Combustibili puliti dai residui dell’industria alimentare, i risultati di due progetti Mipaaf

Si è svolta all’Accademia dei Georgofili, come iniziativa “Verso EXPO 2015”, una giornata di studio su: “Biotecnologie microbiche del futuro:idrogeno e metano da residui dell’industria alimentare”, nel corso della quale sono presentati i risultati di due progetti di ricerca finanziati dal MIPAAF, con l’ obiettivo di recuperare energia in forma di idrogeno e metano da scarti di attività agroindustriali. Ogni anno vengono prodotte ingenti quantità di scarti vegetali ed il loro smaltimento generalmente costituisce un problema di natura sia economica che ambientale. I due progetti che sono stati presentati nel corso della giornata di studio, e che hanno visto coinvolti gruppi di ricerca dell’Università di Firenze e del Molise, coordinati dal prof Roberto De Philippis, e dell’Università di Bologna, coordinati dal prof Franco Magelli, hanno studiato e messo a punto sistemi di produzione idrogeno e metano a partire dalla trasformazione degli scarti vegetali condotta da microrganismi specializzati per questo tipo di processi. I risultati ottenuti hanno mostrato le buone prospettive dei processi studiati, sia in termini di energia recuperata che di pretrattamento degli scarti vegetali ,e al tempo stesso, hanno indicato in quale direzione vada sviluppata la ricerca futura per arrivare alla realizzazione di un processo industriale economicamente sostenibile.