Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Vino biologico, c'è il decreto per la produzione. Ma sulla solforosa è polemica
News in diVINO del [03/08/2012]

Il vino biologico può finalmente essere prodotto in tutta Italia. E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 177 del 31 luglio 2012,  il DM n. 15992 del 12 luglio 2012 concernente le “Disposizioni per l’attuazione del Regolamento di Esecuzione (UE) n. 203/2012 della Commissione che modifica il regolamento (CE) n. 889/2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio in ordine alle modalità di applicazione relative al vino biologico”.

La novità - spiega la Coldiretti in una nota - più importante è che il decreto, in attuazione della normativa europea, stabilisce i limiti di solforosa e indica gli additivi e le sostanze che possono essere impiegate nella vinificazione biologica, restringendo ovviamente il ventaglio di opportunità al fine di rendere il prodotto il più “naturale” possibile. Per i vini bianchi e rosati i limiti di solforosa sono i seguenti: 150 mg/litro a fronte dei 200 mg/litro per i vini convenzionali. Per i vini rossi, 100 mg/litro  a fronte di 150 mg/litro nei  vini convenzionali. Questo tenore  si applica se il tenore di zuccheri residui è inferiore a 2 grammi litro. Se, invece, il tenore di zuccheri è superiore 2 grammi litro, la riduzione è di 30 mg rispetto al convenzionale. Tale condizione si applica anche per gli spumanti. Il decreto entrato, dunque, in vigore è pienamente operativo. Da questo momento, quindi, la filiera enologica si arricchisce di un prodotto che finora era stato incompleto in quanto si poteva produrre solo vino da uve biologiche perché non esistevano le norme comunitarie di disciplina della trasformazione delle uve e dei processi enologici.

Uso solforosa - Coldiretti, pur apprezzando il fatto che finalmente si può produrre vino biologico, ha sempre espresso la sua contrarietà a che  si consenta comunque l’uso della solforosa in quanto l’Ue avrebbe dovuto porsi come obiettivo, di produrre, nell’arco di qualche anno,  vini biologici senza l’impiego di tale sostanza, per garantire una netta differenziazione rispetto ai vini convenzionali. Purtroppo, le pressioni dei paesi nord europei hanno fatto sì che si giungesse a una soluzione di compromesso che comunque secondo, Coldiretti non soddisfa in pieno le aspettative dei consumatori, né quelle dei produttori italiani che grazie alla vocazionalità del territorio e al ricorso a tecniche di vinificazione altamente qualificate sono in grado, già ora, di produrre vini biologici e biodinamici senza l’ausilio della solforosa. Al momento comunque, qualche problema burocratico permane ancora per la certificazione e gli organismi di controllo sono in agitazione in quanto il Ministero delle politiche agricole non ha ancora concesso la possibilità di certificare i vini biologici. Ciò ha sollevato delle polemiche in quanto il decreto di fatto autorizza subito la produzione, ma contemporaneamente non è ancora partito il sistema di certificazione. Il problema dovrebbe comunque risolversi a breve.

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

A Montalcino è nata la Fondazione Brunello
Il “sistema Montalcino” da oggi è più forte. È stata infatti approvata dall’assemblea del Consorzio del Brunello la creazione della “Fondazione Territoriale Brunello di Montalcino”....[30/04/2016]
Vino Orcia, riconferma per Donatella Cinelli Colombini alla guida del Consorzio
Nata nel 2000, la giovane e ambiziosa Doc Orcia è in veloce innalzamento qualitativo e va annoverata fra le piccole denominazioni italiane emergenti. In occasione...[29/04/2016]
Percorso naturalistico fra i vigneti Sant'Anna ad Asolo
Il progetto “Vigneti Sant’Anna per la sostenibilità” avviato dall’Azienda Agricola Dal Bello prende il nome dalla piccola località di Sant’Anna di Asolo (TV), un luogo...[14/04/2016]
Cala il sipario sul 50esimo Vinitaly, vinta la sfida della qualità
In crescita buyer e affari, con visitatori sempre più qualificati. È la cifra di Vinitaly 2016 che chiude oggi con 130mila operatori da...[13/04/2016]
Renzi al Vinitaly: 'Obiettivo 50 mld per export agroalimentare nel 2020'[12/04/2016]
Ricerca per il vino: dai passiti senza solfiti ai vitigni recuperati[12/04/2016]
La cultura del vino nelle scuole con la Consulta al Vinitaly[12/04/2016]
Al Vinitaly presentato il concorso Mondial des Vins Extremes[12/04/2016]
Organizzazione e competenza per l'evoluzione del vino italiano[12/04/2016]
Il futuro del vino viaggerà su piattaforme digitali[12/04/2016]
Viticoltura estrema, opportunità importante per il rilancio settore e territori[12/04/2016]
Vinitaly, incetta di premi per le cooperative del vino[08/04/2016]
Vinitaly, la Mortadella Bologna IGP sposa i vini romagnoli[08/04/2016]
Al Vinitaly è caccia agli Etruschi con i vini di Cortona[08/04/2016]
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X