Crisi olio e xylella. Due decreti d’urgenza promessi da Centinaio e Pesce davanti ai 5mila olivicoltori in piazza a Roma

«Il Ministro Centinaio, la sottosegretaria Pesce e tutto il governo hanno preso impegni solenni davanti a 5mila olivicoltori e adesso aspettiamo con trepidazione i due decreti legge d’urgenza per far fronte alle emergenze xylella e gelate». Così Onofrio Spagnoletti Zeuli commenta con soddisfazione i risultati ottenuti dopo la grande mobilitazione degli olivicoltori italiani in piazza Santi Apostoli, la più grande di sempre del settore.

«È stata la vittoria di un popolo unito, di uomini e donne che amano la propria terra ed il proprio lavoro al punto tale da sacrificare alle volte, come oggi, anche gli affetti più cari pur di difendere i propri diritti – ha rimarcato Spagnoletti Zeuli -. Il 26 febbraio attendiamo l’arrivo di Centinaio da noi con i primi risultati concreti».

«Il Ministro ha fatto sua tutta la nostra piattaforma programmatica e ci ha ringraziato per l’importante apporto al decreto xylella, approvato ieri in conferenza Stato-Regioni, dove sono stati inseriti gli interventi per le aziende e i frantoi colpiti, da noi richiesti a gran voce – ha continuato Spagnoletti Zeuli -. Per le gelate è passata la linea del buonsenso da noi proposta, quella di un decreto legge, unica soluzione in grado di dare risposte immediate e concrete con risorse importanti per il ristoro delle aziende e dei lavoratori».

«Per fronteggiare l’emergenza occupazionale, invece, entro il 26 sarà convocato il tavolo interministeriale al Mise, mentre la sottosegretaria Pesce sta già lavorando per il nuovo piano strategico nazionale dell’olivicoltura in grado di rilanciare la produzione italiana», ha detto Spagnoletti Zeuli.

«Abbiamo vinto grazie gli agricoltori di tutti i colori, alle organizzazioni che hanno deciso di mettere da parte le proprie bandiere, ai sindacati, ai Sindaci, ai ragazzi delle scuole, alla sensibilità del Ministro, della Sottosegretaria, al lavoro di queste settimane della Regione e al pressing di diversi parlamentari – ha evidenziato il portavoce dei gilet arancioni -. Gli unici sconfitti di questa storia sono i funzionari nazionali e regionali dell’unica organizzazione rimasta fuori, per sua scelta, da questo progetto unitario, che fino a due giorni fa hanno continuato a dileggiare questa grande iniziativa». «Ha vinto l’amore per la terra, ha vinto la sinergia, hanno vinto gli olivicoltori, hanno perso l’arroganza e la protervia di chi nel settore olivicolo ha soltanto un ruolo marginale», ha concluso Spagnoletti Zeuli.