|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Vino biologico, c'è il decreto per la produzione. Ma sulla solforosa è polemica
News in diVINO del [03/08/2012]

Il vino biologico può finalmente essere prodotto in tutta Italia. E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 177 del 31 luglio 2012,  il DM n. 15992 del 12 luglio 2012 concernente le “Disposizioni per l’attuazione del Regolamento di Esecuzione (UE) n. 203/2012 della Commissione che modifica il regolamento (CE) n. 889/2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio in ordine alle modalità di applicazione relative al vino biologico”.

La novità - spiega la Coldiretti in una nota - più importante è che il decreto, in attuazione della normativa europea, stabilisce i limiti di solforosa e indica gli additivi e le sostanze che possono essere impiegate nella vinificazione biologica, restringendo ovviamente il ventaglio di opportunità al fine di rendere il prodotto il più “naturale” possibile. Per i vini bianchi e rosati i limiti di solforosa sono i seguenti: 150 mg/litro a fronte dei 200 mg/litro per i vini convenzionali. Per i vini rossi, 100 mg/litro  a fronte di 150 mg/litro nei  vini convenzionali. Questo tenore  si applica se il tenore di zuccheri residui è inferiore a 2 grammi litro. Se, invece, il tenore di zuccheri è superiore 2 grammi litro, la riduzione è di 30 mg rispetto al convenzionale. Tale condizione si applica anche per gli spumanti. Il decreto entrato, dunque, in vigore è pienamente operativo. Da questo momento, quindi, la filiera enologica si arricchisce di un prodotto che finora era stato incompleto in quanto si poteva produrre solo vino da uve biologiche perché non esistevano le norme comunitarie di disciplina della trasformazione delle uve e dei processi enologici.

Uso solforosa - Coldiretti, pur apprezzando il fatto che finalmente si può produrre vino biologico, ha sempre espresso la sua contrarietà a che  si consenta comunque l’uso della solforosa in quanto l’Ue avrebbe dovuto porsi come obiettivo, di produrre, nell’arco di qualche anno,  vini biologici senza l’impiego di tale sostanza, per garantire una netta differenziazione rispetto ai vini convenzionali. Purtroppo, le pressioni dei paesi nord europei hanno fatto sì che si giungesse a una soluzione di compromesso che comunque secondo, Coldiretti non soddisfa in pieno le aspettative dei consumatori, né quelle dei produttori italiani che grazie alla vocazionalità del territorio e al ricorso a tecniche di vinificazione altamente qualificate sono in grado, già ora, di produrre vini biologici e biodinamici senza l’ausilio della solforosa. Al momento comunque, qualche problema burocratico permane ancora per la certificazione e gli organismi di controllo sono in agitazione in quanto il Ministero delle politiche agricole non ha ancora concesso la possibilità di certificare i vini biologici. Ciò ha sollevato delle polemiche in quanto il decreto di fatto autorizza subito la produzione, ma contemporaneamente non è ancora partito il sistema di certificazione. Il problema dovrebbe comunque risolversi a breve.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Export vino in frenata. Si allontana obiettivo di 7.5 mld euro al 2020
Le stime Wine Monitor per l’export di vino italiano dicono di un 2014 in lievissima progressione (poco più dell’1%) rispetto all’anno precedente, con un valore...[19/12/2014]
Le spezie nel bicchiere, nasce la birra al panforte dedicata a Santa Caterina da Siena
Si chiama Catharina ed è la prima birra italiana ispirata al dolce tipico senese, il panforte. A produrla il Birrificio San Quirico ma in edizione...[16/12/2014]
Trasporto alimenti liquidi, provenienza Bordeaux. Perché?
Trasporto alimenti liquidi. Provenienza Bordeaux.  Alimenti liquidi? Escludiamo il latte per due motivi: il primo è che gli automezzi per il trasporto del latte hanno...[08/12/2014]
Fantinel Prosecco Bar apre in Sudafrica
Dal Friuli al Sudafrica per presentare in anteprima un nuovo progetto firmato Fantinel. All’”Island Bar”, all’interno del lussuoso hotel “Tsogo Sun Hyde Park” di Johannesburg,...[06/12/2014]
Vino: il Carignano del Sulcis negli Usa per crescere nell'export[05/12/2014]
Wine2wine, cantine italiane più 2.0. La rete non è più un tabù[04/12/2014]
Un passito mondiale. La vite ad alberello di Pantelleria diventa patrimonio dell'Umanità[27/11/2014]
Onav, Vito Intini è il nuovo presidente nazionale[26/11/2014]
Oggi il Pegaso d'Oro (Regione Toscana) all'enologo Tachis[24/11/2014]
Missione Copenaghen: Brunello e Barolo per la prima volta insieme [21/11/2014]
Barone Ricasoli, Poderi Luigi Einaudi e Tedeschi: strategie di mercato comuni con la rete d'impresa[17/11/2014]
Podere Forte al Merano Wine Festival con Petrucci e Guardiavigna [07/11/2014]
Non solo vino. Paesaggio è valore aggiunto del vigneto da 3 mld l'anno[07/11/2014]
Vigneti: erogati in Toscana 18 milioni per riconversione. Soddisfazione Salvadori[28/10/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress