martedì 24 aprile 2018

Cina e cuore dell’America gli obiettivi del vino italiano. Entro 2020 consumi in crescita. «Brexit? Un’opportunità»

«Dallo studio degli scenari possiamo prevedere da qui al 2020 una crescita sia nella produzione (+2,4%), sia soprattutto sui consumi mondiali di vino, per i quali si annuncia un incremento complessivo del 4,3%, con punte in Cina, (+21,6%), Russia (+6,1%) e Usa (5,7%). Tra i Paesi produttori, è l’Italia a crescere di più, con un aumento delle vendite in valore del 10% nel prossimo quadriennio, meglio di Francia e Cile (+6,1%), Usa (+4,3%) e Spagna (+3,6%)». È la sintesi dell’Outlook vino 2020 offerta nel corso della seconda giornata di Vinitaly dal direttore generale di Ismea, Raffaele Borriello.

main.Vinitaly2017_Veronafiere_FotoEnnevi_VAL_9729_20170410
© Foto Veronafiere-ENNEVI

«BREXIT? OPPORTUNITA’ DA COGLIERE» Per il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani: «Questo outlook dice che c’è ancora molto da fare, non solo in Cina ma anche negli Stati Uniti. Qui il vino italiano è polarizzato soprattutto sulla costa atlantica, mentre dobbiamo cominciare a ragionare sul cuore dell’America, in quelle aree centrali dove il nostro vino non è ancora così presente. E se il prezzo – ha proseguito Mantovani – rimane il tallone d’Achille del nostro prodotto, sul fronte Brexit è significativo e positivo il fatto che 4-500 nuovi buyer inglesi abbiano deciso di partecipare quest’anno al Vinitaly. Non escludo – ha aggiunto Mantovani su Brexit – che ciò che sta succedendo non possa trasformarsi in opportunità per il vino italiano.

CINA SEMPRE PIU’ VICINA «Spicca – ha proseguito Borriello – l’incremento dei consumi previsto in Cina, che raggiungerà così i livelli della Germania, mentre i consumi interni del nostro Paese resteranno stabili (+0,9%) dopo i minimi dell’ultimo quinquennio. Sul fronte del valore medio all’esportazione, che rimane ancora basso rispetto alla Francia, c’è da sottolineare come l’Italia sia cresciuta del 20% nel biennio 2014-2016 rispetto al 2011-2013, contro il +9% del nostro principale competitor». Lo studio, realizzato attraverso la simulazione degli impatti determinati dall’evoluzione degli scenari di mercato, è stato presentato oggi in un confronto con il viceministro Mipaaf, Andrea Olivero, il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani, il presidente di Bevology Inc, Steve Raye, il responsabile acquisti internazionali di Cofco, Aline Bao, e il country manager Alibaba per Italia Spagna e Grecia, Rodrigo Cipriani Foresio.

main.Vinitaly2017_Veronafiere_FotoEnnevi__MG_9116_20170410



Send this to friend