Il vino sposa il design

Tappa finale per il Concorso “La promozione del vino italiano nel mondo”, ideato da UIV, Unione Italiana Vini, con la collaborazione di Buonitalia spa, società del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali per la promozione dell’agroalimentare italiano nel mondo, e Agriteam (Agricoltura territorio ambiente), l’Azienda speciale della Camera di commercio di Milano.
Il 23 marzo alle 11.30 a Milano presso Palazzo Turati via Meravigli 9/B, verrà infatti proclamato il vincitore, cioè il giovane che meglio è riuscito a esprimere con una sola immagine e una frase simbolica la ricchezza e l’unicità della nostra migliore produzione enologica: un’ideale immagine per il brand “Italia” da spendere in una campagna di comunicazione nazionale destinata ai mercati esteri.

Grazie al concorso “La promozione del vino italiano nel mondo” e ad Enotria, monografia di Unione Italiana Vini che ogni anno affronta una tematica di stretta attualità per il comparto, prende avvio un’innovativa e più efficace strategia di comunicazione per il comparto vitivinicolo italiano: è possibile, anzi auspicabile, realizzare un messaggio unitario che valorizzi tutte le variegate e differenti espressioni dell’alta qualità enologica made in Italy e contribuisca a promuoverle all’estero, in uno scenario di mercato sempre più globalizzato e competitivo.

Tornando al concorso, il primo classificato si aggiudicherà un viaggio premio in occasione di una missione organizzata da Buonitalia in uno dei Paesi dove la società del Ministero sta sviluppando attività di promozione dell’enogastronomia made in Italy, mentre tutti gli altri lavori finalisti saranno pubblicati sull’edizione 2007 di Enotria, che verrà presentata in occasione della conferenza stampa. L’edizione di quest’anno è dedicata a indagare le dinamiche del vino italiano all’estero, partendo proprio dalla premessa che non esiste ancora un marchio-Paese per il nostro vino nella sua globalità. Nel volume, oltre a una sezione sul concorso e sugli undici elaborati finalisti, trova spazio un’approfondita indagine sulla percezione del vino italiano nei Paesi esteri, condotta con sondaggi, inchieste di respiro internazionale e opinioni, al fine di fornire un quadro esauriente a giornalisti, operatori del settore e produttori.

Attraverso Enotria – 15.000 copie distribuite alle principali aziende del settore, alle categorie dell’ospitalità e alla stampa – i migliori lavori che hanno partecipato al Concorso saranno così presentati alle imprese vitivinicole italiane per offrire a diversi ragazzi l’opportunità di
entrare in contatto con il mondo del vino e, perché no, trovare una nuova occupazione. Uno degli

obiettivi principali di questo concorso rivolto agli studenti delle Facoltà di Architettura, Istituti del Design, Accademie delle Belle Arti e scuole di specializzazione in grafica e design, è stato anche quello di avvicinare le nuove generazioni alle interessanti e numerose opportunità di lavoro offerte dal mondo del vino. I dati occupazionali del settore sono di tutto rispetto. Una recente indagine censisce circa 240.000 imprese dedicate esclusivamente alla viticoltura (195.000 viticoltori e 43.000 vitivinicoltori), oltre 460.000 titolari di vigneto e più di 94.000 persone impiegate nella produzione. Si aggiungono gli addetti alla trasformazione (oltre 55.000) e alla distribuzione nei canali commerciali (oltre 86.000). Complessivamente quindi il settore dà lavoro a 700.000 persone, che diventano 1.200.000 se si considera l’indotto primario.
E, tra le professioni del vino, trovano oggi spazio nuove figure: il designer, il grafico e il pubblicitario, che si affiancano all’agronomo, all’enologo, al ristoratore e all’enotecario e che aprono nuovi sbocchi occupazionali.

L’elenco delle 11 opere finaliste del concorso è pubblicato sul sito www.focuswine.it