|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
Eurocarne chiude con 16mila visitatori. Il 12% sono esteri
News in ALLEVAmenti del [28/05/2012]

La 25ª edizione di Eurocarne, il salone internazionale delle tecnologie e prodotti per la lavorazione, conservazione, refrigerazione e distribuzione delle carni, organizzato da Veronafiere insieme con Ipack-Ima Spa, ha chiuso ieri sera con una presenza di oltre 16 mila operatori e una presenza marcata di visitatori stranieri, pari al 12% del totale e in crescita del 4 per cento sul 2009. «Il bilancio dell’edizione 2012 è positivo – ha commentato il presidente di Veronafiere, Ettore Riello – e conferma la elevata specializzazione dell’Italia nel settore delle macchine dedicate al comparto delle carni. Eurocarne ha mostrato di saper leggere il mercato, intercettando la domanda estera, soprattutto di alcune aree emergenti come Africa ed Europa Centro orientale, senza dimenticare i Paesi dell’Unione europea, dove i flussi commerciali sono consolidati».

Punto di riferimento - «Eurocarne si conferma sicuramente anche in questa 25a edizione come vetrina di riferimento per il mercato italiano – commenta Emilia Arosio, presidente di Eurocarne e Assofoodtec -  è comunque ovvio che abbia risentito del clima economico globale che influenza in maniera marcata le decisioni d’acquisto. Decisioni che privilegiano il rinnovo delle singole macchine e piccole attrezzature, destinate ad una tipologia clientelare non di tipo prettamente industriale,  rispetto ai grandi investimenti per nuovi impianti  più complessi». Una manifestazione a «trazione internazionale», come garantivano in partenza i numeri della Silver edition: 312espositori, di cui il 32 per cento provenienti dall’estero. «D’altronde – ha affermato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – l’Ente fieristico veronese rappresenta il 40 per cento dell’offerta fieristica nazionale nell’agroalimentare. Quanto alle tecnologie in esposizioni in questi quattro giorni di Eurocarne, non possiamo dimenticare che oltre alla tecnologia avanzata costituiscono un presidio in chiave di sicurezza alimentare e una garanzia per la salubrità dei prodotti finiti».

Bilancio positivo - «Si è chiusa una manifestazione con un bilancio che può considerarsi sostanzialmente positivo, considerato l’attuale momento particolarmente difficile e delicato. – afferma Guido Corbella, amministratore delegato di Ipack-Ima Spa – L’afflusso dei visitatori esteri, particolarmente numerosi dai mercati più promettenti, premia un settore che vede nell’export il proprio punto di forza. Il profilo dei buyers invitati si è dimostrato estremamente centrato e, a quanto ci risulta, sono anche stati conclusi un certo numero di contratti. Anche i maggiori operatori economici italiani erano presenti, - osserva Guido Corbella - a conferma del radicamento della manifestazione nella business community, seppure il mercato interno stia risentendo della situazione economica del Paese; sarebbe stato comunque illusorio ritenere che una manifestazione potesse ribaltare lo scenario attuale». Positivo l’andamento di Eurocarne anche per molti espositori che hanno registrato contatti utili e posto le basi per sviluppi futuri, con un’attenzione marcata dei buyers  delle delegazioni estere,  presenti in gran numero  - oltre 200 - e con un profilo altamente qualificato.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Mozzarella Bufala: caso caseificio Serre è danno economico e d'immagine
E’ il prodotto che vanta il maggior numero di controlli, oltre 15 mila l’anno. E’ l’unico Consorzio al mondo ad aver varato un codice etico...[30/01/2015]
Latte, Agrinsieme chiede al ministro Martina la convocazione del tavolo di settore
Agrinsieme ha chiesto al ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina la convocazione del Tavolo del settore lattiero caseario in cui avviare un utile confronto...[30/01/2015]
Latte, Martina punzecchia Fava: 'Da lui polemiche inutili, da Governo azioni per produttori'
“Aspettavo oggi a Roma l’amico Assessore Gianni Fava per la riunione che abbiamo avuto con le Regioni proprio sul Piano operativo nazionale (Pon) di sviluppo...[24/01/2015]
Mozzarelle senza latte. Bene sequestro Nas
Il sequestro di un caseificio che produceva mozzarelle senza l'uso del latte – dichiara in una nota il presidente nazionale della Confeuro, Rocco Tiso –...[23/01/2015]
Quote latte: rischio caos nel passaggio tra il vecchio sistema e le nuove regole per il settore[23/01/2015]
Crisi Parmigiano Reggiano approda al Senato. Serve un rilancio [21/01/2015]
Influenza suina, Manzato (Veneto) assicura 'nessun pericolo, non si trasmette all'uomo' [18/01/2015]
Accordo raggiunto, sbloccato l'export del Parmigiano Reggiano con l'Algeria[18/01/2015]
Zootecnia, oltre 200 mln euro all'anno per recuperare efficienza[17/01/2015]
Parmigiano Reggiano, produzione dicembre chiude al -1,1%. Ma riapre mercato Corea Sud[09/01/2015]
Zamponi e Cotechini di Modena IGP, sei milioni consumati a Capodanno[02/01/2015]
Crisi: 18mila imprese agricole in difficoltà finanziaria (+6%) [24/12/2014]
Nicola Levoni nuovo presidente Assica[16/12/2014]
Mozzarella: da adulterazione danni a 1500 allevatori [05/12/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress