Filiera nazionale per il frumento duro. De Sortis (Italmopa): Favorevoli, ma le importazioni restano fondamentali

Wheat Field

ROMA – Un utile confronto tra gli attori e le rappresentanze della filiera nazionale frumento duro sono emersi durante i Durum Days 2021 che si sono svolti oggi.

Cosimo De Sortis, Presidente Italmopa – Associazione Industriali Mugnai d’Italia (Confindustria – Federalimentare) ha nuovamente evidenziato, nel suo intervento, l’importanza, per l’Industria molitoria italiana, di un corretto e continuo approvvigionamento in frumento duro di qualità per consentire la produzione di semole in grado di rispondere alla domanda dell’Industria pastaria e dei consumatori.

“L’Industria molitoria rappresenta un’eccellenza nel panorama dell’Industria alimentare italiana per la sua riconosciuta capacità di individuare, selezionare, miscelare e trasformare le migliori varietà di frumento duro quale che sia la loro origine – ha sottolineato De Sortis -. Siamo fortemente convinti che la strada da percorrere sia quella di favorire l’incremento della disponibilità di grano duro nazionale di qualità, ma, al contempo, abbiamo anche il coraggio di affermare che tale, auspicabile, incremento non potrà in ogni modo essere sufficiente a sostituire pienamente le importazioni che continueranno pertanto, anche in futuro, ad essere indispensabili per coprire il nostro fabbisogno”.

“L’incremento della domanda ha certamente consentito, nel corso degli ultimi mesi, una valorizzazione del frumento duro nazionale la cui quotazione risponde ormai a logiche disgiunte rispetto a quelle del mercato internazionale” ha precisato De Sortis  “Ci auguriamo ovviamente che questo trend possa contribuire ad incrementare le superfici e le produzioni nazionali di frumento duro. Ed è anche per questo motivo e con questo obiettivo che Italmopa si è recentemente fatta promotrice dell’inserimento della semola ottenuta con solo grano nazionale nei listini prezzi delle due principali Camere di Commercio. E’ un’iniziativa importante che denota una forte responsabilità e un convinto interesse di Italmopa nel voler ulteriormente sviluppare tutti gli strumenti in grado di agevolare la crescita di una filiera 100 percento grano nazionale”.

Al termine dell’intervento, Cosimo De Sortis ha segnalato, rispetto alle previsioni sulle produzioni 2021, che, stante un quadro produttivo sinora rassicurante, la dinamica delle quotazioni del grano duro nazionale sarà fortemente influenzata dalla ripresa della domanda industriale che nel primo quadrimestre 2021 ha purtroppo mostrato alcuni segnali di sofferenza.

LEGGI ANCHE

Durum Days 2021, il contributo del CREA tra ricerca e innovazione tecnologica

 

Informazione pubblicitaria