Questo sito utilizza solo "cookie tecnici", propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se prosegui la navigazione senza cambiare le impostazioni del tuo browser, accetterai di ricevere i cookies dal sito. Cosa sono i cookie?. Leggi l'informativa completa sulla Privacy >>

Accetto X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Olio, in Europa una strategia comune per far crescere il settore
News in frantOLIO del [22/06/2012]

Una strategia comune per valorizzare il settore dell’olio in Europa. E’ quanto emerso dall’incontro che si è tenuto nei giorni scorsi a Bruxelles,  presieduto dal Commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, Dacian Ciolos, insieme agli altri Ministri dei Paesi produttori, nel quale è stato concordato un piano d’azione per il settore dell’olio d’oliva dell’Unione Europea.

Strategia comune - «Voglio esprimere tutta la mia soddisfazione per l’esito di quest’incontro che ha consentito di stabilire una strategia comune per tutto il comparto oleicolo dopo una crisi di mercato che dura da troppo tempo – ha detto Mario Catania, ministro delle politiche agricole alimentari e forestali - Devo soprattutto rilevare che alcune di quelle che da sempre sono battaglie portate avanti dal nostro Paese, come l’etichettatura di origine, i parametri di qualità e i rafforzamenti dei controlli, sono ora condivise e sostenute dalla Commissione. Particolare rilevanza credo che abbiano anche la possibilità di usufruire dei programmi di sviluppo rurale e degli incentivi all’aggregazione dell’offerta»

La situazione del mercato Nel corso della riunione, alla quale hanno partecipato, oltre all’Italia, il Portogallo, la Spagna, la Slovenia, la Francia, la Romania, la Grecia e Cipro, è stata esaminata la difficile situazione di mercato che in questi mesi colpisce il settore, non solo in Italia, ed è stato trovato un accordo su una strategia complessiva che consenta al comparto di fare un salto di qualità. Il piano condiviso prevede “qualità e controlli” con il rafforzamento del sistema dei controlli e delle sanzioni; “struttura della filiera” con il rafforzamento delle organizzazioni di produttori; “promozione” puntando al rafforzamento dell’attività di promozione rendendola più incisiva, attrattiva ed efficace. In questo contesto, potrà essere prevista la menzione dell’origine nazionale accanto a quella comunitaria. Uno spazio importante sarà riservato alle azioni nell’ambito dello sviluppo rurale nella nuova programmazione. Saranno possibili sottoprogrammi oleicoli che contribuiscano alla realizzazione delle priorità strutturali oltre agli obiettivi agroambientali, unitamente ad investimenti per la trasformazione, la commercializzazione e lo sviluppo dei prodotti agricoli.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Traffico di falso olio 'made in Italy'. Operazione 'Mamma Mia' blocca commercio di 2 mila tonnellate
Bloccato un traffico di falso olio Made in Italy, grazie alla vasta operazione condotta dall’Ispettorato repressione frodi (ICQRF) e coordinata dalla Procura della Repubblica di...[03/02/2016]
Olio d'oliva, l'import da Grecia e Tunisia cresciuto di 5 volte rispetto al 2014
È cresciuto nel 2015 il ruolo di Grecia e Tunisia tra Paesi fornitori di olio di oliva dell’Italia, con un quantitativo importato di cinque volte...[29/01/2016]
Olio d'oliva, nel 2015 +520% import Tunisia. Errore nuove agevolazioni
Dopo che nel 2015 in Italia sono aumentate del 520% le importazioni dell’olio di oliva della Tunisia è un errore l'accesso temporaneo supplementare sul mercato...[28/01/2016]
Olio, M5S: 'No ad accordi UE ammazza-Made in Italy
“No ad altri accordi internazionali di libero scambio 'a scatola chiusa', sanciti dall’Unione Europea con altri Stati. Il rischio è di importare prodotti agricoli che...[28/01/2016]
Olio: Stefàno (Misto), 'Da Ue nuovo intervento a gamba tesa su Made in Italy'[27/01/2016]
Olio d'oliva: l'accordo dell'Ue sul prodotto tunisino è uno schiaffo agli agricoltori italiani[26/01/2016]
Solidarietà ai giornalisti minacciati per il caso Xylella[22/01/2016]
Xylella, superare al più presto l’impasse. Dopo stop a piano Silletti ora rischio infrazione Ue[16/01/2016]
Allarme Xylella, il batterio non aspetta i tempi della giustizia [28/12/2015]
Xylella, Matera (Fi): 'Ombre inquietanti su contagio e interventi. Serve chiarezza'[21/12/2015]
Xylella, Agrinsieme: incomprensibile situazione che nega pareri di scienziati di fama mondiale [21/12/2015]
Xylella, l'Ue avverte l'Italia: 'Prenda azioni rapide ed efficaci'[21/12/2015]
Nuovo museo dell'olio della Denominazione Sierra de Moncayo-Saragozza con Pieralisi [12/12/2015]
Enrico Lupi confermato alla guida delle Città dell'Olio[10/12/2015]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress