Dalla parte degli ultimi

“Dalla parte degli ultimi”. Vandana Shiva, esperta mondiale dei temi della biodiversità, affascinata dalle teorie di Slow Food ha recentemente pubblicato il suo nuovo libro dedicato al mondo agricolo e ai contadini. Un volume che è un po’ autobiografia e un po’ storia del mondo. Shiva racconta la sua vita di militante, riprende tematiche come la gestione delle foreste, il diritto ai semi e la salvaguardia dei beni comuni (l’acqua, la terra, l’aria), evidenziando l’impegno e l’amore per la sua terra, l’India. Ma il volume è anche l’occasione per raccontare la vita difficile dei contadini, le vittorie e le sconfitte, le gioie e lo sconforto di una battaglia che ogni giorno milioni di persone si ritrovano a combattere. Uno sguardo all’India ma anche al resto del mondo, analizzato attraverso le tematiche che sono proprie della studiosa indiana (il diritto ai semi, la biopirateria, la non-brevettibilità della vita) leggendole sotto una luce nuova, quella che mette al centro della rinascita dell’agricoltura il recupero dei saperi e del ruolo delle comunità locali per creare un rinnovato rapporto fra l’uomo e la terra, basato sul rispetto reciproco e su un’idea di futuro possibile. Un volume che è un manifesto e una dichiarazione di impegno personale per rendere migliore e più vivibile il mondo che ci ospita.

“Dalla parte degli ultimi”, Slow Food Editore, pp 128, euro 13,50