|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Il marchio Prodotti di Puglia diventa di Qualità
News in daiCAMPI del [27/06/2012]

Il Marchio d’area “Prodotti di Puglia” diventa marchio di qualità con indicazione di origine:  d’ora in poi si chiamerà “Prodotti di Qualità di Puglia”. La giunta regionale ha approvato la delibera per il riconoscimento regionale del marchio quale Sistema di Qualità Alimentare. Nuovo logo e nuovo regolamento d’uso, precedentemente approvati con la  domanda di registrazione del marchio collettivo comunitario con indicazione di origine presso l’Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno di Alicante – UAMI. Dunque, si punta a rendere immediatamente percepibile il messaggio della qualità e della indicazione d’origine dei prodotti contrassegnati.

Gli obiettivi -Valorizzare i prodotti agricoli e alimentari con un elevato standard qualitativo controllato; informare i consumatori, attraverso apposite azioni le caratteristiche qualitative dei prodotti e dei servizi contrassegnati dal marchio;  promuovere e sostenere il marketing commerciale e la vendita di tali prodotti. Il marchio può essere concesso per: i prodotti DOP e IGP;  i prodotti agricoli e alimentari che partecipano ai sistemi di qualità alimentare, per i quali sono definite schede tecniche che prevedono criteri e norme rigorose tali da garantire una qualità del prodotto superiore alle norme commerciali correnti e a quelle generali istituite dalla legislazione europea o nazionale; i servizi di ristorazione per la somministrazione dei prodotti a marchio “Prodotti di Qualità Puglia”.

Soddisfatto l’assessore alle Risorse agroalimentari Dario Stefàno: “Per uno strumento - dichiara – che ci consentirà di portare con ancora maggiore forza sui mercati nazionali ed esteri la qualità dei prodotti pugliesi. Inoltre il marchio oltre a qualificare le produzioni ci consentirà di mettere a sistema tutte le nostre produzioni agroalimentari di qualità all’interno di un paniere unico”. “Va sottolineato infatti – aggiunge l’assessore Stefàno – che con l’approvazione del “Pacchetto Qualità” da parte dell’UE sono stati accolti gli emendamenti da noi proposti sull’utilizzo dei marchi di qualità anche per le produzioni DOP/IGP e alla compatibilità degli stessi rispetto alle norme sull’etichettatura. Significa, ad esempio, che è possibile l’applicazione del Marchio “Prodotti di Qualità Puglia” anche all’olio extravergine di oliva. Un risultato che noi riteniamo strategico”.

Forza del marchio - “La forza del Marchio – precisa infine l’assessore Stefàno – tuttavia dipenderà dalle adesioni delle imprese agroalimentari. Per questo mi aspetto una grande collaborazione da tutte le Organizzazioni Professionali e alle Centrali Cooperative alla  campagna di adesione che sarà lanciata il mese prossimo e che dovrà portare entro la fine dell’anno ad una forte e rappresentativa  adesione delle imprese agroalimentari al Marchio Prodotti di Qualità Puglia”. Il riconoscimento, inoltre, ha consentito di modificare il Programma di Sviluppo Rurale della Puglia, prevedendo l’estensione degli aiuti previsti in precedenza solo per le DOP, IGP e Biologico anche ai prodotti a Marchio. I soggetti licenziatari del marchio potranno quindi, con l’approvazione da parte della Commissione Europea, partecipare ai benefici previsti dalla Misura 132 relativa ai costi di certificazione e la Misura 133 per le attività di informazione e promozione.

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Tartufo, Città di Castello (Pg) si candida a capitale
Per il tartufo della Valtiberina si profila un’annata da ricordare. A dirlo è Mauro Severini, presidente della Comunità Montana Alta Umbria. «Il clima caldo umido...[19/09/2014]
Sicurezza alimentare: Martina alla Fao chiede più corraggio all'Europa
"È necessario dare risposte alle sollecitazioni della Fao per arrivare a dimezzare la povertà alimentare entro il 2015. Non è un semplice obiettivo, ma un...[19/09/2014]
Educazione alimentare: un Giornata per sensibilizzare i consumatori e promuovere i consumi di ortofrutta
Dedicare una Giornata nazionale all’educazione alimentare è molto utile, sia per sensibilizzare le famiglie sull’importanza di una dieta corretta ed equilibrata, sia per promuovere i...[19/09/2014]
Mele in Alto Adige, un modello di agricoltura innovativa
L’attività di produzione di mele in Alto Adige risale al periodo successivo alla seconda guerra mondiale e, nel corso dei decenni, è stata caratterizzata da...[18/09/2014]
Effetto Candonga. In arrivo il Consorzio e marchio di tutela[18/09/2014]
Toscana, Salvadori all'apertura di Expo Rurale: 'Agricoltura nuovo motore di crescita sostenibile'[18/09/2014]
Al via Expo Rurale. Il presidente Rossi: 'Se difendiamo il paesaggio, difendiamo l'agricoltura' [18/09/2014]
Rapporto Istat: Italia leader per prodotti agroalimentari di qualità e controlli[18/09/2014]
Contraffazioni, sequestri per 32 mln di euro e 60mila controlli fino ad agosto 2014[18/09/2014]
Ogm, Guidi: 'Chiudere sul biotech significa bloccare sviluppo e innovazione. E Bruxelles non decide'[14/09/2014]
Gargano, 90 milioni di anticipo PAC per le imprese[14/09/2014]
Embargo russo: 'Bruxelles ripensi le misure di emergenza per l'ortofrutta'[13/09/2014]
Frutta, la crisi si ripercuote anche sulle produzioni autunnali [13/09/2014]
Patate Selenella, ottima qualità nonostante le piogge[13/09/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress