|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
Piemonte, per Sacchetto PAC attuale danneggia l'agricoltura
News in daiCAMPI del [06/06/2012]

Fin dal primo momento in cui furono illustrate le proposte per la nuova Pac 2014-2020, era il 12 ottobre 2011, il giudizio sulla riforma elaborata dalla Commissione Ue è stato nettamente negativo.
A non convincere l’Assessorato Regionale all’Agricoltura  sono una molteplicità di aspetti, desta in primo luogo preoccupazione proprio l’impianto complessivo della Politica Agricola Comune così come pensata dal Commissario Ue Dacian Ciolos. L’azienda agricola non è oggetto di sostegno come auspicabile, è evidente l’aumento del carico amministrativo-burocratico, eccessiva importanza inoltre viene attribuita al “greening” a scapito di altre misure strategiche non prese sufficientemente in considerazione. La partita va giocata adesso recependo le proposte degli Stati membri, avviando un confronto determinato ma costruttivo, unico strumento attraverso il quale correggere una riforma che altrimenti pregiudicherebbe la crescita futura del comparto agricolo. Determinante sarà infine l’azione del Parlamento Europeo, il quale avrà un ruolo fondamentale nelle scelte che definiranno le sorti dell’agricoltura continentale.

Assessore Regionale all’Agricoltura Claudio Sacchetto - “La riforma della Pac, così come impostata allo stato attuale, non rappresenta una politica a sostegno dell’agricoltura ma, al contrario, un potenziale ostacolo allo sviluppo. Molti gli ambiti non funzionali: innanzitutto i criteri di distribuzione dei fondi tra i diversi stati, basato sulla superficie, penalizza in modo evidente il nostro Paese; l’Italia infatti, pur ricoprendo un ruolo importante nel comparto agricolo europeo, ha una produzione di tipo intensivo, non estensivo. Inoltre, fin dal primo momento, è emerso l’eccessivo peso del “greening” nella struttura della riforma: tale impostazione preclude un automatico incremento di burocrazia, per di più rappresenta un impegno a carico dell’agricoltore per nulla proporzionato a quello che è l’impatto minimo del comparto rurale sull’ambiente. Infine sono venute meno tutte quelle intenzioni relative ad un alleggerimento della normativa e allo snellimento delle procedure, interventi necessari per garantire un rilancio dell’intero comparto. Dal futuro dell’agricoltura dipende buona parte della crescita europea e non solo, l’augurio è quello che attraverso una collaborazione tra gli Stati membri e un buon lavoro di confronto con le istituzioni europee si possa giungere ad una correzione vigorosa di quella che è la strada tracciata il 12 ottobre scorso”.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Cdm: approvato decreto per l'agricoltura. Interventi su latte, olio, Xylella e piogge alluvionali
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che è stato approvato oggi in Consiglio dei Ministri il decreto legge urgente per il...[02/05/2015]
Carta di Milano è l’eredità di Expoo. Un dovere condiviso
"Un mondo senza fame è un mondo possibile". Suona quasi come uno slogan il monito che Salvatore Veca, coordinatore scientifico di Laboratorio Expo, ha richiamato...[29/04/2015]
Risoluzione Parlamento europeo su Expo2015, Martina ringrazia
“Ringrazio l’assemblea del Parlamento Europeo, il Presidente Martin Schulz, l'Onorevole Paolo de Castro e gli europarlamentari che insieme a lui hanno sviluppato con passione e...[29/04/2015]
Verso le urne: la Cia ai candidati consiglia 'più agricoltura per lo sviluppo della Toscana'
 Sviluppo della Toscana? Serve più agricoltura. E’ questo l’invito della Cia Toscana alle forze politiche in vista delle elezioni regionali del 31 maggio. Proprio oggi...[29/04/2015]
Lupi ancora all'attacco nel Senese. Sbranate pecore e vitelli di chianina[25/04/2015]
Confeuro sugli Ogm: 'Il Governo mostri lungimiranza'[25/04/2015]
Scoperta in Toscana la farina più antica del mondo: risale a 30 mila anni fa[23/04/2015]
Arriva l'IGP per la Finocchiona. E l'Italia vola a 271 Denominazioni[23/04/2015]
ICQRF, nel 2014 54mila prodotti controllati e sequestri per 43mln euro[22/04/2015]
La Patata rossa di Colfiorito è IGP[22/04/2015]
Prosciutto Lab nel cuore della Food Valley[22/04/2015]
Residui, il 99,5% dei prodotti sono a norma di legge. Agrofarma sfata 'falsi' miti a tavola [22/04/2015]
PAN prodotti fitosanitari: sinergia agricoltura e ricerca per sostenibilità, ambientale ed economica [17/04/2015]
Xylella in Francia. Agricoltura italiana unanime: «Soluzioni condivise per l'emergenza»[17/04/2015]
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress