|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Allarme siccità. I campi della Toscana muoiono di sete
News in daiCAMPI del [20/07/2012]

E’ allarme siccità nei campi della Toscana. Non piove da ormai quattro mesi, ed il caldo torrido dell’ultimo mese e mezzo sta mettendo in crisi le colture estive. Era prevedibile – sottolinea la Cia Toscana - ed è arrivata la grande sete per l’agricoltura regionale. Un mix terrificante per i nostri campi, fra l’assenza di piogge e le temperature elevate. Danni enormi che non risparmiano nessun settore: dall’ortofrutta all’olivicoltura, dalla vite al mais, alle foraggere. Particolarmente preoccupante è la situazione dell’intera zootecnia, negli allevamenti si registrano forti cali di produzione ed aumento dei costi per assicurare la qualità del latte e della carne. Il pomodoro da industria sembra già la produzione più danneggiata: si calcola – spiega la Cia Toscana -  già una perdita di produzione dal 20 al 30% e anche per la qualità ci sono forti preoccupazioni. 

Emergenza - «Siamo di nuovo all’emergenza – commenta Giordano Pascucci, presidente Cia Toscana - ed era prevedibile che accadesse, ormai i cambiamenti climatici producono dei fenomeni che alcuni anni fa erano considerati eccezionali. Quindi serve una strategia sia per le emergenze che sempre più spesso si ripetono, che nella prospettiva di medio e lungo termine per questo sollecitiamo alla Regione Toscana la definizione di un progetto pluriennale che affronti definitivamente questa “nuova” problematica, che si superi definitivamente il ricorso allo stato di emergenza (già quest’anno è il  terzo), affinché si possa assicurare a tutti i produttori agricoli, in ogni ambito territoriale della regione, la disponibilità di acqua necessaria per gli allevamenti e per le diverse coltivazioni. L’acqua, conclude Pascucci, è per l’agricoltura una risorsa indispensabile per assicurare non solo quantità ma soprattutto la qualità delle produzioni, due elementi essenziali per rispettare gli impegni assunti con gli altri operatori delle filiere».

Contromisure - Adesso però occorre affrontare i problemi contingenti; all’agricoltura bisogna assicurare le risorse idriche disponibili secondo i criteri della legge che la definisce prioritaria subito dopo il consumo delle persone. Quindi, verificare e garantire il funzionamento di tutte le modalità di erogazione delle risorse idriche, dai sistemi di captazione e distribuzione gestiti dai consorzi di bonifica, alle altre forme di approvvigionamento, per portare a termine le coltivazioni in atto con il minor danno possibile ai produttori. Affrontare l’emergenza guardando alle soluzioni strutturali - auspica la Cia Toscana. La raccolta delle acque di superficie, da destinare ad utilizzo plurimo e nel contempo salvaguardare le acque di falda, strada peraltro individuata dalla Regione Toscana, che ha allocato specifiche risorse a sostegno di questo percorso. Interventi che aumentino la capacità di raccolta  e distribuzione dell’acqua, attraverso il completamento e la realizzazione di invasi collinari e pedecollinari, anche di piccoli dimensioni e comunque di grandezza compatibile con la sostenibilità del territorio. Servono risorse per sostenere le aziende agricole per l’innovazione tecnologica e l’introduzione di nuovi sistemi d’irrigazione sostenibile.

Da fare - Mentre in tema di riuso della risorsa idrica – conclude la Cia Toscana - occorre incentivare i sistemi di riutilizzo delle acque depurate a scopi non potabili per alleggerire il peso sulle altri fonti di approvvigionamento, mentre occorre che sul piano più generale delle infrastrutture, si completino le opere già programmate, come la diga del Montedoglio, e gli interventi per ridurre le perdite del sistema degli acquedotti che continuano ad esser troppo alte. Il governo della risorsa idrica sarà decisivo per i prossimi anni sia per l’agricoltura che per l’intera società. Il governo, la Regione Toscana e le istituzioni se ne devono occupare con maggiore continuità ed efficacia, bisogna superare gli stati di emergenza. Per le aziende agricole è in gioco il futuro produttivo e i redditi degli agricoltori, per la società è in discussione la sicurezza alimentate e del territorio. 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

'No a questo Pit', per i Consorzi toscani l’agricoltura torna indietro
Tutti i principali Consorzi vitivinicoli toscani hanno presentato delle comuni Osservazioni al Piano Paesaggistico adottato dal Consiglio Regionale lo scorso 2 luglio. Nella lunga storia...[30/09/2014]
Cibo biologico e alta ristorazione, focus di Podere Forte il 29 settembre
Quanto gli stili di vita e l'alimentazione si influenzino a vicenda, quale rapporto c'e' tra vino biologico e vino convenzionale e quanto incide il valore...[28/09/2014]
Contadini e professori uniti per un vero piano del paesaggio
Altro che guerra del vino! Qui serve un’alleanza di saperi esperti e saperi popolari, contestuali e diffusi. È questa la lezione che proviene dal paesaggio...[28/09/2014]
Commercio: da inizio anno vendite alimentari -1,1%. neanche gli sconti salvano la Gdo
Gli italiani in bolletta continuano a ridurre ogni tipo di spesa, compresa quella per la tavola, come dimostrano i dati sulle vendite al dettaglio dei...[27/09/2014]
Ismea, avanti adagio l’export agroalimentare[27/09/2014]
Xylella fastidiosa, sì al decreto per le misure di emergenza in conferenza Stato Regioni [27/09/2014]
PIT Toscana, i produttori di Brunello scrivono al governatore Rossi[27/09/2014]
Confeuro, calo alimentare è sintomo difficoltà cittadini[27/09/2014]
Emilia Romagna, Nutria: la norma che la esclude dalla fauna selvatica rende inapplicabili i piani di contenimento[27/09/2014]
Tante opportunità nel settore forestale per i giovani laureati[27/09/2014]
Un tavolo per rilanciare l'export dell'ortofrutta. Imprese e coop danneggiate dall'embargo della Russia[26/09/2014]
E' festa dell'agricoltura ad Expo Rurale con il record di presenze [23/09/2014]
Spesa alimentare resta il segno meno. Calo dello 0.7% nei primi sette mesi[23/09/2014]
Pil, nel 2013 cresce solo l'agricoltura. Ma valore aggiunto è quello del 2009[23/09/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress