Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Olio, in Europa una strategia comune per far crescere il settore
News in frantOLIO del [22/06/2012]

Una strategia comune per valorizzare il settore dell’olio in Europa. E’ quanto emerso dall’incontro che si è tenuto nei giorni scorsi a Bruxelles,  presieduto dal Commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, Dacian Ciolos, insieme agli altri Ministri dei Paesi produttori, nel quale è stato concordato un piano d’azione per il settore dell’olio d’oliva dell’Unione Europea.

Strategia comune - «Voglio esprimere tutta la mia soddisfazione per l’esito di quest’incontro che ha consentito di stabilire una strategia comune per tutto il comparto oleicolo dopo una crisi di mercato che dura da troppo tempo – ha detto Mario Catania, ministro delle politiche agricole alimentari e forestali - Devo soprattutto rilevare che alcune di quelle che da sempre sono battaglie portate avanti dal nostro Paese, come l’etichettatura di origine, i parametri di qualità e i rafforzamenti dei controlli, sono ora condivise e sostenute dalla Commissione. Particolare rilevanza credo che abbiano anche la possibilità di usufruire dei programmi di sviluppo rurale e degli incentivi all’aggregazione dell’offerta»

La situazione del mercato Nel corso della riunione, alla quale hanno partecipato, oltre all’Italia, il Portogallo, la Spagna, la Slovenia, la Francia, la Romania, la Grecia e Cipro, è stata esaminata la difficile situazione di mercato che in questi mesi colpisce il settore, non solo in Italia, ed è stato trovato un accordo su una strategia complessiva che consenta al comparto di fare un salto di qualità. Il piano condiviso prevede “qualità e controlli” con il rafforzamento del sistema dei controlli e delle sanzioni; “struttura della filiera” con il rafforzamento delle organizzazioni di produttori; “promozione” puntando al rafforzamento dell’attività di promozione rendendola più incisiva, attrattiva ed efficace. In questo contesto, potrà essere prevista la menzione dell’origine nazionale accanto a quella comunitaria. Uno spazio importante sarà riservato alle azioni nell’ambito dello sviluppo rurale nella nuova programmazione. Saranno possibili sottoprogrammi oleicoli che contribuiscano alla realizzazione delle priorità strutturali oltre agli obiettivi agroambientali, unitamente ad investimenti per la trasformazione, la commercializzazione e lo sviluppo dei prodotti agricoli.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Piano olivicolo, Matera (Fi): 'Positivo, ma servono segnali su olio tunisino e xylella'
“Una programmazione a sostegno dell’Olio extravergine italiano è un buon segnale e ne prendiamo atto. Restano ovviamente da vedere, nello specifico, le misure e gli...[26/03/2016]
Prima volta in Italia: approvato il Piano Olivicolo. 32 milioni di euro per 'salto di qualità'
Approvato oggi in Conferenza Stato Regioni il primo piano olivicolo nazionale. Il Piano, previsto dall’articolo 4 del DL 51/2015, prevede misure operative che puntano all’incremento...[24/03/2016]
UE toglie data scadenza olio. Per Coldiretti 'altro regalo a multinazionali'. Trattori in strada
Togliere la data di scadenza dell’olio di oliva per favorire lo smaltimento delle vecchie scorte a danno dei consumatori è l’ultima novità in arrivo che...[24/03/2016]
Ercole Olivario 2016 premia gli Extravergini d'Italia. Lazio e Umbria sugli scudi
Sono stati proclamati a Perugia i vincitori della XXIV edizione dell’Ercole Olivario, prestigioso concorso dedicato alle eccellenze olivicole del Bel Paese, indetto dall’Unione Italiana delle...[21/03/2016]
Olio tunisino invade i nostri mercati. Via a mobilitazioni e proteste[10/03/2016]
Olio falso. Era pugliese o greco ma veniva spacciato come toscano. 47 indagati e 200 quintali sequestrati[03/03/2016]
Olio tunisino: Mongiello-Ginefra 'Solo primo risultato il ritorno al Consiglio UE'[25/02/2016]
Olio tunisino. Mongiello-Ginefra: 'Martina concorda: cambiare la decisione della Commissione Commercio internazionale'[16/02/2016]
Olivo, corsi di potatura in provincia di Siena. Al via le iscrizioni[13/02/2016]
Extravergine: contro le frodi arriva il 'super contrassegno' sulle bottiglie[13/02/2016]
Traffico di falso olio 'made in Italy'. Operazione 'Mamma Mia' blocca commercio di 2 mila tonnellate [03/02/2016]
Olio d'oliva, l'import da Grecia e Tunisia cresciuto di 5 volte rispetto al 2014[29/01/2016]
Olio d'oliva, nel 2015 +520% import Tunisia. Errore nuove agevolazioni[28/01/2016]
Olio, M5S: 'No ad accordi UE ammazza-Made in Italy[28/01/2016]
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X