|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Erga omnes, il Consorzio del Vino Nobile fa il punto
News in diVINO del [13/07/2012]

Tutela, vigilanza e promozione dell’intera denominazione. Sono le funzioni che il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali attribuisce ai consorzi di tutela con il cosiddetto “erga omnes”, il decreto legislativo che dal 2010 interpreta il volere della nuova OCM del vino. Il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano è stato il secondo in Italia, dopo quello del Chianti Classico, a ricevere la delega ministeriale. A circa un anno dall’incarico, l’associazione dei produttori di Montepulciano traccia un bilancio, valutando i pro e i contro di questa esperienza che rappresenta una vera e propria rivoluzione in quanto obbliga tutti i produttori di Vino Nobile Docg, anche i non associati, a contribuire alle attività di tutela, controllo e promozione della denominazione. 
 
Consorzio - «In realtà il nostro Consorzio da sempre lavora nell’interesse di tutti i produttori, anche se non associati – spiega Paolo Solini, Coordinatore del Consorzio – per esempio tutelando il marchio in tutto il mondo; a ciò si aggiungano le ormai innumerevoli azioni di promozione realizzate in Italia e all’estero con un messaggio univoco che mette in primo piano il territorio ed il suo vino. Una scelta che si è rivelata strategica – osserva Solini – come dimostra il costante sostegno ottenuto dal Comune di Montepulciano e la più recente elaborazione e realizzazione di progetti comuni che promuovono un vero e proprio ”modello” che è anche uno stile di vita ed il simbolo di un senso civico profondamente radicato».
 
Cosa cambia - Anche prima dell’erga omnes tali attività erano comunque già svolte dal Consorzio senza distinzioni, a prescindere dall’appartenenza o meno dei produttori all’associazione. «In questi anni – prosegue Solini – abbiamo svolto le attività di tutela, di difesa legale della denominazione, pensando all'intera filiera produttiva della Docg, di tutti coloro che producono le uve, trasformano in vino, imbottigliano». Cosa cambia quindi dopo l’attribuzione delle nuove competenze? «In sostanza poco – puntualizza il Coordinatore del Consorzio – almeno a livello formale perché ci siamo limitati a inserire nello statuto consortile le garanzie previste dal decreto legislativo in materia, per il resto il nostro consorzio rimane aperto a tutti, chiunque può partecipare alla vita associativa ed alle attività di valorizzazione e promozione».
 
Allora che differenza partecipativa c’è tra gli associati e i non associati? - «E’ questo un aspetto delicato che mi preme sottolineare  – rimarca Solini – in quanto il decreto ci obbliga a porre particolare attenzione, nel nostro bilancio, per individuare le poche attività ad esclusivo uso dei soli associati rispetto a quelle in favore della denominazione e quindi di tutte le aziende, gli introiti derivanti da dette attività specifiche dovranno essere rendicontati separatamente in bilancio». «Ma la realtà è che, con il decreto, il Ministero, pur lasciando alla facoltà dell’imprenditore  l’adesione ai Consorzi, ha in sostanza posto le basi per una partecipazione generalizzata ai Consorzi, almeno a quelli che riescono a valorizzare la denominazione. Con questo meccanismo – conclude il coordinatore – chi non si  associa si troverebbe nella condizione di dover comunque sostenere l’attività di valorizzazione e promozione senza deciderne le strategie che vengono definite solo all’interno dei Consorzi». Questo concetto è stato rafforzato nel recente “Decreto Sviluppo 2012” che prevede l’obbligo per le aziende che producono una determinata denominazione di sostenere l’attività del Consorzio di tutela riconosciuto, prevedendo - in caso contrario -  addirittura la sospensione del diritto di utilizzare la denominazione.
 
Numeri - Il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, tra i primi nati in Italia, conta oggi 72 imbottigliatori  associati e solo circa il 5% degli imbottigliatori a Montepulciano non è associato. Annualmente vengono prodotti circa 8 milioni di bottiglie di Nobile che per il 61% finiscono all’estero. La “piazza” di riferimento rimane la Germania che assorbe il 45% del Nobile (e del Rosso di Montepulciano DOC), mentre gli Stati Uniti si consolidano raggiungendo al secondo posto delle esportazioni la Svizzera, storico partner di queste denominazioni; la quota, per entrambi, è del 15% con un trend molto favorevole per il grande paese nordamericano. Gli altri paesi dell’Europa Unita, assorbono, nel complesso, il 9% dell’export mentre sono significativi i flussi anche verso il Regno Unito (4%) e la Russia (3%).

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

In Italia crescita del consumo dei Rosati superiore al 13%. La Puglia vale il 40%
Negli ultimi anni il consumo di vino Rosato in Italia ha registrato una crescita superiore al 13%. L’incremento emerge dall'analisi dei dati sul consumo mondiale...[24/04/2014]
Prosecco, monitoraggio per ridurre i trattamenti
Non più solo la messa al bando dei prodotti fitosanitari di classe molto tossico, tossico e quelli nocivi a maggiore tossicità, compresi quelli a base...[18/04/2014]
Il Gallo Nero apre casa. A Firenze
Canta a Firenze da secoli, già da quando il Vasari lo dipinse sul soffitto del Salone dei 500 nel XVI secolo. Da allora il Gallo...[16/04/2014]
Vinitaly in archivio. Edizione positiva nei commenti di aziende e buyer
Vinitaly 2014 proficuo per espositori e buyer esteri, soddisfatti della qualità della manifestazione e degli incontri business. A Vinitaly Buyer’s Lounge, la nuova area dedicata...[10/04/2014]
Vino Libero avvia collaborazione con Nomacorc[10/04/2014]
Al ministro Martina il passaporto dell'enonauta n.1 del Movimento Turismo Vino[07/04/2014]
Vino, su OCM esaurite risorse nazionali fino al 2016[07/04/2014]
Identikit Prosecco, il 90% lo consuma abitualmente[07/04/2014]
Il Verdicchio presenta il wine kit che smaschera il falso vino[07/04/2014]
Export, il Veneto allunga le distanze (1,6mld euro) grazie al Prosecco[06/04/2014]
Nella prima giornata di Vinitaly premiati i benemeriti dell'enologia italiana[06/04/2014]
'Meno burocrazia per esportare di più' la ricetta di Zaia al Vinitaly[06/04/2014]
Mani donate alla viticoltura per i produttori veneti[06/04/2014]
Enoturista e consumatore abituale, ecco chi sono secondo l'identikit della Lombardia[06/04/2014]
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress