Questo sito utilizza solo "cookie tecnici", propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se prosegui la navigazione senza cambiare le impostazioni del tuo browser, accetterai di ricevere i cookies dal sito. Cosa sono i cookie?. Leggi l'informativa completa sulla Privacy >>

Accetto X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Radicchio marocchino spacciato per veneto. La Regione chiede controlli severi
News in daiCAMPI del [29/06/2012]

Non più tardi dell’altro ieri, a seguito della scoperta nel senese di una gran quantità di olio d’oliva ottenuta da illecita miscelazione, aveva chiesto al Parlamento la convocazione di una Commissione delle Politiche Agricole al fine di accelerare l’adozione di misure di contrasto alle frodi alimentari. Oggi, Franco Manzato, assessore veneto all’agricoltura e alla tutela dei consumatori, alla luce della “vergognosa vicenda”, così l’ha definita, del radicchio marocchino spacciato per quello chioggiotto, ribadisce con forza la necessità che lo Stato e il Governo creino le condizioni per porre fine al costante ripetersi di episodi “che minano pesantemente la già provata economia agricola di questo Paese”.
Partecipando alla conferenza stampa promossa dalla Coldiretti svoltasi stamane a Mestre, Manzato si è chiaramente schierato con gli imprenditori chioggiotti, dicendosi disposto a sostenere la loro protesta sino ai livelli più alti, “per difendere una delle nostre eccellenze da una insopportabile e subdola concorrenza”.

Critiche al Governo - “Purtroppo i segnali che vengono dal Governo centrale sono poco incoraggianti – ha detto l’assessore regionale – e la vicenda relativa alla disciplina della produzione del succo d’arancia, miseramente abortita, è la cartina di tornasole dell’inadeguatezza e dell’incapacità dell’esecutivo di far fronte a un fenomeno, quello della contraffazione, che si manifesta giorno dopo giorno sempre più come un’emergenza”. Non sono più rinviabili quei provvedimenti che debbono garantire la completa rintracciabilità di prodotti di qualità come il radicchio di Chioggia – ha aggiunto Manzato –, sia per preservare una coltivazione tradizionale di grande pregio, sia per tutelare le aziende locali che, anche senza questa azione truffaldina, debbono far fronte a un mercato sempre più ostico e meno remunerativo, sia per salvaguardare i consumatori dall’ennesimo imbroglio perpetrato ai loro danni”. “L’attuale sistema presenta troppe falle – ha concluso Manzato – e se non vogliamo che la barca affondi, chi ha il potere e la competenza deve intervenire senza ulteriori tentennamenti e rinvii. Noi abbiamo suggerimenti da dare su come muoversi: aspettiamo solo che ci consultino e che convochino gli organismi decisionali, cosa che oggi chiedo una volta di più”.   

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Embargo Russia sui prodotti agroalimentari: nel 2015 è costato all'Italia 244 mln di euro
Le conseguenze del divieto di importazione  di molti prodotti agroalimentari provenienti da UE, Usa, Canada, Norvegia ed Australia, istituito dal governo della Federazione Russa, con...[05/02/2016]
Spreco alimentare, dalla Francia esempio di civiltà
Sprecare il cibo è reato, ed è giusto così. Ancora una volta – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – è...[05/02/2016]
Ungulati, approvata la Legge obiettivo per il contenimento. Tutti gli interventi in Consiglio regionale
Durerà tre anni la legge per una gestione speciale degli ungulati in Toscana. Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza, con il voto contrario di...[03/02/2016]
Ungulati, in Toscana il contenimento è Legge. Cia: 'Ora attuare strumenti e risorse'
E’ realtà la Legge obiettivo per il contenimento degli ungulati, approvata quest’oggi dal Consiglio Regionale (LEGGI TUTTI GLI INTERVENTI DELLA DISCUSSIONE IN AULA). Dopo tre...[03/02/2016]
Droni nei campi per combattere xylella e punteruolo rosso[01/02/2016]
Emergenza idrica, dopo la Lombardia è a secco anche l'Emilia Romagna[01/02/2016]
Confeuro, i sindacati agricoli tradizionali chiedano scusa[01/02/2016]
Progetto LIFE presentato a Policoro (Mt): uso razionale dell'acqua e certificazione per le produzioni[01/02/2016]
Traguardo raggiunto per il Pane Toscano: approvata la Dop. Favorirà l'incremento di 3mila posti di lavoro[29/01/2016]
Pomodoro da industria: problematiche e prospettive secondo BioAksxter[29/01/2016]
Nuova rotta per olio d'oliva e agrumi. Italia e Cina siglano accordi[28/01/2016]
Cooperazione Agricola: fatturato (36,1mld euro) cresciuto quasi il doppio rispetto a industria agroalimentare [28/01/2016]
Caporalato, per batterlo arrivano arance legalità[28/01/2016]
Bruxelles, Pofferi (Alleanza Cooperative Agroalimentari) confermato alla presidenza Comitato coop. Cogeca[27/01/2016]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress