Trappola robotica contro la mosca delle olive ed insetti nocivi. Con SpyFly risparmio di tempo e di costi per le aziende agricole

Una trappola robotica contro la mosca delle olive ed altri insetti nocivi. Attira, cattura, fotografa e riconosce tramite algoritmi di intelligenza artificiale gli insetti nocivi e avvisa l’agricoltore. Si chiama SpyFly ed il prodotto di punta di Agrorobotica, una start up innovativa nata nel 2017 che si occupa di agricoltura di precisione e farming management.

«SpyFLy – sottolinea Andrea Sozzi Sabatini, fondatore e Ceo di Agrorobotica (segue video) – è uno strumento molto innovativo, visto che il monitoraggio attuale è inefficiente e fermo da molti anni e prevede ancora l’intervento dell’uomo. Con Spy Fly si riesce invece a fare tutto con lo smartphone, diminuendo sui tempi e sui costi per le aziende. E’ uno strumento particolarmente innovativo che attira e cattura gli insetti nocivi tramite richiami sessuali a feromoni e li riconosce tramite algoritmi di riconoscimento proprietari inviando messaggi di allerta in tempo reale all’agricoltore».

SpyFly Olive è progettata sul comportamento degli insetti con una forma innovativa e funzionale. Ogni SpyFly acquisisce e trasmette autonomamente a intervalli prefissabili non solo informazioni sulla presenza degli insetti ma anche sulla tipologia, sul numero e sulla loro evoluzione nel tempo.

Per la famiglia di prodotti SpyFly sono stati sviluppati algoritmi proprietari ed un hardware specifico.

La SpyFly Olive funziona anche come centralina meteo consentendo di avere contestualmente informazioni sull’evoluzione degli insetti rispetto alle condizioni climatiche. Il SW di management remoto della SpyFly riduce l’interazione umana limitando gli interventi. Per come è progettata la SpyFly può facilmente integrare ulteriori soluzioni HW e SW.

Agricoltura smart L’Intelligenza Artificiale di cui è dotata la SpyFly analizza i dati ambientali rilevati in campo combinandoli con i dati delle catture, ed elabora modelli previsionali in grado di allertare preventivamente l’agricoltore delle condizioni ideali per la presenza degli insetti dannosi. Gli attuali cambiamenti climatici in atto e la maggiore sensibilità dei consumatori verso un’agricoltura sostenibile rendono la SpyFly uno strumento indispensabile per l’agricoltore del terzo millennio.

Per approfondimenti https://primaobservatory.unisi.it/it/projects/project-spyfly-robotic-trap-for-insects-and-pests-monitoring

Poi, Prima Observatory on Innovation, è un progetto nato nel contesto del programma PRIMA, (Partner for Researh and Innovation in the Mediterranean Area) che promuove attività congiunte di ricerca e innovazione tra i paesi mediterranei.