Frode olio extravergine. Bellanova: lotta contraffazione è priorità. Italia Olivicola: difendere produttori onesti

«Abbiamo un sistema di controlli tra i migliori al mondo. L’operazione odierna conferma che la lotta alla contraffazione deve essere in cima alle nostre priorità per difendere i consumatori e le nostre imprese che lavorano duramente e nelle regole. Ringrazio l’Icqrf e i Carabinieri per il loro impegno quotidiano a salvaguardia del Made in Italy autentico». E’ quanto ha sottolineato il ministro Teresa Bellanova sull’operazione di questa mattina dei Nas di Firenze che ha portato ad arresti ed al sequestro, tra Puglia e Toscana, di ingenti quantitativi di olio di semi contraffatto trasformato in extravergine (LEGGI).

Soddisfazione anche per Gennaro Sicolo, presidente di Italia Olivicola: «Esprimo vivo apprezzamento per l’operazione delle forze dell’ordine che ha consentito di smantellare l’ennesima truffa ai danni dei produttori italiani di olio extravergine d’oliva – ha detto Sicolo -. Italia Olivicola contrasterà sempre, in ogni sede, come dimostrato con la costituzione di parte civile nel più grande processo sulle frodi nel settore olivicolo, quello di Siena sul caso Valpesana, tutte le operazioni illecite ai danni degli agricoltori italiani seri ed onesti. Siamo pronti a lavorare col Ministro Bellanova, con il Sottosegretario L’Abbate, con le forze dell’ordine e la Magistratura per valorizzare la qualità dell’extravergine e combattere tutte le pratiche sleali che inquinano il mercato e rovinano gli sforzi di migliaia di produttori».