|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Vino, Cina balzo in avanti fra i Big spender. E' quinta nel mondo
News in diVINO del [24/04/2012]

Solo cinque anni fa era al 20mo posto tra i paesi importatori di vino. Oggi è nella lista dei primi cinque “big spender”. La Cina, emerge da un’analisi Ismea basata sui dati Gti, ha speso per le importazioni di vino, nel 2011, oltre un miliardo di euro, piazzandosi dietro Usa, Regno Unito, Germania e Canada.
Una domanda, quella di Pechino, che cresce a ritmi esponenziali, come si evince dall’incremento del 72% in valore nel 2011, e che in solo anno ha fatto guadagnare alla Cina ben quattro posizioni nella classifica mondiale dei paesi importatori, portandola davanti a Giappone, Belgio, Svizzera e Paesi Bassi.

Vini francesi - A beneficiare delle pressioni all’acquisto cinesi è stata soprattutto la Francia, che ha raggiunto lo scorso anno una quota di mercato in valore superiore al 50% dell’import vinicolo del Dragone, grazie a un export quasi raddoppiato, in termini monetari, rispetto al 2010. Dietro al paese d’Oltralpe si posizionano Australia e Cile, con quote del 15% e del 7,2%.  Seguono Spagna e Italia rispettivamente al 6,9% e al 6,5%, i cui fatturati sono quasi raddoppiati, l’anno scorso, oltre la Grande Muraglia. A questi ritmi di crescita - spiega l’Ismea - la Cina, che ha espresso finora solo parte del suo potenziale interno, potrebbe in breve avvicinarsi ai due principali importatori di vino, rappresentati da Usa e Regno Unito. Paesi che nel 2011 hanno acquistato dall’estero prodotti vinicoli per quasi 3 miliardi e mezzo di euro ciascuno, su un valore globale delle importazioni di vini di 22,7 miliardi di euro (+10,9% rispetto al 2010). –Indagine scaricabile dal sito www.ismea.it -

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Un passito mondiale. La vite ad alberello di Pantelleria diventa patrimonio dell'Umanità
Il Mipaaf comunica che la pratica agricola della coltivazione della vite ad alberello di Pantelleria è stata dichiarata dall'Unesco Patrimonio Mondiale dell'Umanità. La decisione è...[27/11/2014]
Onav, Vito Intini è il nuovo presidente nazionale
È Vito Intini il nuovo presidente di ONAV, l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino. Questo quanto decretato dalle votazioni svoltesi sabato 22 novembre ad Asti, nella...[26/11/2014]
Oggi il Pegaso d'Oro (Regione Toscana) all'enologo Tachis
Il "Pegaso d'oro" a Giacomo Tachis. L'onorificenza della Regione Toscana al "padre" della moderna enologia italiana e di molti celebri vini Toscani, conosciuti e apprezzati...[24/11/2014]
Missione Copenaghen: Brunello e Barolo per la prima volta insieme
Un’occasione straordinaria: i due vini simbolo dell’eccellenza enologica italiana, il Brunello e il Barolo, per la prima volta in assoluto si presentano insieme in un...[21/11/2014]
Barone Ricasoli, Poderi Luigi Einaudi e Tedeschi: strategie di mercato comuni con la rete d'impresa[17/11/2014]
Podere Forte al Merano Wine Festival con Petrucci e Guardiavigna [07/11/2014]
Non solo vino. Paesaggio è valore aggiunto del vigneto da 3 mld l'anno[07/11/2014]
Vigneti: erogati in Toscana 18 milioni per riconversione. Soddisfazione Salvadori[28/10/2014]
Patrimonio dell'Umanità: dall'Unesco primo sì per i vigneti ad alberello di Pantelleria[28/10/2014]
Qualità del territorio nell'anteprima della vendemmia nell'astigiano[26/10/2014]
OCM vino: spesi 337 mln di euro, il 99,8% del budget a disposizione[17/10/2014]
Emergenza ungulati: a Siena i caprioli entrano in città e devastano i vigneti dell'Istituto Agrario[09/10/2014]
Sequestrati nel Veronese 11.400 litri di vino e mosti[09/10/2014]
Vino, Forestale sequestra 312 ettolitri a Montepulciano[06/10/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress