Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
|
| |
|
|
 


Cerca nel sito 
 
 
 
 
 
Le novità sui contratti per la cessione di prodotti agricoli
News in Fisco e Lavoro del [25/01/2013]

La conversione in legge del Decreto sviluppo a fine dicembre, ha portato una rilevante novità alle disposizioni che disciplinano le operazioni di cessione di prodotti agricoli ed agroalimentari. L’ormai conosciuto articolo 62 della legge 27/2012, dispone che in caso di cessione di prodotti agricoli ed agroalimentari, le parti devono stipulare un contratto scritto, nel quale, tra le altre cose, vengono disciplinati tassativamente i termini di pagamento: 30 giorni per i prodotti deperibili, 60 per i non deperibili. Tra le tante difficoltà applicative, da più parti veniva denunciata quella che si creava quando le parti erano rappresentate da imprenditori agricoli, comprese le cooperative. La norma di modifica in commento, esclude dalla disciplina dell’art.62, i contratti conclusi fra imprenditori agricoli. Se tra gli imprenditori agricoli vi è un contratto concluso, quindi, le operazioni di cessione/acquisto non rientrano nella disciplina dell’art. 62. Il termine concluso deve essere inteso come definito, ovvero, le parti si sono accordate circa i termini e le modalità di fornitura dei beni oggetto della transazione. In assenza di contratto, anche le operazioni tra imprenditori agricoli sono soggette all’art.62. Contratto per il quale consigliamo la forma scritta. Le operazioni che escono dall’art. 62 (tra imprenditori agricoli) rientrano nella generale disciplina delle transazioni commerciali, disciplinate dal D.Lgs 231/2002, recentemente modificato. Tale disposizione non detta termini di pagamento tassativi così come invece fa l’art.62, ma impone comunque la determinazione espressa degli stessi termini, che deve essere provata per iscritto. In definitiva, quindi, seppure con una maggior elasticità sui termini di pagamento, potremmo dire che quello che è uscito dalla finestra rientra dalla porta. Dal primo gennaio i contratti conclusi tra imprenditori agricoli devono riportare termini di pagamento espressamente pattuiti ed in forma scritta. Termini che possono essere quindi diversi da 30 o 60 giorni, ma in ogni caso non devono essere gravemente iniqui per il creditore, pena la dichiarazione di nullità dei patti contrattuali.

Da Dimensione Agricoltura, gennaio 2013

Condividi su Facebook



 Invia ad un amico

Invia un commento alla redazione
Nome/Cognome:
Note
E-Mail:
 

Nuove tabelle ettaro coltura lombarde
Regione Lombardia fissa nuovi valori di consumi medi dei prodotti petroliferi agevolati impiegati in agricoltura. Riviste alla luce del Dm 30 dicembre 2015, pubblicato nel...[01/07/2016]
Nuovi finanziamenti per la promozione dell'agroalimentare europeo
Aperto fino al 24 aprile l'invito a presentare proposte per progetti di promozione dei prodotti agricoli europei. Il 26 febbraio a Bruxelles è in programma...[16/03/2016]
E-Commerce: dal 20 al 29 febbraio presentazione domamde per credito d'imposta
Il Mipaaf rende noto che, in attuazione del provvedimento Campolibero, dal 20 al 29 febbraio 2016 sarà possibile presentare le domande per l'attribuzione del credito...[20/02/2016]
Imu agricola, dal Governo segnali incomprensibili
Ancora una volta il Governo assume comportamenti incomprensibili e davvero difficili da interpretare. «Dopo aver mostrato una netta chiusura all'ipotesi di cancellare l'Imu agricola –...[17/04/2015]
Contratto di trasporto: nuova grana anche per il settore agricolo?[21/02/2015]
Pellet, aumenta l’aliquota Iva[21/02/2015]
'Pagare prima di riscuotere la Pac'. Ecco la nuova disposizione Agea sulle assicurazioni che mette in ginocchio le aziende agricole[24/12/2014]
Vendita diretta in azienda agricola: scontrino o ricevuta fiscale?[21/11/2014]
AXA Assicurazioni presenta 'Protezione Caseario' per le imprese agroalimentari[23/10/2014]
Semplificazione fiscale: qualcosa si muove[11/07/2014]
Redditometro ed attività agricola, un rischio contenibile[04/07/2014]
Registro Imprese ed Imprenditore agricolo. Obbligo di iscrizione per il commercio in aree pubbliche[04/07/2014]
Rivalutazione terreni agricoli. In scadenza l’ultima riapertura dei termini[27/06/2014]
Coltivatori diretti e Iap ultrasessantacinquenni. La riduzione al 50% dei contributi non vale per tutti[27/06/2014]
 
 
 
 
 
Disclaimer - Copyright 2001 - 2008 © Agenzia Impress

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X