SFK presenta a Parigi l’Electronic Parking Brake

In occasione del SIMA 2009 (a Parigi dal 22 al 26 febbraio), uno degli appuntamenti più importanti a livello internazionale dedicati al mondo dell’industria agricola, SKF presenta una innovazione tecnologica: l’Electronic Parking Brake per trattori e macchine agricole. 

La novità – Nel corso del SIMA, sarà lanciato il nuovo trattore T7000 Auto Command di New Hollandlogo-sima3 Agriculture equipaggiato con il freno di stazionamento elettronico sviluppato da SKF.  Il sistema adottato da New Holland è una soluzione ibrida basata su un freno di emergenza meccanico e un attuatore brevettato SKF smart elettro-meccanico che lavora sul freno di stazionamento della trasmissione.

Massima sicurezza – SKF Electronic Parking Brake  è molto di più di un freno di stazionamento; è stato progettato per assicurare la massima sicurezza degli operatori e aiuta il conducente in tutte le condizioni di guida grazie alle smart function quali  l’Automatic Apply – che interviene quando la chiave è in posizione off sul quadro e in assenza del guidatore -, l’Hill Holder e il Drive Away che evitano al conducente di dover esercitare una forza di 40 Kg per azionare manualmente il freno  aumentando dunque il comfort, soprattutto su terreni in pendenza. La semplicità di installazione del freno di stazionamento elettronico lascia ampia libertà ai progettisti per il posizionamento su veicolo e ne facilita le operazioni di assemblaggio sulla linea di produzione dei produttori di primo montaggio (OEM).

Valore aggiunto –  "Il valore aggiunto che SKF intende offrire riguarda le smart function, proprie dei sistemi meccatronici più evoluti – dichiara Gianluca Oberto, il Direttore della Business Unit Drive-By-Wire di SKF Industrie SpA -. Quando poi il veicolo diventa uno strumento di lavoro, come nel caso del trattore New Holland, queste funzioni impattano direttamente sulla produttività e, indirettamente, sui costi di esercizio".

La tecnologia – SKF Electronic Parking Brake offre, inoltre, vantaggi in termini di impatto ambientale  grazie alla riduzione dei consumi, come nella migliore tradizione del Gruppo svedese. Questa soluzione meccatronica garantisce la distanza minima tra i dischi frenanti evitando dissipazione in attriti  e usure precoci, recuperando quindi potenza e riducendo il consumo del carburante del veicolo.

SKF Electronic Parking Brake si basa su un motoriduttore elettrico, inserito in un contenitore ermetico  con una centralina di controllo integrata. L’attuatore elettro-meccanico, controllato dalla centralina, tira e rilascia il cavo bowden collegato all’impianto frenante del veicolo

SFK – SKF Electronic Parking Brake  è stato sviluppato da SKF in Italia dove, da settembre 2008, è operativa la prima linea di produzione dedicata. SKF ha svolto un ruolo pioneristico nel settore della meccatronica fin dagli anni Settanta, attraverso numerosi progetti in campo aeronautico, producendo i primi sistemi Fly-by-Wire per il controllo potenza motore sugli Airbus negli anni Ottanta. In tempi più recenti nel settore automotive, SKF ha sviluppato numerosi importanti progetti  tra cui le concept car marcianti Drive-by-Wire Filo e Novanta. SKF è un fornitore leader a livello mondiale nel campo di cuscinetti, tenute, meccatronica, servizi e sistemi di lubrificazione. L’offerta di servizio del Gruppo include supporto tecnico, servizi di manutenzione, consulenza ingegneristica e formazione. SKF è rappresentata in oltre 130 paesi ed ha 15mila punti di distribuzione in tutto il mondo. Le vendite del Gruppo per l’anno 2008 sono ammontate a 63.361 milioni di corone svedesi. I dipendenti 44.799.

[vc_gallery type="image_grid" images="38521"]
Informazione pubblicitaria