Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Pac dia risposte certe. Serve impegno per il sistema Paese
News in daiCAMPI del [14/07/2012]

“Le modifiche del Parlamento europeo e il ritrovato ‘gioco di squadra’ in Italia sulla riforma della Pac possono far rivedere in modo positivo la posizione della Commissione Ue. In ogni modo permangono scelte che, se non modificate, possono avere conseguenze negative per la nostra agricoltura”. E’ quanto sottolineato dal presiedente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi nell’incontro che ha avuto a Bruxelles con l'ambasciatore italiano presso l’Ue Ferdinando Nelli Feroci. Incontro che si è svolto a latere della Conferenza sulla Politica agricola comune verso il 2020, promossa dal commissario all’Agricoltura Dacian Ciolos e alla quale l’Organizzazione ha partecipato con una propria delegazione.Nel corso dell’incontro, cordiale e molto costruttivo, con l’ambasciatore italiano, il presidente della Cia ha esposto la posizione della Confederazione in merito alla riforma della Pac post 2013 che -ha detto- “deve rispondere in maniera efficace alle necessità vere degli agricoltori”. “Non possiamo accettare -ha aggiunto- politiche che vanno a penalizzare le aziende che hanno bisogno di risorse adeguate e di un quadro normativo certo in grado di favorire competitività e sviluppo”. L’ambasciatore Nelli Feroci ha avuto parole di apprezzamento per l’azione svolta dalla Cia e ha riaffermato l’impegno del governo a tutela delle risorse agricole nel bilancio Ue e un’azione incisiva nel confronto sulla Pac che si presenta alquanto difficile.

Posizione Cia - Politi ha, comunque, ribadito la posizione della Confederazione nel corso della Conferenza Ue di Bruxelles. “Abbiamo rinnovato le nostre critiche alla proposta dell’Esecutivo comunitario, sottolineando, in particolare, l’esigenza di più equilibrio nella distribuzione delle risorse fra gli Stati membri, di un’adeguata difesa dei redditi, della centralità dell’impresa e di un effettivo ricambio generazionale”. “Abbiamo da sempre sostenuto che la Pac 2014-2020 deve avere -ha detto il presidente della Cia- precise priorità: efficienza del mercato, rafforzamento delle organizzazioni di produttori, diffusione dell’economia contrattuale, misure per favorire il ricambio generazionale, sostegno degli strumenti (assicurazioni e fondi di mutualità) per contenere gli effetti della volatilità dei prezzi e delle crisi di mercato”.

Proposte - Politi ha, dunque, sintetizzato in cinque punti le proposte della Cia sulla riforma della Pac: confermare il livello delle risorse finanziarie dedicate e ridistribuzione tra i diversi Paesi Ue; riservare i pagamenti del primo pilastro privilegiando gli agricoltori professionali; sul “greening” è necessario considerare le produzioni arboree e il pagamento aggiuntivo rispetto a quello di base e modificare i criteri di calcolo della percentuale di superficie a “riposo”; favorire attraverso incentivi l’aggregazione del prodotto, la costituzione di organismi interprofessionali e le intese di filiera; prevedere, con adeguate risorse finanziarie da allocare nel primo pilastro, la creazione di strumenti finalizzati ad alleggerire i contraccolpi negativi delle crisi cicliche di mercato con interventi mutualistici e assicurativi privati e su base volontaria.

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Ue conferma proroga presentazione domande Pac e Psr 2016
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che la Commissione europea ha confermato oggi la proroga del termine di presentazione delle domande...[30/04/2016]
Allarme grano tenero: dalla farina al pane il prezzo aumenta di 15 volte
Un abisso da colmare, per non far scomparire la produzione di grano tenero in provincia di Siena. L’allarme arriva dalla Cia di Siena, impegnata quotidianamente...[29/04/2016]
Malattia agrumi, «Bruxelles non può abbassare la guardia»
«Non si può abbassare la guardia in campo fitosanitario e bisogna porre un argine alla diffusione, nell’Unione europea, della malattia degli agrumi conosciuta come CBS...[20/04/2016]
Broccoli dalla Cina e fragole egiziane: ecco la black list dei cibi più contaminati
Con la quasi totalità (92%) dei campioni risultati irregolari per la presenza di residui chimici sono i broccoli provenienti dalla Cina il prodotto alimentare meno...[20/04/2016]
Semplificazione e giovani, così può ripartire l’agricoltura [19/04/2016]
Sviluppo globale del fungicida Revysol, nuova tappa per Basf[19/04/2016]
Confeuro sul Governo: 'Solo favori alle lobby'[19/04/2016]
Cambio di passo per l'agricoltura toscana. Cia: 'Velocizzare gli interventi'[18/04/2016]
Semola contaminata. Mongiello (Pd): 'Allarmanti gli esiti delle indagini del CFS in Puglia' [18/04/2016]
Turismo: cibo al top acquisti per 2 stranieri su 3 [18/04/2016]
Prezzi: la deflazione si moltiplica sui campi, sempre più agricoltori producono in perdita [16/04/2016]
Conferenza Stato-Regioni approva Decreto fondi di mutualizzazione[15/04/2016]
Enovitis in Campo in Puglia[14/04/2016]
Dalle Dolomiti alla Puglia, la Fragola Candonga conquista i mercati italiani[14/04/2016]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X