|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Crisi settore olivicolo, necessario Piano strategico nazionale
News in frantOLIO del [30/04/2012]

E’ positivo che la Commissione Ue ha intenzione di definire un Piano di azione strategico per il settore olivicolo. Lo sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori per la quale tale iniziativa è assolutamente necessaria per rispondere alle difficoltà dei produttori e per evitare il ripetersi dell’attuale crisi nel comparto, come più volte chiesto dal mondo produttivo. Dalle prime notizie -rileva la Cia- sembrerebbe che il commissario europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos voglia studiare un Piano che favorisca la ristrutturazione del settore attraverso misure finanziate dallo Sviluppo rurale e una migliore organizzazione del settore anche con la crescita delle Organizzazioni di produttori. Non solo. Verranno migliorati i provvedimenti di promozione, rendendoli più flessibili ed efficaci, per l’olio europeo sia all’interno dell’Ue sia nei paesi terzi.

Novità in vista - La Commissione - sostiene la Cia - ha, inoltre, intenzione di puntare anche alla definizione di misure in grado di valorizzare la qualità dell’olio europeo, attraverso il perfezionamento del “Panel test” e con azioni per combattere le frodi. Nel Piano verranno proposte anche nuove norme per rendere sempre più trasparenti le informazioni indicate in etichetta. L’attuale situazione del settore preoccupa fortemente. I prezzi pagati ai produttori continuano a scendere e i costi di produzione si mantengono sempre elevati. Per questo motivo da tempo la Cia chiede misure di mercato in grado di rispondere alle continue turbative che coinvolgono l’olivicoltura.

Proposte Cia - Gli interventi che prevede il Piano strategico sembrano rispondere alle proposte avanzate dalla Cia: aggregazione dell’offerta, valorizzazione del prodotto di qualità, misure di mercato flessibili ed efficaci. E’, quindi, opportuno agire subito con una strategia europea tesa a migliorare la competitività delle aziende, concentrare l’offerta per ottenere una più efficace collocazione del prodotto sul mercato e definire misure di mercato per reagire tempestivamente a possibili turbative di mercato. La Cia è, dunque, pronta a contribuire al confronto con la Commissione Ue al fine di migliorare e risollevare un settore che rappresenta una realtà economica e sociale di grandissima importanza per le aree rurali del nostro Paese.

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Sol d'Oro: incetta di premi per l'Italia. Sicilia superstar
Un evento più unico che raro, Buccheri, un paese di poco più di 2.000 abitanti nell'entroterra della provincia di Siracusa in Sicilia, è diventato la...[20/02/2015]
Record di iscrizioni al concorso Sol d'Oro Emisfero Nord
Sol d'Oro Emisfero Nord - Boom di iscrizioni da Italia, Spagna, Grecia, Croazia, Slovenia, Portogallo e Turchia per il Sol d’Oro Emisfero Nord. I lavori...[16/02/2015]
Xylella, il comandante CFS Silletti nominato commissario task force
Il comandante del Corpo Forestale Silletti sarà a capo della task force contro la xylella fastidiosa. Si è svolta questa mattina presso la sede del...[12/02/2015]
Etichettatura: basta al consumo di oli vecchi, più trasparenza in etichetta per M5S
“La trasparenza per i consumatori è la cosa più importante, dobbiamo tutelarla e migliorare le informazioni sulle etichette degli oli venduti in Italia, per evitare...[05/02/2015]
Cinque infografiche per raccontare l'Olio Garda Dop [30/01/2015]
Olivicoltura, in campo una strategia nazionale per il rilancio[23/01/2015]
Ma l’olivicoltura italiana ha ancora un valore?[17/01/2015]
Xylella, Commissione UE risponde a interrogazione Matera (PPE): 'Possibili finanziamenti per emergenze fitosanitarie'[09/01/2015]
Olio d'oliva, dopo l'anno nero convocato tavolo con Regioni il 22 gennaio[24/12/2014]
Batteri vascolari fitopatogeni trasmessi da insetti: il caso del disseccamento rapido dell’olivo[04/12/2014]
Olio di carta, scoperto giro di fatture false per 10 mln euro [04/12/2014]
Olio, con i tappi antirabbocco più qualità e trasparenza. Ora obbligo in Europa[25/11/2014]
Più 3% gli acquisti di oli di oliva confezionati. Export al +12,5%[21/11/2014]
Olio, la scelta estrema di Podere Forte di fronte all'annus horribilis: 'Noi non lo produciamo' [19/11/2014]
 
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress