|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Consorzi Agrari, patrimonio di tutta l'agricoltura italiana
News in daiCAMPI del [15/06/2012]

“I Consorzi agrari appartengono alla storia del nostro Paese e sono un patrimonio di tutti gli agricoltori. Non possono essere, quindi, gestiti solo da alcuni e negati ad altri. Oltretutto, avendo ottenuto per legge il riconoscimento di cooperative a mutualità prevalente, hanno assunto una funzione pubblica. Deve essere, quindi, garantita la libera partecipazione dei produttori agricoli”. Lo ha affermato il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi intervenendo oggi a Roma all’Assemblea nazionale per l’agricoltura “Coltiviamo il futuro” promossa dal Pd. “I Consorzi agrari -ha aggiunto Politi- sono chiamati oggi a compiere il tanto auspicato passo avanti nella necessaria democratizzazione e riorganizzazione economico-finanziaria, territoriale e strutturale”.

“D’altra parte, più volte - ha rimarcato il presidente della Cia - abbiamo sostenuto che l’associazionismo economico degli agricoltori è centrale per la crescita del settore. E i Consorzi agrari, per la loro storia e per ciò che rappresentano, sono un tassello importante del progetto di riorganizzazione della filiera agricola italiana. Noi siamo aperti ad un confronto serio e costruttivo”. Altro tema toccato dal presidente Politi la regolazione dei mercati agroalimentari. “E’ essenziale favorire e sviluppare regole chiare che permettano rapporti più stretti di filiera. Quanto avvenuto a livello europeo con il cosiddetto ’pacchetto latte’ -ha detto- deve rappresentare un ‘apri-pista’ per tutti gli altri settori produttivi, assicurando una reale programmazione produttiva delle filiere. Come Cia, abbiamo sempre ritenuto che l’autogoverno dei produttori nell’ambito di corrette relazioni intersettoriali sia la strada maestra per regolare il mercato. Tutto ciò superando le vecchie logiche dei vincoli e delle quote, ma anche assicurando trasparenza e un’equa ripartizione del valore aggiunto nella filiera”.

Negoziato Pac - Il presidente della Cia ha concluso il suo intervento sottolineando che “accanto ad un’azione tesa a tutelare gli interessi degli agricoltori italiani nel difficile negoziato sulla Pac post 2013, è indispensabile avviare da subito un confronto concreto e costruttivo tra tutti i soggetti della filiera agroalimentare e le istituzioni centrali e locali per un nuovo progetto di politica agraria. Lo impone l’attuale difficile situazione del settore primario e i problemi economici e sociali che sono costrette ad affrontare migliaia di imprese agricole”. “L’Italia agricola -ha insistito Politi- ha bisogno di una strategia condivisa e di ampio respiro. Basta, quindi, ai provvedimenti di emergenza e frammentari. Occorre sviluppare ricerca e innovazione, ricambio generazionale e aggregazione fondiaria, efficienza dei mercati, sostegno della competitività e costi di produzione, semplificazione amministrativa. E’ ormai giunto il momento di cambiare. Se si vuole puntare alla crescita e alla competitività delle aziende agricole è indispensabile cambiare marcia. Il governo Monti non ha finora dato risposte puntuali e concrete in questa direzione. Ecco perché chiediamo che si riaccendano i riflettori sull’agricoltura e si tenga conto del ruolo fondamentale che svolgono gli imprenditori agricoli del nostro Paese”.

 

 

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Legge di stabilità: giovani agricoltori, bene emendamenti su affiancamento junior/senior e Banca delle terre agricole
Due importanti emendamenti trovano spazio nel collegato agricolo alla legge di Stabilità, due misure di grande interesse per i giovani imprenditori agricoli italiani. Si tratta,...[21/11/2014]
Maltempo: non prevenire è già costato all’Italia 22 miliardi di euro
Il territorio italiano deve essere messo in sicurezza, senza ulteriori indugi da parte della politica, non solo per evitare il ripetersi di continue “emergenze maltempo”,...[21/11/2014]
Imu agricola, onere inaccettabile che viola lo Statuto del contribuente
“La possibile imminente emanazione del decreto del ministero dell’Economia, che rivede l’applicazione dell’Imu nelle zone montane al di sotto dei 600 metri, è inaccettabile. Individua...[21/11/2014]
Maltempo, azioni concrete a sostegno delle aziende colpite
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali comunica che si è svolta oggi pomeriggio presso la Sede del Consiglio provinciale di Alessandria, alla presenza...[21/11/2014]
Turbolenze nel mercato della mela. Interpoma a Bolzano[21/11/2014]
Sequestrate in Puglia 37 tonnellate di cereali per la semina[21/11/2014]
Interpoma al via con 400 espositori da 20 Paesi[20/11/2014]
Meno carta e più innovazione. Nei campi parte l'era della semplificazione[19/11/2014]
Il clima impazzito aumenta il costo del piatto in tavola[19/11/2014]
Pizza napoletana punta al riconoscimento Unesco. E deve respingere gli 'attacchi' della pizza americana [19/11/2014]
Agricoltura 2.0, il Governo coinvolga tutto il mondo agricolo [19/11/2014]
Nicola Pecchioni è il nuovo direttore del CRA CER[18/11/2014]
Acquisti al -3,3%: effetto crisi sugli ortaggi di IV e V gamma[17/11/2014]
Nuovo PSR: al via la 'partecipazione' sul portale della Regione Toscana[17/11/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress