Biodiversità in agricoltura. La Corte dei conti europea esamina il contributo dell’UE

La Corte dei conti europea sta conducendo un audit per valutare se la politica agricola dell’UE contribuisca a mantenere e a rafforzare la biodiversità. In particolare, esaminerà l’impostazione della strategia dell’UE per la biodiversità e la sua applicazione nella politica agricola comune (PAC). Inoltre, valuterà l’attuazione, il monitoraggio e la valutazione del finanziamento UE a favore della tutela della biodiversità in agricoltura.

La biodiversità agricola riguarda tutti gli ecosistemi e le forme di vita direttamente connesse all’agricoltura. Comprende rare varietà di semi e di razze animali, molti organismi come la fauna del suolo, le erbacce, gli organismi nocivi, i predatori e tutte le piante e gli animali autoctoni che vivono o transitano in un’azienda agricola. La biodiversità nell’UE è in continuo, forte declino, specie a causa dell’attività agricola.

Alla vigilia della Giornata internazionale per la diversità biologica, la Corte ha pubblicato una rassegna preliminare all’audit sul sostegno dell’UE alla biodiversità in agricoltura. Questo tipo di documento fornisce ragguagli su un compito di audit in corso e intende costituire una fonte di informazione per tutti coloro che sono interessati alla politica o ai programmi oggetto dell’audit.

“Secondo l’allarme lanciato da un recente rapporto internazionale, in tutto il mondo sono un milione le specie a rischio di estinzione. Nell’UE, l’agricoltura è il principale responsabile della perdita di biodiversità”, ha affermato Janusz Wojciechowski, il Membro della Corte dei conti europea responsabile dell’audit. “L’audit della Corte determinerà in quale misura l’UE abbia contribuito a correggere e persino a invertire la situazione”.

Nel 2011 l’UE ha adottato la propria attuale strategia sulla biodiversità, che intende contribuire ad arrestare la perdita di biodiversità entro il 2020. Uno dei suoi obiettivi principali è di accrescere il contributo dell’agricoltura affinché venga almeno mantenuto lo stesso livello di biodiversità. Secondo le stime della Commissione europea, per il periodo 2014‑2020 sono stati stanziati circa 85 miliardi di euro per contrastare la perdita di biodiversità. Il sostegno dell’UE alla biodiversità agricola proviene principalmente dalla PAC.

L’audit valuterà il contributo della politica agricola dell’UE nel periodo 2014‑2020 al mantenimento e al rafforzamento della biodiversità da qui al 2020. In particolare, analizzerà se:

  • la strategia dell’UE per la biodiversità e il quadro giuridico della PAC siano stati ben impostati;
  • la Commissione e gli Stati membri abbiano migliorato il contributo dell’agricoltura alla biodiversità;
  • la Commissione si sia valsa di informazioni e di dati pertinenti, attendibili e aggiornati per monitorare e valutare la situazione della biodiversità agricola.

Verranno effettuate visite di audit in cinque Stati membri: Germania, Irlanda, Polonia, Cipro e Romania.