|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Vendemmia al via, produzioni in calo fino al 15% per la siccità
News in diVINO del [10/08/2012]

Con l’avvio della raccolta delle uve bianche Chardonnay, oggi si apre ufficialmente la vendemmia italiana 2012. Una vendemmia su cui pesa l’incognita del clima. Perché se è vero che negli ultimi anni l’aumento delle temperature ha portato i produttori ad anticipare sempre di più i tempi della vendemmia, quest’anno la siccità prolungata portata dagli anticicloni africani rischia di creare non pochi problemi al settore. Tutto dipende dalla quantità di piogge che si registrerà fino alla fine di agosto. I vigneti italiani, infatti, hanno bisogno di risollevarsi dallo stress idrico causato dall’ondata di caldo torrido che continua ad arroventare la Penisola e che rischia di portare a un calo produttivo del 10 per cento. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, sulla base di un attento monitoraggio sul territorio.

Danza della pioggia - Se le piogge saranno decisive per i quantitativi della vendemmia, d’altra parte la qualità si preannuncia ottima lungo tutto il Paese. Infatti, una primavera climaticamente favorevole ha assicurato alle uve una crescita lineare e priva di muffe, grazie a una buona alternanza di caldo e precipitazioni. Al contrario, però, si teme ora per gli effetti delle forti oscillazioni climatiche di luglio che hanno localmente compromesso la fase di piena maturazione delle uve. In particolare la scarsità di precipitazioni -osserva la Cia- ha limitato in molti casi l’accrescimento dei grappoli, rischiando di pregiudicare parzialmente la resa da uva in vino. A pagare di più, in questo senso, gli effetti di afa e siccità finora sono la Puglia e la Toscana, dove allo stato attuale la diminuzione di volumi prevista supera il 10 per cento con punte del 15 per cento nella Daunia, nella penisola salentina e tra Taranto e Bari.

Cali - Altri cali significativi - sottolinea la Cia - si registrano in Veneto, dove le stime in ribasso per le uve precoci del trevigiano (dal -10 al -15 per cento) sono solo parzialmente compensate da una raccolta nell’area del Prosecco che si prevede stabile rispetto all’anno scorso. In Piemonte, invece, oltre agli effetti dell’estate calda e asciutta, sulle previsioni di raccolta hanno inciso anche le conseguenze delle gelate del tardo inverno, che hanno parzialmente compromesso la fertilità delle gemme, facendo prevedere una contrazione dei volumi compresa tra il -5 e il -10 per cento. Oltre alla mancanza d’acqua, a creare problemi in campagna in alcune zone del Nord Italia si sono aggiunte le grandinate di fine luglio: fenomeni piuttosto dannosi - spiega la Cia - che hanno rovinato interi vigneti, ma in maniera localizzata, tanto da non incidere pesantemente sulla media dei quantitativi regionali.

Non solo previsioni negative comunque - In Sicilia, per esempio, ci si aspetta una vendemmia più abbondante, con il 15 per cento in più in quantità rispetto al 2011. In ogni caso -conclude la Cia- si tratta di stime provvisorie che potrebbero ancora capovolgersi nel caso di una fine estate più in linea con le medie stagionali, senza le “montagne russe” di questo periodo con il caldo torrido e l’assenza prolungata di piogge intervallate da repentini temporali e grandinate violente. Ovvero senza tutti quei fattori climatici critici che influiscono negativamente sulla maturazione delle uve.

 

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

No a questo Pit, l’agricoltura fa un passo indietro di anni
Tutti i principali Consorzi vitivinicoli toscani hanno presentato delle comuni Osservazioni al Piano Paesaggistico adottato dal Consiglio Regionale lo scorso 2 luglio. Nella lunga storia...[30/09/2014]
Controlli vendemmia, sequestri NAC e ICQRF a Foggia
Nell’ambito delle verifiche a tutela dei consumatori, il Nucleo Antifrodi Carabinieri di Salerno e l’ICQRF - Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e della Repressione...[26/09/2014]
Vino Nobile, si guarda ad Est per incrementare ler quote di export
Dopo il successo di Budapest, la delegazione toscana, composta, oltre che dai produttori di Vino Nobile, da Strada del Vino Nobile e dall’Unione dei Comuni...[19/09/2014]
Il cielo del Brunello con le stelle di Sandra Savaglio
Montalcino Premio Casato Prime Donne in edizione stellare: le stelle dell’astrofisica Sandra Savaglio, la luna fotografata da Andrea Rontini e le tre star del giornalismo...[14/09/2014]
Vino, con 41 mln di ettolitri è la vendemmia più scarsa dal 1950 [13/09/2014]
Confeuro: Ora l'Europa faccia un passo in avanti [13/09/2014]
Inchiesta falso Brunello, Rossi: 'Regione sarà parte civile'. Il Consorzio prepara Codice etico[09/09/2014]
Operazione Brunello, sequestrati 160mila litri di vino e 2350 contrassegni di stato[09/09/2014]
Morellino, un'avventura lunga un giorno[08/09/2014]
Nomination Chianti Classico per il Wine Region of the Year [05/09/2014]
Vigne e paesaggio, Rossi (Toscana) dai Frescobaldi: 'Punto di incontro possibile'[05/09/2014]
La viticoltura è il paesaggio toscano. Il Consorzio del Nobile sul Piano paesaggistico[02/09/2014]
Vendemmia nel Conegliano Valdobbiadene: stabilità e difesa qualità [29/08/2014]
Vendemmia, la Toscana autorizza aumento alcolometrico delle uve [27/08/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress