Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Vendemmia al via, produzioni in calo fino al 15% per la siccità
News in diVINO del [10/08/2012]

Con l’avvio della raccolta delle uve bianche Chardonnay, oggi si apre ufficialmente la vendemmia italiana 2012. Una vendemmia su cui pesa l’incognita del clima. Perché se è vero che negli ultimi anni l’aumento delle temperature ha portato i produttori ad anticipare sempre di più i tempi della vendemmia, quest’anno la siccità prolungata portata dagli anticicloni africani rischia di creare non pochi problemi al settore. Tutto dipende dalla quantità di piogge che si registrerà fino alla fine di agosto. I vigneti italiani, infatti, hanno bisogno di risollevarsi dallo stress idrico causato dall’ondata di caldo torrido che continua ad arroventare la Penisola e che rischia di portare a un calo produttivo del 10 per cento. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, sulla base di un attento monitoraggio sul territorio.

Danza della pioggia - Se le piogge saranno decisive per i quantitativi della vendemmia, d’altra parte la qualità si preannuncia ottima lungo tutto il Paese. Infatti, una primavera climaticamente favorevole ha assicurato alle uve una crescita lineare e priva di muffe, grazie a una buona alternanza di caldo e precipitazioni. Al contrario, però, si teme ora per gli effetti delle forti oscillazioni climatiche di luglio che hanno localmente compromesso la fase di piena maturazione delle uve. In particolare la scarsità di precipitazioni -osserva la Cia- ha limitato in molti casi l’accrescimento dei grappoli, rischiando di pregiudicare parzialmente la resa da uva in vino. A pagare di più, in questo senso, gli effetti di afa e siccità finora sono la Puglia e la Toscana, dove allo stato attuale la diminuzione di volumi prevista supera il 10 per cento con punte del 15 per cento nella Daunia, nella penisola salentina e tra Taranto e Bari.

Cali - Altri cali significativi - sottolinea la Cia - si registrano in Veneto, dove le stime in ribasso per le uve precoci del trevigiano (dal -10 al -15 per cento) sono solo parzialmente compensate da una raccolta nell’area del Prosecco che si prevede stabile rispetto all’anno scorso. In Piemonte, invece, oltre agli effetti dell’estate calda e asciutta, sulle previsioni di raccolta hanno inciso anche le conseguenze delle gelate del tardo inverno, che hanno parzialmente compromesso la fertilità delle gemme, facendo prevedere una contrazione dei volumi compresa tra il -5 e il -10 per cento. Oltre alla mancanza d’acqua, a creare problemi in campagna in alcune zone del Nord Italia si sono aggiunte le grandinate di fine luglio: fenomeni piuttosto dannosi - spiega la Cia - che hanno rovinato interi vigneti, ma in maniera localizzata, tanto da non incidere pesantemente sulla media dei quantitativi regionali.

Non solo previsioni negative comunque - In Sicilia, per esempio, ci si aspetta una vendemmia più abbondante, con il 15 per cento in più in quantità rispetto al 2011. In ogni caso -conclude la Cia- si tratta di stime provvisorie che potrebbero ancora capovolgersi nel caso di una fine estate più in linea con le medie stagionali, senza le “montagne russe” di questo periodo con il caldo torrido e l’assenza prolungata di piogge intervallate da repentini temporali e grandinate violente. Ovvero senza tutti quei fattori climatici critici che influiscono negativamente sulla maturazione delle uve.

 

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

A Montalcino è nata la Fondazione Brunello
Il “sistema Montalcino” da oggi è più forte. È stata infatti approvata dall’assemblea del Consorzio del Brunello la creazione della “Fondazione Territoriale Brunello di Montalcino”....[30/04/2016]
Vino Orcia, riconferma per Donatella Cinelli Colombini alla guida del Consorzio
Nata nel 2000, la giovane e ambiziosa Doc Orcia è in veloce innalzamento qualitativo e va annoverata fra le piccole denominazioni italiane emergenti. In occasione...[29/04/2016]
Percorso naturalistico fra i vigneti Sant'Anna ad Asolo
Il progetto “Vigneti Sant’Anna per la sostenibilità” avviato dall’Azienda Agricola Dal Bello prende il nome dalla piccola località di Sant’Anna di Asolo (TV), un luogo...[14/04/2016]
Cala il sipario sul 50esimo Vinitaly, vinta la sfida della qualità
In crescita buyer e affari, con visitatori sempre più qualificati. È la cifra di Vinitaly 2016 che chiude oggi con 130mila operatori da...[13/04/2016]
Renzi al Vinitaly: 'Obiettivo 50 mld per export agroalimentare nel 2020'[12/04/2016]
Ricerca per il vino: dai passiti senza solfiti ai vitigni recuperati[12/04/2016]
La cultura del vino nelle scuole con la Consulta al Vinitaly[12/04/2016]
Al Vinitaly presentato il concorso Mondial des Vins Extremes[12/04/2016]
Organizzazione e competenza per l'evoluzione del vino italiano[12/04/2016]
Il futuro del vino viaggerà su piattaforme digitali[12/04/2016]
Viticoltura estrema, opportunità importante per il rilancio settore e territori[12/04/2016]
Vinitaly, incetta di premi per le cooperative del vino[08/04/2016]
Vinitaly, la Mortadella Bologna IGP sposa i vini romagnoli[08/04/2016]
Al Vinitaly è caccia agli Etruschi con i vini di Cortona[08/04/2016]
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X