Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
Eurocarne chiude con 16mila visitatori. Il 12% sono esteri
News in ALLEVAmenti del [28/05/2012]

La 25ª edizione di Eurocarne, il salone internazionale delle tecnologie e prodotti per la lavorazione, conservazione, refrigerazione e distribuzione delle carni, organizzato da Veronafiere insieme con Ipack-Ima Spa, ha chiuso ieri sera con una presenza di oltre 16 mila operatori e una presenza marcata di visitatori stranieri, pari al 12% del totale e in crescita del 4 per cento sul 2009. «Il bilancio dell’edizione 2012 è positivo – ha commentato il presidente di Veronafiere, Ettore Riello – e conferma la elevata specializzazione dell’Italia nel settore delle macchine dedicate al comparto delle carni. Eurocarne ha mostrato di saper leggere il mercato, intercettando la domanda estera, soprattutto di alcune aree emergenti come Africa ed Europa Centro orientale, senza dimenticare i Paesi dell’Unione europea, dove i flussi commerciali sono consolidati».

Punto di riferimento - «Eurocarne si conferma sicuramente anche in questa 25a edizione come vetrina di riferimento per il mercato italiano – commenta Emilia Arosio, presidente di Eurocarne e Assofoodtec -  è comunque ovvio che abbia risentito del clima economico globale che influenza in maniera marcata le decisioni d’acquisto. Decisioni che privilegiano il rinnovo delle singole macchine e piccole attrezzature, destinate ad una tipologia clientelare non di tipo prettamente industriale,  rispetto ai grandi investimenti per nuovi impianti  più complessi». Una manifestazione a «trazione internazionale», come garantivano in partenza i numeri della Silver edition: 312espositori, di cui il 32 per cento provenienti dall’estero. «D’altronde – ha affermato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – l’Ente fieristico veronese rappresenta il 40 per cento dell’offerta fieristica nazionale nell’agroalimentare. Quanto alle tecnologie in esposizioni in questi quattro giorni di Eurocarne, non possiamo dimenticare che oltre alla tecnologia avanzata costituiscono un presidio in chiave di sicurezza alimentare e una garanzia per la salubrità dei prodotti finiti».

Bilancio positivo - «Si è chiusa una manifestazione con un bilancio che può considerarsi sostanzialmente positivo, considerato l’attuale momento particolarmente difficile e delicato. – afferma Guido Corbella, amministratore delegato di Ipack-Ima Spa – L’afflusso dei visitatori esteri, particolarmente numerosi dai mercati più promettenti, premia un settore che vede nell’export il proprio punto di forza. Il profilo dei buyers invitati si è dimostrato estremamente centrato e, a quanto ci risulta, sono anche stati conclusi un certo numero di contratti. Anche i maggiori operatori economici italiani erano presenti, - osserva Guido Corbella - a conferma del radicamento della manifestazione nella business community, seppure il mercato interno stia risentendo della situazione economica del Paese; sarebbe stato comunque illusorio ritenere che una manifestazione potesse ribaltare lo scenario attuale». Positivo l’andamento di Eurocarne anche per molti espositori che hanno registrato contatti utili e posto le basi per sviluppi futuri, con un’attenzione marcata dei buyers  delle delegazioni estere,  presenti in gran numero  - oltre 200 - e con un profilo altamente qualificato.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Sos miele. Scaffali vuoti, crolla Made in Italy: -70%
I cambiamenti climatici, la siccità in aree vocate all'apicoltura come la Sicilia, e l'avvelenamento da pesticidi. Sono questi i nemici delle api che hanno fatto...[09/09/2016]
Latte, c'è spazio per un aumento immediato del prezzo
In Francia è stato raggiunto un accordo sul prezzo del latte tra il gruppo Lactalis e le organizzazioni dei produttori, dopo una settimana di una...[09/09/2016]
Ecco la “caciotta solidale” con il latte dalle zone del terremoto
Arriva la 'caciotta solidale' a sostegno degli allevamenti nelle zone terremotate, un prodotto reso possibile «da una mobilitazione straordinaria nell'area, per garantire ogni giorno la...[09/09/2016]
Consumi bio. +21%, è record negli acquisti
Aumentano del 21 per cento gli acquisti di prodotti biologici in Italia nel 2016 per un valore al consumo stimato in circa 2,5 miliardi di...[09/09/2016]
Pomodoro Nord Italia, trasformate 1.124mila tonnellate di prodotto[06/09/2016]
Via alla raccolta della Melinda, prevista ottima qualità [25/08/2016]
Cowboy si diventa. Giovani allevatori visitano le stalle di Usa e Australia[18/08/2016]
L'Asiago Dop guarda ad Est. Promozione da 3 milioni di euro[17/08/2016]
Mercato stabile per la CUN Tagli di Carne Suina Fresca[17/08/2016]
Mercato stabile per la CUN suinetti[08/07/2016]
Pesca, via libera Commissione Ue a riduzione taglia minima vongole[01/07/2016]
Approvati i programmi apistici 2017-19: 18 mln all'Italia[01/07/2016]
Viticoltura eroica: strategia comune per i vigneti più belli e ‘difficili’ d’Europa[01/07/2016]
Formaggi italiani, Brexit non fa paura. L'export vale 230 mln di euro [01/07/2016]
 
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X