattore centrifugo. Un'evoluzione tecnologica nel campo della produzione dell'olio extravergine di oliva che si contraddistingue per l’elevata qualità dell’olio estratto, senza aggiunta di acqua, e per le ottime rese unite ai ridotti consumi idrici ed energetici.


Il nuovo estrattore centrifugo del Gruppo Pieralisi – Il macchinario rappresenta l’evoluzione del sistema a due fasi, riunendo in un’unica macchina i pregi della lavorazione senza aggiunta di acqua con la semplicità gestionale del sistema a tre fasi. La tecnologia Dmf è infatti l’unica in grado di coniugare il sistema di estrazione a due fasi senza aggiunta di acqua con la lavorazione partitaria, grazie al dispositivo di svuotamento del tamburo che permette di scaricare tutto l’olio presente ad ogni cambio di partita di olive. In aggiunta, il decanter Dmf è l’unico estrattore che produce due prodotti secondari riutilizzabili: una sansa disidratata simile a quella proveniente dall’impianto a tre fasi e un paté costituito dalla polpa e dall’umidità dell’oliva senza tracce di nocciolino, che si adatta a diversi impieghi, quali l’utilizzazione agronomica o l’alimentazione zootecnica. Il paté pertanto non rappresenta più uno scarto da smaltire, bensì un valore aggiunto per il frantoio.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Olivicoltura, in campo una strategia nazionale per il rilancio
Varata dal Mipaaf una strategia nazionale per il rilancio dell'olivicoltura.Si è tenuta ieri, alla sede del Ministero di via XX Settembre, una riunione del tavolo...[23/01/2015]
Ma l’olivicoltura italiana ha ancora un valore?
Con la terribile raccolta delle olive del 2014 i nodi sono arrivati al pettine di un comparto che ha bisogno ora di scioglierli tutti. Nodi...[17/01/2015]
Xylella, Commissione UE risponde a interrogazione Matera (PPE): 'Possibili finanziamenti per emergenze fitosanitarie'
Possibilità di finanziamento UE a sostegno di attività di ricerca per i problemi fitosanitari. E’ in sintesi, un estratto della risposta della Commissione Europea, sull’emergenza...[09/01/2015]
Olio d'oliva, dopo l'anno nero convocato tavolo con Regioni il 22 gennaio
Il Mipaaf rende noto che è stata convocata per il 22 gennaio 2015 una riunione tecnica sul settore olivicolo e oleario, alla quale saranno presenti...[24/12/2014]
Batteri vascolari fitopatogeni trasmessi da insetti: il caso del disseccamento rapido dell’olivo[04/12/2014]
Olio di carta, scoperto giro di fatture false per 10 mln euro [04/12/2014]
Olio, con i tappi antirabbocco più qualità e trasparenza. Ora obbligo in Europa[25/11/2014]
Più 3% gli acquisti di oli di oliva confezionati. Export al +12,5%[21/11/2014]
Olio, la scelta estrema di Podere Forte di fronte all'annus horribilis: 'Noi non lo produciamo' [19/11/2014]
Sequestrati 12mila litri di olio proveniente dalla Puglia diretto ad azienda fiorentina[19/11/2014]
Il benessere degli olivi anche dopo la raccolta[15/11/2014]
Oliveto Italia, clima 'taglia' del 35% la produzione[07/11/2014]
Xylella, Mipaaf e Regione Puglia decidono di intensificare gli interventi[29/10/2014]
Olivicoltura in crisi. Di Lena: 'Trasformare in opportunità le difficoltà della raccolta 2014'[28/10/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress