Questo sito utilizza solo "cookie tecnici", propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se prosegui la navigazione senza cambiare le impostazioni del tuo browser, accetterai di ricevere i cookies dal sito. Cosa sono i cookie?. Leggi l'informativa completa sulla Privacy >>

Accetto X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
Vino, Cina balzo in avanti fra i Big spender. E' quinta nel mondo
News in diVINO del [24/04/2012]

Solo cinque anni fa era al 20mo posto tra i paesi importatori di vino. Oggi è nella lista dei primi cinque “big spender”. La Cina, emerge da un’analisi Ismea basata sui dati Gti, ha speso per le importazioni di vino, nel 2011, oltre un miliardo di euro, piazzandosi dietro Usa, Regno Unito, Germania e Canada.
Una domanda, quella di Pechino, che cresce a ritmi esponenziali, come si evince dall’incremento del 72% in valore nel 2011, e che in solo anno ha fatto guadagnare alla Cina ben quattro posizioni nella classifica mondiale dei paesi importatori, portandola davanti a Giappone, Belgio, Svizzera e Paesi Bassi.

Vini francesi - A beneficiare delle pressioni all’acquisto cinesi è stata soprattutto la Francia, che ha raggiunto lo scorso anno una quota di mercato in valore superiore al 50% dell’import vinicolo del Dragone, grazie a un export quasi raddoppiato, in termini monetari, rispetto al 2010. Dietro al paese d’Oltralpe si posizionano Australia e Cile, con quote del 15% e del 7,2%.  Seguono Spagna e Italia rispettivamente al 6,9% e al 6,5%, i cui fatturati sono quasi raddoppiati, l’anno scorso, oltre la Grande Muraglia. A questi ritmi di crescita - spiega l’Ismea - la Cina, che ha espresso finora solo parte del suo potenziale interno, potrebbe in breve avvicinarsi ai due principali importatori di vino, rappresentati da Usa e Regno Unito. Paesi che nel 2011 hanno acquistato dall’estero prodotti vinicoli per quasi 3 miliardi e mezzo di euro ciascuno, su un valore globale delle importazioni di vini di 22,7 miliardi di euro (+10,9% rispetto al 2010). –Indagine scaricabile dal sito www.ismea.it -

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Anteprima del Vino Nobile al via con un sabato da record
L’Anteprima è già un successo. A sole poche ore dall’apertura della ventitreesima edizione infatti oltre mille tra appassionati e operatori si sono pre-accreditati e hanno...[13/02/2016]
Chianti Classico Collection, brinda ai 300 anni del primo territorio del vino
Al via la presentazione delle nuove annate del Chianti Classico ai massimi esperti del settore, un’occasione unica per conoscere a fondo la denominazione, le sue...[13/02/2016]
Montepulciano, Vecchia Cantina ‘polmone’ economico e sociale. Numeri da record nel 2015: fatturato di 15 mln di euro per 400 soci
Oltre 400 soci, 40 dipendenti (più 25 stagionali per la vendemmia), 4 milioni e 580 mila bottiglie prodotte ed un bilancio 2015 approvato con un...[10/02/2016]
Buy Wine e Anteprime, si alza il sipario sulla Toscana del vino
L’uva al centro della produzione agricola in Toscana, sottoforma di vino, da vendere o da degustare. Alla presenza dell'assessore all'agricoltura Marco Remaschi,e, dei rappresentanti di...[08/02/2016]
E' morto Giacomo Tachis, addio al padre del Sassicaia. Nel 2014 il Pegaso d'Oro dalla Regione Toscana[07/02/2016]
Wine&Siena, i numeri decretano il successo[02/02/2016]
Fusione piccoli Comuni. Allarme anche nel mondo del vino: 'Caos nelle denominazioni'[01/02/2016]
'Il territorio non è un brand': M5S contro liberalizzazioni denominazioni dei vini[29/01/2016]
Le Chiantigiane, primo venditore di Chianti nella Gdo italiana. Bilancio 2015 al +2%[29/01/2016]
Mediastars premia vino: la prima App per conoscere e acquistare i migliori vini italiani[29/01/2016]
Parte Wine&Siena, primo evento vitivinicolo nazionale del 2016[28/01/2016]
Vino taroccato. Brunello e Amarone made in Spagna, sequestrate 450 bottiglie in Danimarca[21/01/2016]
Dal Sauvignon kretos al Julius, registrati dieci nuovi vitigni resistenti alle malattie[18/01/2016]
Brindisi di fine anno: nel mondo sempre di più con spumante italiano[28/12/2015]
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress