Fields of Tomorrow. Ricerca ed innovazione per l’agricoltura del futuro. Moran Atias racconta Israele ad Expo Milano 2015

Il padiglione di Israele – raccontato dall’attrice e modella israeliana Moran Atias – nella sua struttura risponde alla necessità pratica legata al contesto urbanistico in qui si trova. A Milano durante l’Expo 2015 si stimano milioni di visitatori, si parla di circa 25 milioni. Considerando l’alto numero di nazioni e padiglioni presenti la possibilità di poter entrare in tutti è un’impresa impegnativa che richiede più di un giorno di visita. Ecco quindi che partendo da questa condizione reale, Israele, nel proporre il proprio progetto, ha inteso creare una struttura iconografica, facilmente riconoscibile e visibile da più parti dell’esposizione. L’effetto scenico della parete verticale, parte della sua struttura esterna, che si estende per circa 70 metri ed è alta 12, sarà facilmente visibile dalla maggioranza dei visitatori.

Israele ha preso l’impegno di partecipare a Expo Milano 2015 con la massima attenzione allo spirito di questa esposizione di eccellenza, e la parete verticale del nostro padiglione “Fields of Tomorrow” non è stata ideata come un’opera decorativa ma come una struttura emozionale che porta subito il visitatore a pensare a quelle che sono le sfide di tutte le nazioni per i prossimi decenni; combattere la fame nel mondo, cercare e trovare soluzioni consapevoli, condividere tecnologie all’avanguardia, questo esprime la parete verticale del Padiglione d’Israele dove più dell’80% della sua estensione è composta da coltivazioni di grano, riso e mais con un sistema d’irrigazione all’avanguardia a basso impatto ambientale.

Israele è una giovane nazione con un’antica tradizione di tremila anni ed in meno di 70 anni, è riuscita a trasformare un terreno arido in un fiorente giardino. Anche se Israele ha limitate risorse naturali, in particolare terra necessaria all’agricoltura e acqua, Israele è riuscita a sviluppare un’esperienza ed una produttività agricola grazie a metodi innovativi. Il Padiglione d’Israele a Expo Milano 2015 è un granaio della conoscienza che intende condividere con le nazioni del mondo, è un tributo a quelle donne e quegli uomini che quotidianamente operano questo miracolo, è un tributo a coloro che con la convinzione riescono a muovere le montagne, quando un sogno è abbastanza importante… tutto è possibile.

Informazione pubblicitaria