Questo sito utilizza solo "cookie tecnici", propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se prosegui la navigazione senza cambiare le impostazioni del tuo browser, accetterai di ricevere i cookies dal sito. Cosa sono i cookie?. Leggi l'informativa completa sulla Privacy >>

Accetto X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
Chianti Colli Senesi e Vernaccia di San Gimignano invadono New York
News in diVINO del [06/06/2012]

Che gli americani amino particolarmente la zone del Chianti e tutti i suoi vini è cosa ben nota e vedere eleganti turisti made in Usa sfrecciare con le loro cabriolet in giro per le nostre colline, di questo periodo è più che normale. Ma stavolta sono stati il Consorzio Chianti Colli Senesi e quello della Vernaccia di San Gimignano a spostarsi, volando in trasferta fino a New York, per il “Tuscany Red and White”, la manifestazione organizzata dal Gambero Rosso per i due consorzi toscani. Nel cuore di Manhattan, nello spazio The Loft - International Culinary Center of New York- 28 Crosby Street, a Broadway, protagonisti assoluti per un giorno saranno infatti la Vernaccia di San Gimignano e il Colli Senesi, con ventitre aziende associate a fare da testimonial alle due denominazioni. 

Evento NY - L’evento, rivolto ai giornalisti, agli operatori e agli opinion leader enogastronomici newyorkesi, ha visto lo svolgersi di un seminario e una degustazione ai banchi di assaggio ed è stato condotto da Marco Sabellico, uno dei giornalisti più noti del Gambero Rosso, che ha presentato le due denominazioni e il loro territorio di provenienza. Insieme a Giovanni Borella, vice presidente del Consorzio Chianti Colli Senesi e a Letizia Cesani, presidente del Consorzio della Denominazione San Gimignano, si sono poi degustati e si è parlato dei vini, delle loro radici storiche e culturali, ma anche di quella realtà economica e produttiva che fa da background a questo tipo di produzione. Al termine del seminario infine, sono stati aperti i banchi di assaggio, con i produttori che hanno offerto in degustazione le proprie etichette e anche la propria esperienza nel mondo del vino, suggerendo i giusti abbinamenti gastronomici, con assaggi di cucina toscana.

Successo - Un’iniziativa molto interessante quindi, che per il secondo anno consecutivo vede un discreto successo sia di pubblico che di consenso da parte degli operatori di settore.  E’ infatti la seconda volta che il Consorzio Chianti Colli Senesi e quello della Vernaccia di San Gimignano si presentano in sinergia sul mercato newyorkese, ideando un’azione di cooperative marketing molto efficace e di impatto, con il preciso obiettivo di agire sul mercato newyorkese con una campagna di promozione dei due brands molto incisiva e quanto più continuativa possibile, superando tutte quelle barriere logistiche ed economiche che troppo spesso caratterizzato in modo limitante le azioni promozionali portate avanti da piccole denominazioni come quella del Chianti Colli Senesi e della Vernaccia di San Gimignano. Benvenuti a New York quindi.

Alessia Bruchi

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

E' morto Giacomo Tachis, addio al padre del Sassicaia. Nel 2014 il Pegaso d'Oro dalla Regione Toscana
E' morto dopo una lunga malattia Giacomo Tachis, il re degli enologi.  Aveva 82 anni. Piemontese, originario di Poirino (Torino), dopo gli studi alla Scuola...[07/02/2016]
Wine&Siena, i numeri decretano il successo
Wine&Siena ha chiuso con numeri che ne decretano il successo. In due giorni, durante un periodo dell’anno tradizionalmente di bassa stagione per le presenze turistiche,...[02/02/2016]
Fusione piccoli Comuni. Allarme anche nel mondo del vino: 'Caos nelle denominazioni'
Un Barolo di Barolo (739 abitanti) o della “frazione” di Barolo? Un Morellino di Scansano (4.500 persone) o della “località” Scansano? E il Barbaresco (670...[01/02/2016]
'Il territorio non è un brand': M5S contro liberalizzazioni denominazioni dei vini
“Difendere le certificazioni Dop(Denominazione di Origine Protetta) e Igp (Indicazione Geografica Protetta) del vino italiano che, per definizione, riportando in etichetta il nome del vitigno,...[29/01/2016]
Le Chiantigiane, primo venditore di Chianti nella Gdo italiana. Bilancio 2015 al +2%[29/01/2016]
Mediastars premia vino: la prima App per conoscere e acquistare i migliori vini italiani[29/01/2016]
Parte Wine&Siena, primo evento vitivinicolo nazionale del 2016[28/01/2016]
Vino taroccato. Brunello e Amarone made in Spagna, sequestrate 450 bottiglie in Danimarca[21/01/2016]
Dal Sauvignon kretos al Julius, registrati dieci nuovi vitigni resistenti alle malattie[18/01/2016]
Brindisi di fine anno: nel mondo sempre di più con spumante italiano[28/12/2015]
Vini rosati in passerella a Roma. Veneto e Puglia sugli scudi al concorso nazionale[22/12/2015]
'Io sono Donatella': Cinelli Colombini presenta il suo miglior Brunello[12/12/2015]
Diritti di reimpianto vigneti: dal 1 gennaio scatta il divieto di commercializzazione[12/12/2015]
Registri vitivinicoli online: a che punto siamo?[12/12/2015]
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress