|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Olio, in Europa una strategia comune per far crescere il settore
News in frantOLIO del [22/06/2012]

Una strategia comune per valorizzare il settore dell’olio in Europa. E’ quanto emerso dall’incontro che si è tenuto nei giorni scorsi a Bruxelles,  presieduto dal Commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, Dacian Ciolos, insieme agli altri Ministri dei Paesi produttori, nel quale è stato concordato un piano d’azione per il settore dell’olio d’oliva dell’Unione Europea.

Strategia comune - «Voglio esprimere tutta la mia soddisfazione per l’esito di quest’incontro che ha consentito di stabilire una strategia comune per tutto il comparto oleicolo dopo una crisi di mercato che dura da troppo tempo – ha detto Mario Catania, ministro delle politiche agricole alimentari e forestali - Devo soprattutto rilevare che alcune di quelle che da sempre sono battaglie portate avanti dal nostro Paese, come l’etichettatura di origine, i parametri di qualità e i rafforzamenti dei controlli, sono ora condivise e sostenute dalla Commissione. Particolare rilevanza credo che abbiano anche la possibilità di usufruire dei programmi di sviluppo rurale e degli incentivi all’aggregazione dell’offerta»

La situazione del mercato Nel corso della riunione, alla quale hanno partecipato, oltre all’Italia, il Portogallo, la Spagna, la Slovenia, la Francia, la Romania, la Grecia e Cipro, è stata esaminata la difficile situazione di mercato che in questi mesi colpisce il settore, non solo in Italia, ed è stato trovato un accordo su una strategia complessiva che consenta al comparto di fare un salto di qualità. Il piano condiviso prevede “qualità e controlli” con il rafforzamento del sistema dei controlli e delle sanzioni; “struttura della filiera” con il rafforzamento delle organizzazioni di produttori; “promozione” puntando al rafforzamento dell’attività di promozione rendendola più incisiva, attrattiva ed efficace. In questo contesto, potrà essere prevista la menzione dell’origine nazionale accanto a quella comunitaria. Uno spazio importante sarà riservato alle azioni nell’ambito dello sviluppo rurale nella nuova programmazione. Saranno possibili sottoprogrammi oleicoli che contribuiscano alla realizzazione delle priorità strutturali oltre agli obiettivi agroambientali, unitamente ad investimenti per la trasformazione, la commercializzazione e lo sviluppo dei prodotti agricoli.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Sol d'Oro: incetta di premi per l'Italia. Sicilia superstar
Un evento più unico che raro, Buccheri, un paese di poco più di 2.000 abitanti nell'entroterra della provincia di Siracusa in Sicilia, è diventato la...[20/02/2015]
Record di iscrizioni al concorso Sol d'Oro Emisfero Nord
Sol d'Oro Emisfero Nord - Boom di iscrizioni da Italia, Spagna, Grecia, Croazia, Slovenia, Portogallo e Turchia per il Sol d’Oro Emisfero Nord. I lavori...[16/02/2015]
Xylella, il comandante CFS Silletti nominato commissario task force
Il comandante del Corpo Forestale Silletti sarà a capo della task force contro la xylella fastidiosa. Si è svolta questa mattina presso la sede del...[12/02/2015]
Etichettatura: basta al consumo di oli vecchi, più trasparenza in etichetta per M5S
“La trasparenza per i consumatori è la cosa più importante, dobbiamo tutelarla e migliorare le informazioni sulle etichette degli oli venduti in Italia, per evitare...[05/02/2015]
Cinque infografiche per raccontare l'Olio Garda Dop [30/01/2015]
Olivicoltura, in campo una strategia nazionale per il rilancio[23/01/2015]
Ma l’olivicoltura italiana ha ancora un valore?[17/01/2015]
Xylella, Commissione UE risponde a interrogazione Matera (PPE): 'Possibili finanziamenti per emergenze fitosanitarie'[09/01/2015]
Olio d'oliva, dopo l'anno nero convocato tavolo con Regioni il 22 gennaio[24/12/2014]
Batteri vascolari fitopatogeni trasmessi da insetti: il caso del disseccamento rapido dell’olivo[04/12/2014]
Olio di carta, scoperto giro di fatture false per 10 mln euro [04/12/2014]
Olio, con i tappi antirabbocco più qualità e trasparenza. Ora obbligo in Europa[25/11/2014]
Più 3% gli acquisti di oli di oliva confezionati. Export al +12,5%[21/11/2014]
Olio, la scelta estrema di Podere Forte di fronte all'annus horribilis: 'Noi non lo produciamo' [19/11/2014]
 
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress