|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
 
Vino, Cina balzo in avanti fra i Big spender. E' quinta nel mondo
News in diVINO del [24/04/2012]

Solo cinque anni fa era al 20mo posto tra i paesi importatori di vino. Oggi è nella lista dei primi cinque “big spender”. La Cina, emerge da un’analisi Ismea basata sui dati Gti, ha speso per le importazioni di vino, nel 2011, oltre un miliardo di euro, piazzandosi dietro Usa, Regno Unito, Germania e Canada.
Una domanda, quella di Pechino, che cresce a ritmi esponenziali, come si evince dall’incremento del 72% in valore nel 2011, e che in solo anno ha fatto guadagnare alla Cina ben quattro posizioni nella classifica mondiale dei paesi importatori, portandola davanti a Giappone, Belgio, Svizzera e Paesi Bassi.

Vini francesi - A beneficiare delle pressioni all’acquisto cinesi è stata soprattutto la Francia, che ha raggiunto lo scorso anno una quota di mercato in valore superiore al 50% dell’import vinicolo del Dragone, grazie a un export quasi raddoppiato, in termini monetari, rispetto al 2010. Dietro al paese d’Oltralpe si posizionano Australia e Cile, con quote del 15% e del 7,2%.  Seguono Spagna e Italia rispettivamente al 6,9% e al 6,5%, i cui fatturati sono quasi raddoppiati, l’anno scorso, oltre la Grande Muraglia. A questi ritmi di crescita - spiega l’Ismea - la Cina, che ha espresso finora solo parte del suo potenziale interno, potrebbe in breve avvicinarsi ai due principali importatori di vino, rappresentati da Usa e Regno Unito. Paesi che nel 2011 hanno acquistato dall’estero prodotti vinicoli per quasi 3 miliardi e mezzo di euro ciascuno, su un valore globale delle importazioni di vini di 22,7 miliardi di euro (+10,9% rispetto al 2010). –Indagine scaricabile dal sito www.ismea.it -

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Chiude Vinitaly. Riprende il mercato interno con operatori horeca e Gdo
Tutto il mondo a Vinitaly, con operatori professionali da 140 Paesi, ben 20 in più rispetto al 2014. «Il risultato centra l’obiettivo che ci eravamo...[25/03/2015]
Bianco o rosso? Dimmi quale vino offri e svelerò le tue intenzioni
Bianco e rosso, per la cena? Fate attenzione, la scelta può svelare le vostre vere intenzioni! Il vino rosso infatti coinvolge la sfera emozionale, si...[25/03/2015]
Vino Nobile, sold out in cantina e lo sfuso è il terzo per valore in Italia
Non fa più notizia ormai il fatto che il Vino Nobile di Montepulciano da qualche anno sia “sold out” nelle cantine del territorio. A completare...[25/03/2015]
Livio Felluga e Pierre Lurton di Chateau Cheval Blanc i vincitori del premio internazionale Vinitaly 2015
Altri due grandi nomi dell’enologia mondiale si aggiungono all’albo d’oro del Premio Internazionale Vinitaly, istituito da Veronafiere nel 1996. Si tratta della cantina Livio Felluga,...[22/03/2015]
La Vinitaly International Academy annuncia gli Italian Wine Ambassador[22/03/2015]
Vinitaly al via. Attesi operatori da 120 Paesi e delegazioni da 52 nazioni[21/03/2015]
Pensano positivo l'83% delle aziende del vino. Nel 2015 crescono export e mercato interno[21/03/2015]
Vino biologico, nel 2015 in crescita numero consumatori italiani (+5,2%)[20/03/2015]
Vinitaly, concorso packaging: Etichetta dell'anno alla Cantina dei Colli Ripani (AP)[20/03/2015]
#rivogliolamiabirra. Un sorso su due se lo beve il fisco [19/03/2015]
La fantasia del broker enoico? Una 'cassa da sogno' di vino italiano [19/03/2015]
Con Robert Parker l'America scopre le espressioni territoriali dell'Amarone[13/03/2015]
Missione negli USA per il Vino Nobile. E il 30 maggio inaugurazione lavori Fortezza[03/03/2015]
Dopo la polemica di 'veneti ubriaconi', Toscani invita Zaia e i viticoltori all'anteprima di Lucca[27/02/2015]
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress