giovedì 20 luglio 2017

Glifosate non cancerogeno? Per Agrofarma riconosciute evidenze scientifiche

Agrofarma (Associazione nazionale imprese agrofarmaci che fa parte di Federchimica) esprime la sua soddisfazione per le conclusioni tratte dall’Echa che oggi ha confermato la non cancerogenicità del glifosate, attendendo adesso la decisione politica della Commissione Europea.

farmer spraying pesticide in paddy field.; Shutterstock ID 129570608; PO: dicembre
farmer spraying pesticide in paddy field.; Shutterstock ID 129570608; PO: dicembre

Probabilmente non cancerogeno Queste conclusioni permettono di riconoscere il giusto valore delle evidenze scientifiche da Agrofarma già sostenute, dato che l’agrofarmaco nel 2016 è stato dichiarato “probabilmente non cancerogeno” già dall’EFSA, l’organismo scientifico specificamente deputato a questo compito dalle autorità europee e dai Paesi membri. Anche FAO e OMS si sono espresse congiuntamente per l’improbabile cancerogenità della sostanza.

Valutazioni I test e le valutazioni sugli agrofarmaci vengono condotti da istituzioni scientifiche deputate a questo specifico compito dalle autorità nazionali ed europee, a garanzia della salute dei cittadini e dell’ambiente, e secondo metodologie e criteri scientificamente validati e definiti per legge. Se da tale valutazione emerge un risultato positivo, come nel caso del glifosate, il prodotto è da ritenersi in maniera definitiva sicuro per gli utilizzi secondo le indicazioni di impiego riportate nelle etichette autorizzate.



Send this to friend