Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Piemonte, per Sacchetto PAC attuale danneggia l'agricoltura
News in daiCAMPI del [06/06/2012]

Fin dal primo momento in cui furono illustrate le proposte per la nuova Pac 2014-2020, era il 12 ottobre 2011, il giudizio sulla riforma elaborata dalla Commissione Ue è stato nettamente negativo.
A non convincere l’Assessorato Regionale all’Agricoltura  sono una molteplicità di aspetti, desta in primo luogo preoccupazione proprio l’impianto complessivo della Politica Agricola Comune così come pensata dal Commissario Ue Dacian Ciolos. L’azienda agricola non è oggetto di sostegno come auspicabile, è evidente l’aumento del carico amministrativo-burocratico, eccessiva importanza inoltre viene attribuita al “greening” a scapito di altre misure strategiche non prese sufficientemente in considerazione. La partita va giocata adesso recependo le proposte degli Stati membri, avviando un confronto determinato ma costruttivo, unico strumento attraverso il quale correggere una riforma che altrimenti pregiudicherebbe la crescita futura del comparto agricolo. Determinante sarà infine l’azione del Parlamento Europeo, il quale avrà un ruolo fondamentale nelle scelte che definiranno le sorti dell’agricoltura continentale.

Assessore Regionale all’Agricoltura Claudio Sacchetto - “La riforma della Pac, così come impostata allo stato attuale, non rappresenta una politica a sostegno dell’agricoltura ma, al contrario, un potenziale ostacolo allo sviluppo. Molti gli ambiti non funzionali: innanzitutto i criteri di distribuzione dei fondi tra i diversi stati, basato sulla superficie, penalizza in modo evidente il nostro Paese; l’Italia infatti, pur ricoprendo un ruolo importante nel comparto agricolo europeo, ha una produzione di tipo intensivo, non estensivo. Inoltre, fin dal primo momento, è emerso l’eccessivo peso del “greening” nella struttura della riforma: tale impostazione preclude un automatico incremento di burocrazia, per di più rappresenta un impegno a carico dell’agricoltore per nulla proporzionato a quello che è l’impatto minimo del comparto rurale sull’ambiente. Infine sono venute meno tutte quelle intenzioni relative ad un alleggerimento della normativa e allo snellimento delle procedure, interventi necessari per garantire un rilancio dell’intero comparto. Dal futuro dell’agricoltura dipende buona parte della crescita europea e non solo, l’augurio è quello che attraverso una collaborazione tra gli Stati membri e un buon lavoro di confronto con le istituzioni europee si possa giungere ad una correzione vigorosa di quella che è la strada tracciata il 12 ottobre scorso”.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Ottimismo dati agricoltura Sud non giustificato. Molti settori in forte crisi
La ventata di ottimismo che sta contagiando un po' tutti dopo la diffusione dei dati, incoraggianti, sull'andamento dell'economia agricola meridionale richiede una lettura approfondita che...[01/07/2016]
Crisi grano duro, dal prossimo anno pasta italiana a rischio
La rabbia dei cerealicoltori italiani, a cominciare da quelli della Puglia e dell’Emilia Romagna, cresce di fronte ai segnali preoccupanti che arrivano dal mercato nazionale...[01/07/2016]
Grano, Mongiello (PD): 'Sovrapproduzione nazionale non giustifica prezzo inferiore a costi di produzione e non frena import'
"La sovrapproduzione di grano in Italia non giustifica il bassismo prezzo pagato ai produtto-ri e non disincentiva le importazioni dall'estero. Il mercato da solo non...[01/07/2016]
Brexit, per la Pac vale una riduzione del bilancio del 5%
 I cittadini del Regno Unito si sono espressi a favore dell’uscita dall’UE, con una maggioranza del 52%. Il risultato del referendum del 23 giugno, oltre...[01/07/2016]
Questione meridionale, per Confeuro si affronta con l'agricoltura[01/07/2016]
Giovani, investimenti e Gal: ecco i Bandi del PSR Calabria 2014/2020[30/06/2016]
Cinque giorni di caccia di selezione agli ungulati: primo passo verso auspicata riduzione numero[30/06/2016]
Cimice asiatica e moscerino delle ciliegie: il Veneto finanzia due progetti per difendere colture e frutteti[30/06/2016]
Banca MPS e Confagricoltura: partnership per lo sviluppo e la crescita delle imprese agricole[22/06/2016]
Fauna selvatica: abbattimenti selettivi, controlli veterinari e carne agli indigenti[21/06/2016]
Domanda unica e del Psr: per Confeuro 'Agea ha fallito ancora'[21/06/2016]
Produzione integrata: l'Emilia Romagna corre ai ripari e stanzia altri 15 milioni di euro [21/06/2016]
Stihl e Assoverde la partnership di rinnova[21/06/2016]
CDM approvato Decreto con interventi per l'agricoltura[21/06/2016]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X