|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Vino, Cina balzo in avanti fra i Big spender. E' quinta nel mondo
News in diVINO del [24/04/2012]

Solo cinque anni fa era al 20mo posto tra i paesi importatori di vino. Oggi è nella lista dei primi cinque “big spender”. La Cina, emerge da un’analisi Ismea basata sui dati Gti, ha speso per le importazioni di vino, nel 2011, oltre un miliardo di euro, piazzandosi dietro Usa, Regno Unito, Germania e Canada.
Una domanda, quella di Pechino, che cresce a ritmi esponenziali, come si evince dall’incremento del 72% in valore nel 2011, e che in solo anno ha fatto guadagnare alla Cina ben quattro posizioni nella classifica mondiale dei paesi importatori, portandola davanti a Giappone, Belgio, Svizzera e Paesi Bassi.

Vini francesi - A beneficiare delle pressioni all’acquisto cinesi è stata soprattutto la Francia, che ha raggiunto lo scorso anno una quota di mercato in valore superiore al 50% dell’import vinicolo del Dragone, grazie a un export quasi raddoppiato, in termini monetari, rispetto al 2010. Dietro al paese d’Oltralpe si posizionano Australia e Cile, con quote del 15% e del 7,2%.  Seguono Spagna e Italia rispettivamente al 6,9% e al 6,5%, i cui fatturati sono quasi raddoppiati, l’anno scorso, oltre la Grande Muraglia. A questi ritmi di crescita - spiega l’Ismea - la Cina, che ha espresso finora solo parte del suo potenziale interno, potrebbe in breve avvicinarsi ai due principali importatori di vino, rappresentati da Usa e Regno Unito. Paesi che nel 2011 hanno acquistato dall’estero prodotti vinicoli per quasi 3 miliardi e mezzo di euro ciascuno, su un valore globale delle importazioni di vini di 22,7 miliardi di euro (+10,9% rispetto al 2010). –Indagine scaricabile dal sito www.ismea.it -

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Bloccata la vendita di Prosecco alla spina in Inghilterra
Grazie all’intervento immediato dell’Ispettorato repressioni frodi – ICQRF si è intervenuti bloccando la vendita di finto Prosecco Dop in numerosi punti vendita, catene distributive e...[23/01/2015]
Valpolicella vigneto d'oro: vale 4 miliardi di euro
Da uva a bene rifugio, da vitigno a riparo anticrisi: la Valpolicella con il suo Amarone - che si appresta a presentare in anteprima l’annata...[22/01/2015]
Cultura e teatro per la promozione dei vini Doc Cortona
Il Consorzio Vini Cortona punta alla promozione integrata e comincia il 2015 consolidando la collaborazione con il Teatro Signorelli di Cortona. Per tutta la stagione...[17/01/2015]
Vino italiano brinda negli Usa. Export a quota 1,7mld di dollari in 2015
Nel 2015 le esportazioni negli Usa di vino e spumante made in Italy supereranno quota 1,7 miliardo di dollari. Lo fa sapere il presidente dell'Italian Wine&Food...[09/01/2015]
Vino: da circolare Mipaaf chiarezza su etichette DOP-IGP[09/01/2015]
Pillole di vita vinosa - Fratelli Berlucchi, bollicine di Curte Franca per l'Onav senese [02/01/2015]
Export vino in frenata. Si allontana obiettivo di 7.5 mld euro al 2020[19/12/2014]
Le spezie nel bicchiere, nasce la birra al panforte dedicata a Santa Caterina da Siena[16/12/2014]
Trasporto alimenti liquidi, provenienza Bordeaux. Perché?[08/12/2014]
Fantinel Prosecco Bar apre in Sudafrica[06/12/2014]
Vino: il Carignano del Sulcis negli Usa per crescere nell'export[05/12/2014]
Wine2wine, cantine italiane più 2.0. La rete non è più un tabù[04/12/2014]
Un passito mondiale. La vite ad alberello di Pantelleria diventa patrimonio dell'Umanità[27/11/2014]
Onav, Vito Intini è il nuovo presidente nazionale[26/11/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress