Questo sito utilizza solo "cookie tecnici", propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se prosegui la navigazione senza cambiare le impostazioni del tuo browser, accetterai di ricevere i cookies dal sito. Cosa sono i cookie?. Leggi l'informativa completa sulla Privacy >>

Accetto X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
Vendemmia al via, produzioni in calo fino al 15% per la siccità
News in diVINO del [10/08/2012]

Con l’avvio della raccolta delle uve bianche Chardonnay, oggi si apre ufficialmente la vendemmia italiana 2012. Una vendemmia su cui pesa l’incognita del clima. Perché se è vero che negli ultimi anni l’aumento delle temperature ha portato i produttori ad anticipare sempre di più i tempi della vendemmia, quest’anno la siccità prolungata portata dagli anticicloni africani rischia di creare non pochi problemi al settore. Tutto dipende dalla quantità di piogge che si registrerà fino alla fine di agosto. I vigneti italiani, infatti, hanno bisogno di risollevarsi dallo stress idrico causato dall’ondata di caldo torrido che continua ad arroventare la Penisola e che rischia di portare a un calo produttivo del 10 per cento. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, sulla base di un attento monitoraggio sul territorio.

Danza della pioggia - Se le piogge saranno decisive per i quantitativi della vendemmia, d’altra parte la qualità si preannuncia ottima lungo tutto il Paese. Infatti, una primavera climaticamente favorevole ha assicurato alle uve una crescita lineare e priva di muffe, grazie a una buona alternanza di caldo e precipitazioni. Al contrario, però, si teme ora per gli effetti delle forti oscillazioni climatiche di luglio che hanno localmente compromesso la fase di piena maturazione delle uve. In particolare la scarsità di precipitazioni -osserva la Cia- ha limitato in molti casi l’accrescimento dei grappoli, rischiando di pregiudicare parzialmente la resa da uva in vino. A pagare di più, in questo senso, gli effetti di afa e siccità finora sono la Puglia e la Toscana, dove allo stato attuale la diminuzione di volumi prevista supera il 10 per cento con punte del 15 per cento nella Daunia, nella penisola salentina e tra Taranto e Bari.

Cali - Altri cali significativi - sottolinea la Cia - si registrano in Veneto, dove le stime in ribasso per le uve precoci del trevigiano (dal -10 al -15 per cento) sono solo parzialmente compensate da una raccolta nell’area del Prosecco che si prevede stabile rispetto all’anno scorso. In Piemonte, invece, oltre agli effetti dell’estate calda e asciutta, sulle previsioni di raccolta hanno inciso anche le conseguenze delle gelate del tardo inverno, che hanno parzialmente compromesso la fertilità delle gemme, facendo prevedere una contrazione dei volumi compresa tra il -5 e il -10 per cento. Oltre alla mancanza d’acqua, a creare problemi in campagna in alcune zone del Nord Italia si sono aggiunte le grandinate di fine luglio: fenomeni piuttosto dannosi - spiega la Cia - che hanno rovinato interi vigneti, ma in maniera localizzata, tanto da non incidere pesantemente sulla media dei quantitativi regionali.

Non solo previsioni negative comunque - In Sicilia, per esempio, ci si aspetta una vendemmia più abbondante, con il 15 per cento in più in quantità rispetto al 2011. In ogni caso -conclude la Cia- si tratta di stime provvisorie che potrebbero ancora capovolgersi nel caso di una fine estate più in linea con le medie stagionali, senza le “montagne russe” di questo periodo con il caldo torrido e l’assenza prolungata di piogge intervallate da repentini temporali e grandinate violente. Ovvero senza tutti quei fattori climatici critici che influiscono negativamente sulla maturazione delle uve.

 

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

E' morto Giacomo Tachis, addio al padre del Sassicaia. Nel 2014 il Pegaso d'Oro dalla Regione Toscana
E' morto dopo una lunga malattia Giacomo Tachis, il re degli enologi.  Aveva 82 anni. Piemontese, originario di Poirino (Torino), dopo gli studi alla Scuola...[07/02/2016]
Wine&Siena, i numeri decretano il successo
Wine&Siena ha chiuso con numeri che ne decretano il successo. In due giorni, durante un periodo dell’anno tradizionalmente di bassa stagione per le presenze turistiche,...[02/02/2016]
Fusione piccoli Comuni. Allarme anche nel mondo del vino: 'Caos nelle denominazioni'
Un Barolo di Barolo (739 abitanti) o della “frazione” di Barolo? Un Morellino di Scansano (4.500 persone) o della “località” Scansano? E il Barbaresco (670...[01/02/2016]
'Il territorio non è un brand': M5S contro liberalizzazioni denominazioni dei vini
“Difendere le certificazioni Dop(Denominazione di Origine Protetta) e Igp (Indicazione Geografica Protetta) del vino italiano che, per definizione, riportando in etichetta il nome del vitigno,...[29/01/2016]
Le Chiantigiane, primo venditore di Chianti nella Gdo italiana. Bilancio 2015 al +2%[29/01/2016]
Mediastars premia vino: la prima App per conoscere e acquistare i migliori vini italiani[29/01/2016]
Parte Wine&Siena, primo evento vitivinicolo nazionale del 2016[28/01/2016]
Vino taroccato. Brunello e Amarone made in Spagna, sequestrate 450 bottiglie in Danimarca[21/01/2016]
Dal Sauvignon kretos al Julius, registrati dieci nuovi vitigni resistenti alle malattie[18/01/2016]
Brindisi di fine anno: nel mondo sempre di più con spumante italiano[28/12/2015]
Vini rosati in passerella a Roma. Veneto e Puglia sugli scudi al concorso nazionale[22/12/2015]
'Io sono Donatella': Cinelli Colombini presenta il suo miglior Brunello[12/12/2015]
Diritti di reimpianto vigneti: dal 1 gennaio scatta il divieto di commercializzazione[12/12/2015]
Registri vitivinicoli online: a che punto siamo?[12/12/2015]
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress