Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Insetto dal Sudamerica mette a rischio il pomodoro fiorentino
News in daiCAMPI del [05/07/2012]

E’ piccola e distruttiva, è arrivata in Toscana dal Sudamerica qualche anno fa, ed è un vero e proprio pericolo per il pomodoro. L'allarme arriva dalla Cooperativa agricola di Legnaia (Firenze). Si chiama Tuta Absoluta, conosciuta anche come Tignola del pomodoro, un micro lepidottero, le cui larve prediligono le piante come pomodoro, patata, melanzana e peperone. Sono pericolose perché scavano piccole gallerie che devastano foglie, steli e frutti e portare all’essiccamento della pianta. Nei giorni scorsi sono stati rinvenuti gli insetti nocivi in colture protette, nelle zone di Ugnano, Mantignano e Lastra a Signa. “Quindi – ha ricordato Tofani – è importante tenere alta la guardia per le piante di pomodoro coltivate in pieno campo”.  “L’attacco alle piante provoca danni ingenti, portando alla riduzione della produzione dal 70 al 100 %, e non è facile da combattere, per la sua capacità di adattarsi e di sviluppare resistenza agli insetticidi. Basta poco per capire l’impatto che potrebbe avere sulla nostra agricoltura e in particolare su produzioni di nicchia come il pomodoro fiorentino”.“Per combattere l’insetto occorre programmare gli interventi durante l’anno e, soprattutto, fare molta attenzione alle piantine di pomodoro, in un momento in cui ci si prepara al loro trapianto. E’ importante usare prodotti a basso impatto ambientale per difendere gli insetti “utili”, anche se il problema è che la Tuta Absoluta ha dimostrato di sviluppare una rapida resistenza agli insetticidi. In ogni caso si deve procedere all’eradicazione e all’eliminazione dei residui di coltura che sono risultati infestati, segnalando immediatamente la presenza del lepidottero alle istituzioni competenti”. 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Banca MPS e Confagricoltura: partnership per lo sviluppo e la crescita delle imprese agricole
Banca Monte dei Paschi di Siena e Confagricoltura hanno siglato un accordo nazionale di collaborazione con l’obiettivo di supportare le esigenze creditizie e finanziarie delle...[22/06/2016]
Fauna selvatica: abbattimenti selettivi, controlli veterinari e carne agli indigenti
Non c'è tempo da perdere. La fauna selvatica è fuori controllo, minaccia i campi coltivati, gli allevamenti ma anche la sicurezza dei cittadini. Il conto...[21/06/2016]
CDM approvato Decreto con interventi per l'agricoltura
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che il Consiglio dei Ministri ha approvato ieri nuovi interventi a favore del settore agricolo....[21/06/2016]
Biologico in crescita sui mercati interni ed esteri. Ma le regioni devono crederci
“Le aziende bio associate a Confagricoltura sono il 15% del totale e coltivano più di un quarto degli ettari dedicati a biologico in Italia, ovvero...[21/06/2016]
Domanda unica e del Psr: per Confeuro 'Agea ha fallito ancora'[21/06/2016]
Produzione integrata: l'Emilia Romagna corre ai ripari e stanzia altri 15 milioni di euro [21/06/2016]
Stihl e Assoverde la partnership di rinnova[21/06/2016]
Ricerca in agricoltura, siglato protocollo Crea-Accademia dei Georgofili[14/06/2016]
Agea, pagati 1,4 mld euro di aiuti diretti alle aziende richiedenti[10/06/2016]
Voucher nel mirino: 'Strumento importante per il lavoro accessorio e contro il lavoro nero'[08/06/2016]
Riso, prezzi all’ingrosso in calo rispetto allo scorso anno[08/06/2016]
In crescita PIL, occupazione e salari. Ma i prezzi all'origine continuano a diminuire[08/06/2016]
Asparagi con Marchio di Qualità Alto Adige: buon raccolto grazie all’inverno mite[08/06/2016]
Mela Val Venosta, decumulo regolare e rosse soddisfacenti[08/06/2016]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X