Questo sito utilizza solo "cookie tecnici", propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se prosegui la navigazione senza cambiare le impostazioni del tuo browser, accetterai di ricevere i cookies dal sito. Cosa sono i cookie?. Leggi l'informativa completa sulla Privacy >>

Accetto X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Crisi settore olivicolo, necessario Piano strategico nazionale
News in frantOLIO del [30/04/2012]

E’ positivo che la Commissione Ue ha intenzione di definire un Piano di azione strategico per il settore olivicolo. Lo sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori per la quale tale iniziativa è assolutamente necessaria per rispondere alle difficoltà dei produttori e per evitare il ripetersi dell’attuale crisi nel comparto, come più volte chiesto dal mondo produttivo. Dalle prime notizie -rileva la Cia- sembrerebbe che il commissario europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos voglia studiare un Piano che favorisca la ristrutturazione del settore attraverso misure finanziate dallo Sviluppo rurale e una migliore organizzazione del settore anche con la crescita delle Organizzazioni di produttori. Non solo. Verranno migliorati i provvedimenti di promozione, rendendoli più flessibili ed efficaci, per l’olio europeo sia all’interno dell’Ue sia nei paesi terzi.

Novità in vista - La Commissione - sostiene la Cia - ha, inoltre, intenzione di puntare anche alla definizione di misure in grado di valorizzare la qualità dell’olio europeo, attraverso il perfezionamento del “Panel test” e con azioni per combattere le frodi. Nel Piano verranno proposte anche nuove norme per rendere sempre più trasparenti le informazioni indicate in etichetta. L’attuale situazione del settore preoccupa fortemente. I prezzi pagati ai produttori continuano a scendere e i costi di produzione si mantengono sempre elevati. Per questo motivo da tempo la Cia chiede misure di mercato in grado di rispondere alle continue turbative che coinvolgono l’olivicoltura.

Proposte Cia - Gli interventi che prevede il Piano strategico sembrano rispondere alle proposte avanzate dalla Cia: aggregazione dell’offerta, valorizzazione del prodotto di qualità, misure di mercato flessibili ed efficaci. E’, quindi, opportuno agire subito con una strategia europea tesa a migliorare la competitività delle aziende, concentrare l’offerta per ottenere una più efficace collocazione del prodotto sul mercato e definire misure di mercato per reagire tempestivamente a possibili turbative di mercato. La Cia è, dunque, pronta a contribuire al confronto con la Commissione Ue al fine di migliorare e risollevare un settore che rappresenta una realtà economica e sociale di grandissima importanza per le aree rurali del nostro Paese.

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Traffico di falso olio 'made in Italy'. Operazione 'Mamma Mia' blocca commercio di 2 mila tonnellate
Bloccato un traffico di falso olio Made in Italy, grazie alla vasta operazione condotta dall’Ispettorato repressione frodi (ICQRF) e coordinata dalla Procura della Repubblica di...[03/02/2016]
Olio d'oliva, l'import da Grecia e Tunisia cresciuto di 5 volte rispetto al 2014
È cresciuto nel 2015 il ruolo di Grecia e Tunisia tra Paesi fornitori di olio di oliva dell’Italia, con un quantitativo importato di cinque volte...[29/01/2016]
Olio d'oliva, nel 2015 +520% import Tunisia. Errore nuove agevolazioni
Dopo che nel 2015 in Italia sono aumentate del 520% le importazioni dell’olio di oliva della Tunisia è un errore l'accesso temporaneo supplementare sul mercato...[28/01/2016]
Olio, M5S: 'No ad accordi UE ammazza-Made in Italy
“No ad altri accordi internazionali di libero scambio 'a scatola chiusa', sanciti dall’Unione Europea con altri Stati. Il rischio è di importare prodotti agricoli che...[28/01/2016]
Olio: Stefàno (Misto), 'Da Ue nuovo intervento a gamba tesa su Made in Italy'[27/01/2016]
Olio d'oliva: l'accordo dell'Ue sul prodotto tunisino è uno schiaffo agli agricoltori italiani[26/01/2016]
Solidarietà ai giornalisti minacciati per il caso Xylella[22/01/2016]
Xylella, superare al più presto l’impasse. Dopo stop a piano Silletti ora rischio infrazione Ue[16/01/2016]
Allarme Xylella, il batterio non aspetta i tempi della giustizia [28/12/2015]
Xylella, Matera (Fi): 'Ombre inquietanti su contagio e interventi. Serve chiarezza'[21/12/2015]
Xylella, Agrinsieme: incomprensibile situazione che nega pareri di scienziati di fama mondiale [21/12/2015]
Xylella, l'Ue avverte l'Italia: 'Prenda azioni rapide ed efficaci'[21/12/2015]
Nuovo museo dell'olio della Denominazione Sierra de Moncayo-Saragozza con Pieralisi [12/12/2015]
Enrico Lupi confermato alla guida delle Città dell'Olio[10/12/2015]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress