Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
Una Forma di Solidarietà chiude con 13.036 kg venduti. Grazie a tutti
News in ALLEVAmenti del [29/06/2012]

13.036 chilogrammi, o se preferite, oltre 13 tonnellate. Comunque si legga è una cifra strabiliante la quantità di Parmigiano Reggiano proveniente dai caseifici ed allevamenti dell’Emilia duramente colpiti dal terremoto, che è stata acquistata dai cittadini toscani e non solo, grazie all’iniziativa di Agricultura.itCia Toscana UNA FORMA DI SOLIDARIETA', realizzata in collaborazione con il Consorzio del Parmigiano Reggiano e la Cia Emilia Romagna.

Soddifazione - «Obiettivo raggiunto oltre ogni più ottimistica aspettativa – commenta Giordano Pascucci, presidente della Cia Toscana -; abbiamo superato le 13 tonnellate di prenotazioni di Parmigiano Reggiano in solo due settimane, aiutando in modo concreto i caseifici e gli allevatori emiliani pesantemente colpiti dal sisma. Anche in questa occasione è emerso il grande cuore e la grande solidarietà dei toscani: grazie a tutti coloro che hanno partecipato ad Una forma di solidarietà, grazie alle sedi provinciali toscane della Cia che si sono mobilitate in tutto il territorio regionale».  Dalla prossima settimana verrà consegnato l’intero quantitativo di Parmigiano Reggiano: per conoscere i giorni di consegna basta contattare le sedi Cia provinciale dove è stato fatto l’ordine.

Aiuto concreto - Acquistando il Parmigiano Reggiano prodotto e stagionato nelle zone del terremoto sono state aiutati gli allevatori e le loro strutture di trasformazione a liberare i magazzini per poter iniziare la stagionatura del nuovo prodotto. Il Parmigiano Reggiano di “Una Forma di Solidarietà” è stato infatti prodotto dalle cooperative  casearie emiliane, molte delle quali hanno subito ingenti danni alle strutture di trasformazione ed ai magazzini. In molti casi, la nuova produzione di latte non può essere trasformata nelle strutture danneggiate, e quindi viene dirottata e successivamente lavorata in altri caseifici.
«A questo punto della stagione – concludono Cia Toscana e Agricultura.it -, la nuova produzione doveva essere immagazzinata per la stagionatura, ed era necessario liberare i magazzini del prodotto già stagionato. L’iniziativa “Una Forma di Solidarietà” è stata importante proprio in questa fase: liberare i magazzini del prodotto già pronto ad essere immesso al consumo, consentendo la lavorazione e la stagionatura della nuova produzione. Grazie anche a questo impegno il sistema economico e produttivo delle zone colpite dal sisma può avviarsi verso la normalità».

Solidarietà toscana - Tra le numerose sottoscrizioni pervenute, si segnalano quella del Cral dei dipendenti della Mukky, dei Vigili del fuoco di Firenze, del PD di Sesto Fiorentino e di un gruppo di italiani residenti in Belgio, i quali si sono fatti carico anche delle spese di trasporto dall’Italia al Belgio. Numerose anche le richieste di operatori commerciali esteri (Stati Uniti, Danimarca, etc.). In questi casi si è declinata l’offerta, invitando gli stessi operatori esteri a rivolgersi direttamente al Consorzio del Parmigiano Reggiano.

Prenotazioni ingenti anche dei lavoratori Ippodromo di Firenze, dipendenti  Assessorato ambiente ed energia della Regione Toscana; Anci Toscana; dipendenti Artea; dipendenti dipartimento competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze della Regione Toscana; dipendenti del Centro servizi amministrativi di Firenze del Ministero della Pubblica istruzione; dipendenti Dipartimento sviluppo economico  della Regione Toscana; dipendenti Orizzonti Srl; dipendenti Smile Toscana; dipendenti Dipartimento Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari ufficio di Firenze del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.E poi il Comune di Siena, l'Enoteca Italiana, i dipendenti della Polizia giudiziaria Procura di Firenze, i dipendenti funzione pubblica Cgil Firenze, i dipendenti Spi Cgil regionale Toscana, i dipendenti Ag. 1 MPS, dipendenti Questura di Firenze.

GRAZIE DI CUORE A TUTTI DALLA REDAZIONE DI AGRICULTURA.IT

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Sos miele. Scaffali vuoti, crolla Made in Italy: -70%
I cambiamenti climatici, la siccità in aree vocate all'apicoltura come la Sicilia, e l'avvelenamento da pesticidi. Sono questi i nemici delle api che hanno fatto...[09/09/2016]
Latte, c'è spazio per un aumento immediato del prezzo
In Francia è stato raggiunto un accordo sul prezzo del latte tra il gruppo Lactalis e le organizzazioni dei produttori, dopo una settimana di una...[09/09/2016]
Ecco la “caciotta solidale” con il latte dalle zone del terremoto
Arriva la 'caciotta solidale' a sostegno degli allevamenti nelle zone terremotate, un prodotto reso possibile «da una mobilitazione straordinaria nell'area, per garantire ogni giorno la...[09/09/2016]
Consumi bio. +21%, è record negli acquisti
Aumentano del 21 per cento gli acquisti di prodotti biologici in Italia nel 2016 per un valore al consumo stimato in circa 2,5 miliardi di...[09/09/2016]
Pomodoro Nord Italia, trasformate 1.124mila tonnellate di prodotto[06/09/2016]
Via alla raccolta della Melinda, prevista ottima qualità [25/08/2016]
Cowboy si diventa. Giovani allevatori visitano le stalle di Usa e Australia[18/08/2016]
L'Asiago Dop guarda ad Est. Promozione da 3 milioni di euro[17/08/2016]
Mercato stabile per la CUN Tagli di Carne Suina Fresca[17/08/2016]
Mercato stabile per la CUN suinetti[08/07/2016]
Pesca, via libera Commissione Ue a riduzione taglia minima vongole[01/07/2016]
Approvati i programmi apistici 2017-19: 18 mln all'Italia[01/07/2016]
Viticoltura eroica: strategia comune per i vigneti più belli e ‘difficili’ d’Europa[01/07/2016]
Formaggi italiani, Brexit non fa paura. L'export vale 230 mln di euro [01/07/2016]
 
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X