|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
Parmigiano Reggiano, terminato recupero forme danneggiate
News in daiCAMPI del [10/08/2012]

L'8 agosto segna una data di svolta per il Parmigiano Reggiano nella vicenda del terremoto. Infatti, nel magazzino di stagionatura del Caseificio Razionale Novese di Novi (Modena) terminano le operazioni di estrazione delle forme cadute con la violenta scossa del 29 maggio, la seconda di un sisma che, nella sua azione di distruzione, ha coinvolto duramente il comparto del Parmigiano Reggiano. Complessivamente il sisma ha colpito 19 magazzini di stagionatura del formaggio arrecando danni a 37 caseifici ed oltre 600 allevamenti conferenti latte. In termini di quantità di prodotto, è stato colpito quasi il 20% del comparto produttivo, con circa 600.000 forme cadute a terra.

Prima fase chiusa - "Possiamo finalmente dire che si chiude "la fase 1" – dichiara Giuseppe Alai, presidente del Consorzio – quella dell'emergenza, la più drammatica. Da domani mattina nessun casaro del Parmigiano Reggiano dovrà più svegliarsi e vedere il proprio lavoro di due anni ammassato a terra e danneggiato”. Nel dettaglio, tutto il prodotto danneggiato, in base alle disposizioni delle autorità sanitarie, che non ha potuto proseguire la stagionatura è stato destinato a lavorazioni idonee o allo smaltimento come rifiuto. Una parte molto rilevante, anche grazie all’intervento economico deliberato dell’Assemblea del Consorzio dello scorso 24 luglio, sarà destinato alla fusione. “Da domani ci possiamo concentrare sulla Fase 2” prosegue il presidente Alai “quella della ricostruzione delle strutture danneggiate, e del pieno ripristino delle condizioni economiche dei nostri caseifici gravati una montagna di danni, oggi quantificabili in oltre 100-110 milioni di euro. Per dare risposte concrete a queste realtà indispensabili al nostro territorio ora ci aspettiamo la concretezza degli interventi delle Regioni e del Governo centrale, a partire dell’attuazione del decreto legge terremoto”.

Reazione - La volontà di non abbandonarsi alla fatalità ha segnato fin da subito la reazione dei caseifici colpiti. La maggioranza non ha mai cessato la produzione giornaliera e solo 5 hanno interrotto la produzione di Parmigiano Reggiano, dei quali 4 per pochi giorni e 1 solo non ha ripreso la produzione. Allo stesso tempo, grazie all’attenzione immediatamente rivolta da tantissimi italiani al Parmigiano Reggiano, numerosi caseifici hanno trovato nel contatto diretto con i consumatori un aiuto per “ripartire”. E così ha fatto anche il caseificio Razionale Novese, ultimo a completare le operazioni di sgombero ma primo come entità del danno subito (oltre 75.000 forme di Parmigiano Reggiano cadute), che da pochi giorni ha riattivato il negozio per la vendita diretta, anche on-line, del Parmigiano Reggiano di propria produzione. Un simbolo del territorio che non si piega ed è pronto a ripartire.

Leggi anche l'iniziativa di Agricultura.it UNA FORMA DI SOLIDARIETA'

 

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Novità DL: riduzione Irap 10% per settore agricolo, niente Imu per fabbricati rurali
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali comunica che il decreto legge “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale – Per un’Italia...[18/04/2014]
Lo sviluppo non si ottiene solo con i tagli. L'agricoltura ha bisogno di politiche orientate alla crescita
“Il documento di economia e finanza (DEF) prevede un programma di riforma ampio nelle sue linee generali in ordine ai tagli delle spese e alle...[18/04/2014]
CAP Siena, approvato bilancio 2013, perdite dimezzate. E Giannelli omaggia il Consorzio con 9 tavole
L’Assemblea dei Soci Delegati del Consorzio Agrario di Siena e Arezzo ha approvato questa mattina il Bilancio 2013 contrassegnato da un valore della produzione di...[18/04/2014]
Operazione Pulizie di Pasqua. Sequestrate dai NAS 360 tonnellate di cibo
Maxi sequestro dei Nas nell'operazione denominata 'Pulizie di Pasqua': i carabinieri dei 38 nuclei dislocati sul territorio nazionale hanno eseguito oltre 1.500 ispezioni rilevando varie...[18/04/2014]
Colpire ancora l'agricoltura sarebbe assurdo[18/04/2014]
Birra Peroni e Confagricoltura rilanciano la formazione per gli agricoltori italiani[18/04/2014]
Nel ponte pasquale 4,1 mln di italiani in vacanza (+5%). Bene l'agriturismo [18/04/2014]
Pasqua: bene NAS, vademecum antifrodi da agnello a uova[18/04/2014]
A Pasqua italiani e stranieri scelgono la campagna. Pranzi da tutto esaurito[17/04/2014]
Mini ripresa per i prezzi agricoli (+1,3% a marzo). Ma il confronto annuo resta negativo (-5%)[17/04/2014]
Pasqua sicura: dai NAC più controlli ed un vademecum per i consumatori[17/04/2014]
Congresso mondiale per Expo 2015: da agronomi idee per il mondo[17/04/2014]
Il lavoro è una priorità? Ma il Job Acts dove è, si chiede Confeuro[17/04/2014]
La Toscana attiva 110 milioni di euro per investimenti in circa 3mila aziende toscane[17/04/2014]
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress