|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
Imprese toscane investono 4,5 milioni di euro per la filiera corta
News in daiCAMPI del [29/06/2012]

Un investimento da 4, 5 milioni di euro da parte delle imprese agricole toscane costituite nella Rete Qualità Toscana. E’ questa la cifra di investimenti per la filiera corta nel progetto presentato da RTQ alla regione Toscana. La nuova rete di imprese RQT – Rete Qualità Toscana, novità assoluta nel panorama agricolo, lancia la sua prima proposta progettuale, a meno di un mese dalla sua costituzione, che ha visto aggregarsi un primo nucleo di 33 imprese agricole singole (numero destinato a crescere) e cooperative di tutta la regione.

Numeri - Sono numeri importanti quelli della Rete Qualità Toscana e contenuti nella proposta presentata alla Regione Toscana nell’ambito del bando dei progetti di filiera: 4,5 milioni di euro di investimenti; 17 nuovi punti di vendita diretta in tutto il territorio toscano; 22 investitori (di cui 40% giovani e 50% donne); oltre 200 imprese firmatarie dell’accordo di filiera; 12 cooperative agricole come base di una nuova rete logistica al servizio della filiera corta; 40 strutture di ristorazione (ristoranti e agriturismi) che si riforniranno di materia prima attraverso la rete.

Il commento di Pascucci, presidente Cia Toscana - Il presidente della Cia Toscana Giordano Pascucci sottolinea il valore del progetto, sia per i contenuti che rappresentano una grande opportunità per lo sviluppo della filiera corta, sia per il carattere fortemente innovativo dell’aggregazione di imprese che si è costituita. «La Rete Qualità Toscana – commenta Pascucci - si propone innanzitutto come una rete aperta; l’elemento che accomuna le imprese partecipanti è esclusivamente l’obiettivo di valorizzare le produzioni agricole ed agro-alimentari della Toscana, potenziando la filiera corta e le relazioni tra i soggetti economici operanti nei diversi segmenti della filiera. Per sua natura è uno strumento partecipato e paritetico, nella quale ogni impresa mette la sua individualità al servizio di un obiettivo comune ma senza perdere il proprio ruolo imprenditoriale; inoltre la rete non può svolgere, per Legge, attività imprenditoriale in proprio, ma solo mettere in sinergia le attività economiche delle imprese partecipanti». Oltre alla Cia Toscana hanno sottoscritto il loro sostegno al progetto anche Legacoop-Agroalimentare, Fedagri-Confcooperative e Federconsumatori Toscana.

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

PAN prodotti fitosanitari: sinergia agricoltura e ricerca per sostenibilità, ambientale ed economica
C'è bisogno oggi di un collegamento sempre più stretto tra gli agricoltori e la ricerca scientifica, finalizzato a una maggiore sostenibilità -ambientale ma anche economica-...[17/04/2015]
Xylella in Francia. Agricoltura italiana unanime: «Soluzioni condivise per l'emergenza»
Il batterio della Xylella fastidiosa ha fatto la sua apparizione anche in Francia. Nella serata di ieri, le autorita' di controllo sanitario hanno individuato il...[17/04/2015]
Eccellenze della Liguria in festa. A Sanremo è tempo di Agriexpo
La Liguria dell'agroalimentare che guarda al Mondo e, in particolare, a Milano Expo 2015, si presenta lunedì 19, a Sanremo con un “Symposio internazionale" scientifico...[17/04/2015]
Birra, filiera 100% sostenibile. Firmato accordo tra Peroni e Confagricoltura
Firmato l’accordo di partnership, presso la sede nazionale di Confagricoltura, tra Mario Guidi, Presidente di Confagricoltura , e Federico Sannella, Direttore Relazioni Esterne Birra Peroni,...[13/04/2015]
Georgofili, inaugurato il 262esimo anno accademico[13/04/2015]
Mercati agroalimentari, ecco chi sale e chi scende nell'overview di Ismea [13/04/2015]
Cambiamenti climatici, Maracchi: 'Solo con l’agricoltura è possibile un reale cambiamento di rotta' [13/04/2015]
Semplificazione: meno 3,2 mln di euro di burocrazia con Campolibero [13/04/2015]
Ortofrutta motore dell'Italia. 491 mila aziende e una produzione da 12,8 miliardi. Ma i problemi non mancano [12/04/2015]
Etichettatura, 9 italiani su 10 vogliono origini chiara e leggibile[12/04/2015]
Imu, ai Comuni il compito di fare le veci del Governo [12/04/2015]
Futuro Agea, M5S: 'Più chiarezza dopo nostra interpellanza'[12/04/2015]
I giovani imprenditori agroalimentari si misurano col tema dell'Impronta ambientale degli alimenti[12/04/2015]
Flagello nutrie nel reggiano. Ma in quanto a danni la burocrazia non è da meno [11/04/2015]
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress