Questo sito utilizza solo "cookie tecnici", propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se prosegui la navigazione senza cambiare le impostazioni del tuo browser, accetterai di ricevere i cookies dal sito. Cosa sono i cookie?. Leggi l'informativa completa sulla Privacy >>

Accetto X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
Consorzi Agrari, patrimonio di tutta l'agricoltura italiana
News in daiCAMPI del [15/06/2012]

“I Consorzi agrari appartengono alla storia del nostro Paese e sono un patrimonio di tutti gli agricoltori. Non possono essere, quindi, gestiti solo da alcuni e negati ad altri. Oltretutto, avendo ottenuto per legge il riconoscimento di cooperative a mutualità prevalente, hanno assunto una funzione pubblica. Deve essere, quindi, garantita la libera partecipazione dei produttori agricoli”. Lo ha affermato il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi intervenendo oggi a Roma all’Assemblea nazionale per l’agricoltura “Coltiviamo il futuro” promossa dal Pd. “I Consorzi agrari -ha aggiunto Politi- sono chiamati oggi a compiere il tanto auspicato passo avanti nella necessaria democratizzazione e riorganizzazione economico-finanziaria, territoriale e strutturale”.

“D’altra parte, più volte - ha rimarcato il presidente della Cia - abbiamo sostenuto che l’associazionismo economico degli agricoltori è centrale per la crescita del settore. E i Consorzi agrari, per la loro storia e per ciò che rappresentano, sono un tassello importante del progetto di riorganizzazione della filiera agricola italiana. Noi siamo aperti ad un confronto serio e costruttivo”. Altro tema toccato dal presidente Politi la regolazione dei mercati agroalimentari. “E’ essenziale favorire e sviluppare regole chiare che permettano rapporti più stretti di filiera. Quanto avvenuto a livello europeo con il cosiddetto ’pacchetto latte’ -ha detto- deve rappresentare un ‘apri-pista’ per tutti gli altri settori produttivi, assicurando una reale programmazione produttiva delle filiere. Come Cia, abbiamo sempre ritenuto che l’autogoverno dei produttori nell’ambito di corrette relazioni intersettoriali sia la strada maestra per regolare il mercato. Tutto ciò superando le vecchie logiche dei vincoli e delle quote, ma anche assicurando trasparenza e un’equa ripartizione del valore aggiunto nella filiera”.

Negoziato Pac - Il presidente della Cia ha concluso il suo intervento sottolineando che “accanto ad un’azione tesa a tutelare gli interessi degli agricoltori italiani nel difficile negoziato sulla Pac post 2013, è indispensabile avviare da subito un confronto concreto e costruttivo tra tutti i soggetti della filiera agroalimentare e le istituzioni centrali e locali per un nuovo progetto di politica agraria. Lo impone l’attuale difficile situazione del settore primario e i problemi economici e sociali che sono costrette ad affrontare migliaia di imprese agricole”. “L’Italia agricola -ha insistito Politi- ha bisogno di una strategia condivisa e di ampio respiro. Basta, quindi, ai provvedimenti di emergenza e frammentari. Occorre sviluppare ricerca e innovazione, ricambio generazionale e aggregazione fondiaria, efficienza dei mercati, sostegno della competitività e costi di produzione, semplificazione amministrativa. E’ ormai giunto il momento di cambiare. Se si vuole puntare alla crescita e alla competitività delle aziende agricole è indispensabile cambiare marcia. Il governo Monti non ha finora dato risposte puntuali e concrete in questa direzione. Ecco perché chiediamo che si riaccendano i riflettori sull’agricoltura e si tenga conto del ruolo fondamentale che svolgono gli imprenditori agricoli del nostro Paese”.

 

 

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Riso, Italia prima in Europa per produzione. Unico paese al mondo ad aver imposto una classificazione per varietà. Il 68% viene esportato, anche in Cina
vL’Italia produce il 50% del riso d’Europa, lo 0,38% della produzione mondiale. Nel 2014 in Italia sono stati coltivati 219.532 ha di riso il 32%...[03/07/2015]
Expo 2015, disabilità: anche un orto è una palestra per un disabile
Un orto è una palestra per un disabile grave. Si può sintetizzare così l’esperienza multisensoriale “Doppio Senso”, un percorso tra abilità e disabilità in programma...[03/07/2015]
Emergenza ungulati continua a Siena. 'Dalla politica solo chiacchiere' e le aziende chiudono
«Tante chiacchiere da parte delle istituzioni, da parte della politica, ma zero risultati. La situazione era e resta insostenibile. Nessun abbattimento speciale, non ci sono...[01/07/2015]
Il CRA diventa CREA: ecco il nuovo ente presentato ad Expo
Il CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), nato dall’incorporazione dell’INEA da parte del CRA (in cui erano già precedentemente confluiti...[27/06/2015]
Expo, agronomi-volontari raccontano come nasce il cibo. «Pubblico attento ed interessato, c’è sete di conoscenza» [27/06/2015]
Contoterzisti, Confagricoltura, CREA (ex CRA e INEA), agronomi CONAF e meccanizzazione agricola per fare lobby nel nome di qualità, ricerca, innovazione e sostenibilità economica e ambientale[27/06/2015]
Birra: Confagricoltura contraria alla tassazione di bevande fermentate a base di materie prime agricole[24/06/2015]
Presentato a EXPO l’Atlante Qualivita Food&Wine 2015[16/06/2015]
Lavoro, boom di occupati nel primo trimestre[05/06/2015]
Mortadella di Bologna Igp, online il nuovo sito[05/06/2015]
Alimentazione, ecco la nuova piramide alimentare transculturale con sorgo e bamboo[05/06/2015]
Xylella, il Consiglio di Stato conferma lo stop a Piano interventi[05/06/2015]
Fondi Pac, l’Italia mantiene in quarto posto in Ue[05/06/2015]
L’agricoltura italiana batte la crisi e si conferma prima in Europa [05/06/2015]
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa sulla Privacy >>

Accetto X