Brexit. Cia, accordo positivo. Salvi 3,4 mld di export Made in Italy

Con l’intesa raggiunta tra Ue e Gran Bretagna, si è scongiurata una Brexit senza accordo, che avrebbe significato il ritorno di dazi e barriere doganali. In questo modo, invece, si tutelano sia le imprese che i cittadini, mettendo al sicuro gli scambi commerciali. Una buona notizia per l’agroalimentare italiano, visto che il Regno Unito rappresenta il quarto mercato di sbocco per le esportazioni tricolori e il terzo all’interno dei confini comunitari. Così Cia Agricoltori Italiani, commentando positivamente l’accordo annunciato dal presidente uscente della Commissione Ue Jean-Claude Junker e confermato dal premier inglese Boris Johnson.

Prima che l’intesa possa entrare in vigore, dovrà essere ratificata dall’Ue e dal Regno Unito -ricorda Cia-. Il passo più importante è stato fatto, finalmente, per fornire garanzie ai settori economici e alla società civile ed evitare una hard Brexit. Per questo auspichiamo che, soprattutto da parte de Regno Unito, non ci siano ripensamenti e che già nel voto previsto per sabato si confermi l’intesa raggiunta.

Oggi l’export agroalimentare Made in Italy verso il Regno Unito vale 3,4 miliardi di euro -ricorda l’Ufficio Studi degli Agricoltori Italiani. Tra i prodotti italiani più venduti, in testa c’è il vino, che rappresenta il 24% del totale delle esportazioni Oltremanica, con un fatturato superiore a 830 milioni di euro. Di assoluto rilievo anche il nostro export verso Londra di ortofrutta trasformata (13%) e ortofrutta fresca (6%), così come dei prodotti da forno e farinacei (11%) e dei prodotti lattiero-caseari (9%).

Tra l’altro – conclude Cia – un aspetto di particolare rilievo per l’Italia è che, con l’accordo, si manterrà la tutela sul mercato britannico di tutti i prodotti a indicazione geografica e di qualità (Dop e Igp) assegnati dalla Ue.